Fotorilevatore più efficiente grazie al grafene

I fotorivelatori sono sostanzialmente sensori di luce, utilizzati per dispositivi come fotocamere e simili e lavorano percependo i fotoni. L’utilizzo del grafene permette un più ampio spettro di luce rispetto ai dispositivi simili, anche quelli più all’avanguardia, perché è in grado di assorbire energia da una più ampia porzione dello spettro elettromagnetico.

La qualità dei fotorilevatori, in termini di utilità e versatilità, dipende in gran parte da questi tre fattori: velocità operativa, sensibilità ai bassi livelli di luce e quantità di spettro percepibile.  Questo nuovo fotorivelatore presenta miglioramenti in tutte e tre le aree, come specifica Mona Jarrahi, professoressa di ingegneria elettrica e informatica alla UCLA: “Il nostro fotorivelatore potrebbe estendere l’ambito e i potenziali usi dei fotorivelatori nei sistemi di imaging e di rilevamento. Potrebbe migliorare notevolmente l’imaging termico nella visione notturna o nelle applicazioni di diagnosi medica dove le sottili differenze di temperatura possono fornire ai medici molte informazioni sui loro pazienti e potrebbe anche essere utilizzato nelle tecnologie di rilevamento ambientale per identificare con maggiore precisione la concentrazione di inquinanti”.


Leggi anche

Con grandi progressi tecnologici lungo la catena, l’industria dei compositi riesce ad automatizzare e ridurre i tempi dei processi di produzione. Questi sviluppi sono stati di grande rilevanza per COMPOSITES EUROPE 2018 che si è svolto per la tredicesima volta dal 6 all’8 Novembre. Le prospettive per l’intera industria dei Compositi sono decisamente buone e con enormi potenziali….

Leggi tutto…

Gli scienziati dell’Università di Manchester ritengono che i compositi in fibra di juta naturale rinforzati con grafene potrebbero rivelarsi una combinazione vincente. I dati dimostrano come il grafene potrebbe essere fondamentale nella creazione di un’alternativa più economica e più ecocompatibile ai compositi sintetici per usi finali nelle principali aree produttive come l’industria automobilistica, la costruzione navale, le pale eoliche durevoli e le basse costo delle abitazioni…

Leggi tutto…

La startup Moi, nata all’interno di + Lab del Politecnico di Milano, ha sviluppato e brevettato una tecnologia di stampa 3D in grado di realizzare prodotti ad elevate prestazioni in materiale composito guadagnandosi la vittoria del Pin, Premio Nazionale Innovazione 2018, il concorso legato a idee e business plan del mondo universitario…

Leggi tutto…

Lo sviluppo congiunto cliente – bigHead favorisce alcune applicazioni migliorandone il disegno finale, aumentando le prestazioni e riducendo i costi. Un esempio è stato l’utilizzo di materiali compositi da parte di Siemens per le navicelle usate sulle nuove turbine eoliche offshore 6MW. È stato sostituito un pannello in acciaio – per la manutenzione e relativo fissaggio con bulloni – con uno in composito e bigHead….

Leggi tutto…

Venerdì 30 novembre dalle ore 14:00, presso il Politecnico di Milano, Assocompositi organizza un incontro di presentazione aperto a tutti gli operatori del settore del documento tecnico CNR DT 215/2018 sulle ”Istruzioni per la Progettazione, l’Esecuzione ed il Controllo di Interventi di Consolidamento Statico mediante l’utilizzo di Compositi Fibrorinforzati a matrice inorganica”, sottoposto ad inchiesta pubblica fino al 31 gennaio 2019…

Leggi tutto…