Settore ferroviario: superati i test per i supporti dei sedili a parete in composito


Composites Evolution, Bercella e Element Materials Technology (Element) hanno completato con successo lo sviluppo e il test di un supporto composito a sbalzo per sedili passeggeri ferroviari. Il componente, lungo 1 metro pesa meno di 5 kg, ha superato una vasta gamma di test eseguiti da Element. La valutazione includeva carichi statici, cicli di fatica e prove di incendio secondo la norma EN 45545.
Il supporto del sedile è stato prodotto da Bercella utilizzando il prepreg Evopreg PFC di Composites Evolution con un rinforzo in fibra di carbonio. Evopreg PFC è stato scelto per questa applicazione per le sue eccellenti proprietà antincendio e per la bassa tossicità. La resina a base di alcol polifurfurilico è al 100% bio-derivata.
I supporti del sedile a sbalzo sono stati montati sulla parete di una carrozza ferroviaria anziché sul pavimento. La struttura in composito leggero offre vantaggi sia in termini di riduzione del consumo di energia del treno e di carichi sugli assali inferiori sia per la gestione di un migliore accesso per la pulizia e il deposito bagagli.
Il supporto del sedile sarà esposto allo stand di Composites Evolution (N99) in occasione dell’Advanced Engineering, in programma a Birmingham, nel Regno Unito, dal 31 ottobre e il 1 ° novembre 2018.


Leggi anche

Linea Guida per la identificazione, la qualificazione ed il controllo di accettazione di compositi fibrorinforzati a matrice inorganica (FRCM) da utilizzarsi per il consolidamento strutturale di costruzioni esistenti…

Leggi tutto…

RIMTA, the Rhode Island Marine Trades Association has the aim to turn old boats into cement. The fiberglass recycling pilot project has been launched thanks to new funding from BoatUS Foundation….

Leggi tutto…

E’ la nuova frontiera che rivoluzionerà molti settori, dalla nano robotica all’elettronica. Il gel permette di assemblare minuscoli oggetti di qualsiasi forma, materiale e complessità per poi rimpicciolirne le dimensioni di dieci volte. La tecnica, chiamata “fabbricazione per implosione” (ImpFab), è stata messa a punto negli Stati Uniti, al Massachusetts Institute of Technology (Mit)…

Leggi tutto…

Gli scienziati della Università nazionale di scienze e tecnologie MISiS, in Russia, insieme ai colleghi dell’Istituto centrale di ricerca e sviluppo metallurgico de Il Cairo, in Egitto, hanno sviluppato un materiale composito in grado di migliorare la chimica degli assorbitori nel solare termodinamico a torre…

Leggi tutto…

Con grandi progressi tecnologici lungo la catena, l’industria dei compositi riesce ad automatizzare e ridurre i tempi dei processi di produzione. Questi sviluppi sono stati di grande rilevanza per COMPOSITES EUROPE 2018 che si è svolto per la tredicesima volta dal 6 all’8 Novembre. Le prospettive per l’intera industria dei Compositi sono decisamente buone e con enormi potenziali….

Leggi tutto…