Fotorilevatore più efficiente grazie al grafene

I fotorivelatori sono sostanzialmente sensori di luce, utilizzati per dispositivi come fotocamere e simili e lavorano percependo i fotoni. L’utilizzo del grafene permette un più ampio spettro di luce rispetto ai dispositivi simili, anche quelli più all’avanguardia, perché è in grado di assorbire energia da una più ampia porzione dello spettro elettromagnetico.

La qualità dei fotorilevatori, in termini di utilità e versatilità, dipende in gran parte da questi tre fattori: velocità operativa, sensibilità ai bassi livelli di luce e quantità di spettro percepibile.  Questo nuovo fotorivelatore presenta miglioramenti in tutte e tre le aree, come specifica Mona Jarrahi, professoressa di ingegneria elettrica e informatica alla UCLA: “Il nostro fotorivelatore potrebbe estendere l’ambito e i potenziali usi dei fotorivelatori nei sistemi di imaging e di rilevamento. Potrebbe migliorare notevolmente l’imaging termico nella visione notturna o nelle applicazioni di diagnosi medica dove le sottili differenze di temperatura possono fornire ai medici molte informazioni sui loro pazienti e potrebbe anche essere utilizzato nelle tecnologie di rilevamento ambientale per identificare con maggiore precisione la concentrazione di inquinanti”.


Leggi anche

Riduce da ore a minuti i tempi di preparazione degli attrezzi nello stampaggio di materiali compositi nell’industria aerospaziale e risulta particolarmente efficace per componenti in prepreg epossidico di fibra di carbonio realizzati sottovuoto e con stampaggio in autoclave….

Leggi tutto…

Riuscire ad aumentare l’efficienza del solare termodinamico cambiando i materiali impiegati come scambiatori di calore. Questo l’obiettivo della ricerca condotta da alcuni ingegneri della Purdue University in collaborazione con altri atenei statunitensi. Il team di ricercatori ha creato lastre composite in metallo-ceramica in grado di sovraperformare gli attuali scambiatori di calore nel solare a concentrazione…

Leggi tutto…

La National Graphene Association (NGA), la principale organizzazione negli Stati Uniti che difende e promuove la commercializzazione del grafene, è entrata a far parte del Centro di ingegneria e innovazione di Graphene (GEIC) presso l’Università di Manchester. Lo scopo del GEIC è fornire una ricerca e una struttura tecnologica all’avanguardia. I partner affiliati, come anche NGA, partecipano all’espansione futura di prodotti e innovazioni in grafene…

Leggi tutto…

Anche la mobilità ferroviaria guarda ai materiali compositi e alla sua evoluzione. Grazie alla tecnologia dei materiali Bercella è stato completato lo sviluppo e il test di un supporto a parete in composito per sostenere i sedili dei treni…

Leggi tutto…

Lo scopo del rapporto è ampio in quanto copre una varietà di materiali compositi che vengono utilizzati a livello globale: resine, riempitivi, rinforzi, fibre naturali e nanocompositi. Il rapporto fornisce le previsioni sul fatturato dal 2017 al 2022 per ciascuno di questi principali tipi di materiali compositi, per i loro sottotipi, Inoltre, la relazione si concentra sui principali driver del mercato, le attuali tendenze nel settore e le principali industrie degli utenti finali per il mercato globale composito…

Leggi tutto…