Addition of new glass fibre data in EuCIA’s Eco Impact Calculator

The European Composites Industry Association (EuCIA) ha annunciato che il suo Eco Impact Calculator, il tool disponibile online che consente alle aziende del settore compositi di calcolare l’impatto ambientale legato alla fabbricazione dei propri prodotti, è stato ulteriormente arricchito e migliorato con nuovi dati relativi alle fibre di vetro

Leggi tutto…

The Good Practice Guide for Joining of FRPs

Composites UK, l’associazione di categoria che affianca le aziende inglesi che operano nel settore dei compositi, con la collaborazione e il finanziamento del National Composites Centre (NCC), ha lanciato una guida sulle buone pratica relative alla giunzione dei compositi polimerici fibrorinforzati (FRP) disponibile da scaricare gratuitamente

Leggi tutto…

Textile-based composites could weave future of aerospace engineering

La ricerca sui materiali avanzati presso l’Università di Manchester ha dimostrato per la prima volta un quadro completo dell’evoluzione dei danni nei compositi tessili intrecciati. Ciò potrebbe aprire la strada a nuove possibilità di progettazione e implementazione per gli ingegneri aerospaziali di prossima generazione

Leggi tutto…

Corso controlli non distruttivi: iscrizioni aperte

Sono aperte le iscrizioni al Corso “Controlli non distruttivi, difettosità e prestazioni dei materiali compositi per applicazioni strutturali”, organizzato da Assocompositi e Nano Italy. Il corso si terrà mercoledì 29 e giovedì 30 gennaio al Politecnico di Milano

Leggi tutto…

Graphene mapping fifty times faster

Tra gli strumenti per caratterizzare la qualità di materiali bidimensionali come il grafene una tecnica standard è la spettroscopia Raman, che ha però un grosso svantaggio: la bassa velocità. Inoltre, la luce laser impiegata può danneggiare alcuni dei materiali analizzati. I ricercatori dell’Università di Twente hanno migliorato il sistema con un algoritmo intelligente per il rilevamento, che consente di renderlo almeno 50 volte più veloce e meno aggressivo sui materiali sensibili

Leggi tutto…

A model to explain graphene bending behaviour

Una nuova ricerca condotta da ingegneri dell’Università dell’Illinois combina la sperimentazione su scala atomica con la modellizzazione computerizzata per determinare quanta energia è necessaria per piegare il grafene multistrato, una domanda che ha interpellato gli scienziati da quando il grafene è stato isolato per la prima volta

Leggi tutto…

Small angle X-ray scattering to investigate fibre-reinforced composites

I ricercatori del Paul Scherrer Institute (PSI) hanno perfezionato un metodo per lo scattering di raggi X ad angolo ridotto (SAXS) così che ora può essere utilizzato nello sviluppo o nel controllo qualità di nuovi compositi fibrorinforzati. Ciò significa che in futuro questi materiali potranno essere studiati non solo con i raggi X provenienti da fonti particolarmente potenti come il sincrotone Swiss Light Source (SLS), che si trova proprio presso il PSI, ma anche con quelli dei tradizionali tubi a raggi X

Leggi tutto…

ISIS@MACH, la partnership Italia-UK per i compositi

Dalla partnership tra l’Università di Tor Vergata, Regione Lazio (Italia) e ISIS Pulsed Neutron and Muon Source (Oxfordshire-Gran Bretagna) nasce ISIS@MACH (MAterials Characterization Hub), una nuova infrastruttura di ricerca con sede nella Regione Lazio con l’obiettivo di approfondire lo studio della proprietà dei materiali compositi su scala nanometrica

Leggi tutto…