Università Politecnica della Marche: aperte le iscrizioni per il corso di perfezionamento in Ingegneria dei materiali compositi

Il Corso di Perfezionamento in “Ingegneria dei Materiali Compositi”, della durata di 120, si svolgerà presso la sede della facoltà di Economia dell’Università Politecnica delle Marche nella sede di San Benedetto del Tronto. Al Corso sono ammessi come partecipanti coloro che sono in possesso di un diploma di laurea triennale, specialistica/magistrale o a ciclo unico. I partecipanti al Corso possono accedere all’Avviso pubblico Regione Marche per la presentazione di domande.

Il Corso intende fornire una panoramica ad ampio spettro sui materiali compositi, con particolare attenzione a quelli avanzati alto-prestazionali. In particolare, il Corso inizierà con un’introduzione riguardante lo stato dell’arte, le applicazioni dei materiali compositi e i vantaggi derivanti dal loro utilizzo. Dopo di ciò, si analizzeranno le matrici e i rinforzi, disponibili sul mercato, sia dal punto di vista fisico-chimico che da quello prestazionale. Verranno inoltre mostrati i principali tipi di core utilizzati per la produzione di pannelli sandwich. Successivamente, saranno introdotti i concetti fondamentali relativi alla meccanica dei materiali compositi; sarà data particolare enfasi al comportamento micro-meccanico delle lamine, analizzando l’interazione fibra-matrice e le loro proprietà elastiche. Dopo di ciò si passerà alla macro-meccanica con la teoria della laminazione.

Il Corso prosegue con la disamina dei principali metodi di progettazione dei materiali compositi, partendo dall’analisi delle proprietà meccaniche statiche e a fatica fino ad arrivare alla predizione della frattura nei laminati. La parte successiva sarà dedicata allo studio dei metodi produttivi maggiormente utilizzati per la realizzazione di manufatti in composito. In particolare, dopo una parte di studio riguardante i fondamenti della cura delle matrici, si presenteranno i metodi manifatturieri basati sul prepreg e sulla fibra secca e ne verranno analizzati i pro e contro sia da un punto di vista prestazionale che di costo. Il Corso si conclude con la descrizione dei metodi utilizzati per il controllo della qualità dei prodotti (ultrasuoni, termografia, etc.) e dei processi produttivi e dei sistemi di monitoraggio di processo.

Nell’ambito del Corso verranno proposti dei seminari durante i quali rappresentanti di aziende di primaria importanza nel panorama nazionale e internazionale discuteranno in merito l’utilizzo dei materiali compositi da loro utilizzati nelle loro attività. Infine, saranno condotte delle sessioni di brainstorming su ‘case-study’ reali.

Per gli iscritti all’ordine degli ingegneri, la partecipazione al corso o a parti di esso porta all’acquisizione dei crediti CFP. La scadenza della presentazione delle domande di ammissione è il 12 settembre 2018

Per informazioni dettagliate sul corso e sulla modalità di iscrizione è possibile consultare il sito https://lnkd.in/dTgXwY9 


Leggi anche

Gli UAV (unmanned aerial vehicle), i veicoli aerei senza pilota, ora sono droni e la tecnologia dei droni guarda oggi ai materiali compositi. Una delle grandi promesse di utilizzo dei compositi nei droni è quella di abilitare i sistemi persistenti di lunga durata che forniscono un accesso a Internet WiFi su ampia area. Due i prototipi in volo, L’ Aquila di Facebook e il Jungle Hawk Owl prodotto dall’Istituto di tecnologia del Massachusetts

Leggi tutto…

Introduzione alle metodologie di calcolo e di caratterizzazione
Clicca e scopri di cosa si parlerà durante la prima giornata di corso

Leggi tutto…

Annunciato un nuovo kit wide-body per la Porsche 991, si tratta di il un insieme di nuove barre paraurti anteriori e posteriori, passaruota anteriori estesi con piccole prese d’aria incorporate in un diffusore sul retro. Per completare il look, TopCar Porsche ha sviluppato anche in carbonio il cofano e lo spoiler posteriore….

Leggi tutto…