Ferrari: migliora la frenata grazie al nuovo disco in carbonio


La Brembo ha portato in Messico un disco in carbonio in esclusiva per la Rossa che dispone di un nuovo materiale che permette di sottilizzare le pareti per aumentare il numero dei fori di raffreddamento. La gara in altura a Città del Messico era l’ideale per valutare l’evoluzione del disco che può arrivare ad avere un raffreddamento potenziato da oltre 1.400 fori. L’ideale per l’aria molto rarefatta dell’appuntamento iridato in Sud America, dove non era facile avere il controllo delle temperature dei motori e dei freni.

L’incremento dei fori (nella versione precedente non si superavano i 1.200 buchi) è stato possibile solo grazie all’adozione di un nuovo materiale nei compositi del carbonio grazie al quale è possibile controllare l’usura del disco che non deve superare 0,5 mm, nell’arco di una gara. La nuova soluzione, infatti, riduce sensibilmente lo spessore del disco nella parte più esterna della struttura, facilitando l’adozione di un settimo foro per ogni fila che si conta in diagonale. Si consideri che venti anni fa si contavano solo una trentina di grossi fori per il raffreddamento, mentre il numero è andato ad aumentare drasticamente negli ultimi cinque anni quando è iniziata l’ascesa oltre i 100 fori.

I nuovi disco freno in fibra di carbonio sono ideati e realizzati all’interno della Carbon Factory, l’azienda del Gruppo inaugurata ad inizio di quest’anno e destinata allo sviluppo delle componenti dei freni in fibra di carbonio utilizzati nel motorsport, fiore all’occhiello di Brembo.


Leggi anche

Il mercato del composito, prima esclusivo del racing e delle supercar, è sempre più orientato alla definizione di strutture leggere che permettano minori consumi e miglior efficienza su veicoli di uso comune. Abbiamo intervistato Francesco Varrasi, CEO di Mind Composites, azienda Italiana attiva dal 2006 specializzata nell’industrializzazione di componenti in materiale composito….

Leggi tutto…

Un materiale che non manca mai su una pista, il filamento CF-PA12, e che ora supera di gran lunga il suo tradizionale impiego. Arricchito con la fibra di carbonio è stato adoperato nella stampa 3D. La gara ufficiale di Formula Student è stato lo scenario perfetto per sperimentare il neonato collettore di aspirazione stampato dalla società polacca Omni3D….

Leggi tutto…

Per aumentare la sicurezza dei caschi indossati dai piloti del motorsport a 4 ruote la Federazione Internazionale dell’Automobile ha introdotto a partire da quest’anno un nuovo regolamento, più rigido e restrittivo. Le specifiche tecniche da rispettare per ottenere l’approvazione riguardano la conformazione e la struttura dei caschi così da limitare danni e incidenti alla testa, la zona più delicata e al tempo stesso più esposta del conducente….

Leggi tutto…

Con grandi progressi tecnologici lungo la catena, l’industria dei compositi riesce ad automatizzare e ridurre i tempi dei processi di produzione. Questi sviluppi sono stati di grande rilevanza per COMPOSITES EUROPE 2018 che si è svolto per la tredicesima volta dal 6 all’8 Novembre. Le prospettive per l’intera industria dei Compositi sono decisamente buone e con enormi potenziali….

Leggi tutto…

Il polo McLaren di Sheffield, centro di eccellenza della casa automobilistica inglese per la ricerca e produzione di componenti in materiali compositi rinforzati con fibra di carbonio, ha in serbo grandi progetti per il 2019. Costato oltre 50 milioni di sterline, è il secondo impianto produttivo di McLaren Automotive…

Leggi tutto…