Polestar 1| superati crash test interni sulla struttura in fibra di carbonio


La Polestar 1 ha dimostrato un elevato grado di sicurezza e affidabilità dopo essere stata sottoposta a specifici crash test interni del marchio svedese che hanno messo alla prova la resistenza della fibra di carbonio in simulazioni di incidenti reali.
Rispetto al corpo auto in acciaio dove la flessione aiuta a ridurre le energie dell’impatto che raggiunge gli occupanti del veicolo, la fibra di carbonio dissipa le energie rompendosi e frantumandosi. Nello sviluppo della vettura, Polestar ha riservato particolare attenzione al modo in cui la fibra di carbonio ha reagito alle forze estreme nelle prove d’impatto.
Il prototipo della Polestar 1 è stato spinto contro una barriera a 56 km/h simulando una collisione frontale. La maggior parte dell’energia che è stata assorbita dalla struttura della vettura, mentre il resto è stato attenuato dai pannelli in fibra di carbonio. La struttura dell’auto è rimasta rigida e dopo l’impatto non ha registrato né segni di flessione né di disallineamento.
Zef van der Putten, responsabile per la fibra di carbonio di Polestar, commenta: “Il risultato di questo primo crash test convalida la decisione di costruire il corpo della Polestar 1 in fibra di carbonio. Conferma anche che la fibra di carbonio supporta i più alti standard di sicurezza. Questo è un esempio di come Polestar lancia lo sviluppo della nuova tecnologia nel Gruppo Volvo“.


Leggi anche

Così come altre maggiori industrie globali, i sistemi di trasporto di massa “lottano” per migliorare l’efficienza e ridurre i costi di gestione. Per i progettisti di carrozze ferroviarie merci e passeggeri questo ha significato approcciare nuovi materiali e tecniche di produzione. Ne è un esempio l’uso massiccio di materiali FRP per produrre strutture di basso peso e alta resistenza. bigHead con la sua vasta esperienza nei fissaggi lavora a fianco dei progettisti dei clienti per trovare soluzioni ad hoc….

Leggi tutto…

Ford Motor Company, in collaborazione con WMG, the University of Warwick ha sviluppato uno snodo posteriore in materiale composito ottenendo una riduzione del peso potenziale del 50% rispetto all’attuale componente in acciaio. Le prove di fabbricazione della versione in fibra di carbonio sono attualmente in corso per sviluppare il processo di produzione di massa su larga scala

Leggi tutto…

L’innovativa tecnica “Low Cure Clear Coats” permette di essiccare la vernice già a 100° in un unico passaggio fra corpo vettura e parti in carbonio e materiali compositi. A rendere uniche le vetture del Cavallino Rampante non sono solamente il marchio, il design e le prestazioni, ma anche le tinte della carrozzeria, che si servono di una tecnica di verniciatura inedita nel panorama automobilistico

Leggi tutto…

La coupé BMW M2 M Performance Parts Concept trasmette sportività da ogni angolazione, grazie ad un attento utilizzo dei materiali compositi. Stile atletico, cattiveria innata e una netta cura dimagrante (oltre 60 kg), questo il risultato di un’autovettura dove la fibra di carbonio è protagonista

Leggi tutto…

Alpine A110, la più iconica delle vetture prodotte da Renault, torna in vita in quella che può essere considerata qualcosa che va oltre la classica operazione nostalgia. Se siete possessori di una Smart Roadster potete oggi convertirla in una copia piuttosto fedele della “berlinette bleue” grazie ai materiali compositi che per le loro peculiarità possono essere lavorati e plasmati per creare una perfetta replica della coupé Smarlinette!

Leggi tutto…