Koenigsegg Regera: la prima auto in carbonio non trattato


La casa svedese di hypercar ha deciso di fornire, per chi lo desiderasse, la possibilità di avere le ultime Regera con un corpo vettura denominato Naked Carbon: in pratica con la fibra di carbonio a vista senza strato di trasparente, una livrea molto particolare che non ha bisogno di finiture a parte quelle effettuate a mano. Un processo di lucidatura a mano, molto delicato. Koenigsegg ha infatti sottolineato che anche un solo passaggio in più avrebbe potuto rovinare la superficie liscia. La carrozzeria viene lasciata allo stato puro, privata di ogni strato e di ogni resina che normalmente la rivestono e proteggono. Si potranno così accarezzare i pannelli in fibra di carbonio senza filtri alcuni ed ottenere nel contempo una livrea che non ha paragoni a livello di fascino.
Koenigsegg assicura che la carrozzeria è resistente e meno soggetto a graffi o segni prodotti da elementi atmosferici e ghiaia. Sono stati effettuati numerosi test su diversi campioni, lasciati esposti al caldo estivo o al freddo e alla pioggia invernale. Per anni questi campioni sono stati lasciati all’aperto e nessuno ha mostrato segni di cedimento. Gli ottimi risultati permettono quindi di utilizzare questa tecnica per un’intera vettura.
La mancanza dei rivestimenti alla carrozzeria in fibra di carbonio ha consentito alla Regera di risparmiare 20 kg, rispetto al modello standard, così adesso fa segnare 1.400 kg tondi tondi sulla bilancia. Una cifra che, per una sportiva spinta da un V8 5.0 più tre motori elettrici e capace di erogare qualcosa come 1.500 CV e 2.000 Nm di coppia massima, risulta decisamente contenuta. Sempre spettacolari le prestazioni che garantiscono uno scatto da 0 a 100 km/h in appena 2,8 secondi ed una velocità massima di oltre 400 km/h.


Leggi anche

E’ stata la frenata uno dei punti di forza del Team Ferrari che ha portato Sebastian Vettel al raggiungimento del secondo posto nel GP del Messico. In quest’occasione è stata utilizzata, in esclusiva per la Rossa, una nuova generazione di disco freno Brembo …

Leggi tutto…

Così come altre maggiori industrie globali, i sistemi di trasporto di massa “lottano” per migliorare l’efficienza e ridurre i costi di gestione. Per i progettisti di carrozze ferroviarie merci e passeggeri questo ha significato approcciare nuovi materiali e tecniche di produzione. Ne è un esempio l’uso massiccio di materiali FRP per produrre strutture di basso peso e alta resistenza. bigHead con la sua vasta esperienza nei fissaggi lavora a fianco dei progettisti dei clienti per trovare soluzioni ad hoc….

Leggi tutto…

Ford Motor Company, in collaborazione con WMG, the University of Warwick ha sviluppato uno snodo posteriore in materiale composito ottenendo una riduzione del peso potenziale del 50% rispetto all’attuale componente in acciaio. Le prove di fabbricazione della versione in fibra di carbonio sono attualmente in corso per sviluppare il processo di produzione di massa su larga scala

Leggi tutto…

L’innovativa tecnica “Low Cure Clear Coats” permette di essiccare la vernice già a 100° in un unico passaggio fra corpo vettura e parti in carbonio e materiali compositi. A rendere uniche le vetture del Cavallino Rampante non sono solamente il marchio, il design e le prestazioni, ma anche le tinte della carrozzeria, che si servono di una tecnica di verniciatura inedita nel panorama automobilistico

Leggi tutto…

La coupé BMW M2 M Performance Parts Concept trasmette sportività da ogni angolazione, grazie ad un attento utilizzo dei materiali compositi. Stile atletico, cattiveria innata e una netta cura dimagrante (oltre 60 kg), questo il risultato di un’autovettura dove la fibra di carbonio è protagonista

Leggi tutto…