Researchers develop a model for a new composite for tensile strength

Materials scientists always try to develop new composite materials or combinate some composites in way to understand if they might work together so that the useful properties of one component enhance those of the other and vice versa. Often, the use of computation and modelling can help to calculate the likely outcomes of combining certain components.

Recently, a group of researchers formed by Divakara Rao and Udaya Kiran of the J.B. Institute of Engineering and Technology, in Hyderabad, and Eshwara Prasad of the Jawaharlal Nehru Technological University also in Hyderabad, reveals a mathematical model that can be used to optimize a novel composite for tensile strength. The material is made from the synthetic polymer, polyester, and human hair as a reinforcing component. The article was published in the «International Journal of Computational Materials Science and Surface Engineering».

The researchers prepared polymer-based composites using chopped fibres of human hair at between 5 and 25 percent by weight and with fibre lengths of 10 to 50 millimetres. They collected data from tensile strength testing of these experimental composites, and used these data to build a model that might then help to improve the formulation of new composites.

Given the need for novel composites with new properties and a need to reduce our reliance on petrochemicals and invoke the use of renewable materials, brushing up on hair science in this context makes complete sense. There are, of course, many other natural fibres that might also be incorporated into semi-synthetic composites for a wide range of materials science and engineering applications.

Source: Phys.org – The news is adapted with editorial change made by Compositi magazine.


Leggi anche

Oggi è possibile realizzare un modulo termoelettrico organico morbido ed estensibile che può raccogliere energia dal calore corporeo. La svolta è avvenuta grazie a un nuovo materiale composito che potrebbe essere ampiamente utilizzato in abbigliamento intelligente, elettronica indossabile e pelle elettronica. A sviluppare il materiale, i ricercatori del laboratorio di elettronica organica dell’Università di Linköping…

Leggi tutto…

I ricercatori della North Carolina State University hanno dimostrato che le schiume di metallo composito (CMF) possono superare i cosiddetti “test simulati di incendi da pozza” a pieni voti, aprendo al materiale la strada per l’utilizzo in applicazioni come l’imballaggio e il trasporto di materiali pericolosi. Inoltre, i ricercatori hanno impiegato questi dati sperimentali per sviluppare un modello per prevedere in che modo le variazioni del CMF influirebbero sulle sue prestazioni…

Leggi tutto…

Un gruppo di ricercatori ha presentato un nuovo nanomateriale, flessibile a tal punto da poter essere tessuto nel tessuto degli indumenti e dotato di capacità di rilevamento che potrebbero servire come sistema di allarme rapido per segnalare variazioni di temperatura del corpo, aiutando a monitorare lo stato di salute dell’individuo…

Leggi tutto…

Un team internazionale di scienziati ha scoperto un nuovo materiale che può essere stampato in 3D per creare strutture vascolari simili a tessuti. La ricerca è stata pubblicata su Nature Communications…

Leggi tutto…

The resin - hardened under water

TU Wien ha brevettato una speciale formula di resina epossidica che consente di trasformare il materiale dallo stato liquido a quello solido se una parte di esso è irradiata da una luce appropriata. Il processo è stato eseguito anche sott’acqua, questo permetterà di impiegare la resina anche in interventi difficili da realizzare fino a oggi: per esempio, il riempimento di fessure subacquee in pilastri o dighe o la riparazione di tubi durante le operazioni in corso …

Leggi tutto…