Continuous fiber reinforced thermoplastics (cFRTP) in CAMPUS database

Leading plastics producers worldwide have been using the CAMPUS database for more than 30 years to provide their customers with important and high-quality material data. Due to the consistent adherence to testing standards, CAMPUS offers the best data quality worldwide and guarantees comparable data of all materials. Until now, CAMPUS has mainly offered data of injection moldable thermoplastics. Continuous fiber reinforced thermoplastics could not be taken into account because there was a lack of uniform testing procedures for material characterization in industry.

Since 2015, an expert task force of material suppliers has been working on this issue under the umbrella of the AVK. The aim is to work out a generally accepted characterization procedure for continuous fiber-reinforced thermoplastics in the form of tradable semi-finished products (organic sheets or tapes). In addition, the international standardization of the newly developed procedures is in focus.

Well-known material suppliers work directly together in this expert tasks force (Arkema, Bond Laminates/Lanxess, Covestro, DSM, Mitsui Chemicals, Profol, Sabic, Solvay), organized and scientifically managed by the institute for composite materials. There is also a close exchange with a monitoring committee of the automotive industry consisting of OEMs (BMW, Daimler, Ford, Opel…).

The work of the AVK expert task force is well advanced and first results are available which allow this new class of materials to be included in CAMPUS. The operators of CAMPUS were convinced of the usefulness of the proposed testing procedures and gave their permission for integration. The new extended version of CAMPUS with material data for continuous fiber-reinforced thermoplastics was publicly released at the end of last year.

In a first step, the essential parameters for the description of the basic material properties are released. This enables the user to preselect materials based on these properties and to design structures with these materials. Besides general product information (manufacturer, processing, …), mechanical values (directional stiffness and strengths), thermal values (expansion coefficients) and general characteristic values (density, …) can be found in the database.

In the future, additional parameters will follow in further steps, especially in regard to the usage of material data in CAE software.

Further information and demonstrations can be found at http://www.campusplastics.com and www.ivw.uni-kl.de/avk-cfrtp-campus.

Source: AVK


Leggi anche

Tra gli strumenti per caratterizzare la qualità di materiali bidimensionali come il grafene una tecnica standard è la spettroscopia Raman, che ha però un grosso svantaggio: la bassa velocità. Inoltre, la luce laser impiegata può danneggiare alcuni dei materiali analizzati. I ricercatori dell’Università di Twente hanno migliorato il sistema con un algoritmo intelligente per il rilevamento, che consente di renderlo almeno 50 volte più veloce e meno aggressivo sui materiali sensibili…

Leggi tutto…

Una nuova ricerca condotta da ingegneri dell’Università dell’Illinois combina la sperimentazione su scala atomica con la modellizzazione computerizzata per determinare quanta energia è necessaria per piegare il grafene multistrato, una domanda che ha interpellato gli scienziati da quando il grafene è stato isolato per la prima volta…

Leggi tutto…

I ricercatori del Paul Scherrer Institute (PSI) hanno perfezionato un metodo per lo scattering di raggi X ad angolo ridotto (SAXS) così che ora può essere utilizzato nello sviluppo o nel controllo qualità di nuovi compositi fibrorinforzati. Ciò significa che in futuro questi materiali potranno essere studiati non solo con i raggi X provenienti da fonti particolarmente potenti come il sincrotone Swiss Light Source (SLS), che si trova proprio presso il PSI, ma anche con quelli dei tradizionali tubi a raggi X…

Leggi tutto…

Dalla partnership tra l’Università di Tor Vergata, Regione Lazio (Italia) e ISIS Pulsed Neutron and Muon Source (Oxfordshire-Gran Bretagna) nasce ISIS@MACH (MAterials Characterization Hub), una nuova infrastruttura di ricerca con sede nella Regione Lazio con l’obiettivo di approfondire lo studio della proprietà dei materiali compositi su scala nanometrica…

Leggi tutto…

Il Centro tomografico di TEC Eurolab si dota di un acceleratore lineare dieci volte più potente rispetto ai due già posseduti. Permette di effettuare analisi di componenti di grande spessore e di materiali e leghe ad altissima densità, inclusi i materiali per l’additive manufacturing e dei materiali compositi. Questa tecnica di indagine non distruttiva avanzata consente all’azienda di offrire un range di applicazioni unico nel panorama europeo e risponde alle esigenze del settore aeronautico e automotive…

Leggi tutto…