Che cosa è l’Ingegneria Computazionale Integrata dei Materiali (ICME) e quali vantaggi può portare alla vostra azienda

e-Xstream, azienda del Gruppo Hexagon, supporta le aziende che si occupano di materiali in qualsiasi settore industriale e per qualsiasi materiale. E-Xstream ha creato una soluzione per l’Ingegneria Computazionale Integrata dei Materiali (ICME) robusta e facile da usare, per ridurre il divario tra progettazione e prestazioni del componente finale.

 

Questa soluzione (10xICME) è composta da dieci elementi fondamentali:

 

1. Lo sviluppo virtuale dei materiali:

ha lo scopo di accelerare lo sviluppo di sistemi di materiali avanzati come tecnopolimeri, compositi, metalli, ceramica e ponti, chiudendo il divario tra il modello digitale e il prodotto fabbricato in un modo più rapido e conveniente.

Il nostro ampio strumento, basato sulla soluzione Digimat, consente ai nostri clienti di prevedere il comportamento meccanico, termico ed elettrico dei materiali, in base alla loro microstruttura sottostante. Questa microstruttura può essere completamente integrata nel nostro software o può provenire dalla scansione TC o dalla dinamica molecolare fornita da partner specializzati.

 
2. Testing virtuale dei materiali:

dopo aver sviluppato il materiale occorre caratterizzarlo, bisogna testare il materiale per comprenderne il comportamento ed essere in grado di progettare il prodotto. Utilizziamo la simulazione per integrare, ottimizzare e accelerare la caratterizzazione del materiale che consente di testare ampiamente il materiale, per capire come si comporta prima di passare alla fase di progettazione. La nostra soluzione ibrida consente di effettuare test virtuali e fisici. Ciò riduce di circa la metà i tempi dei test e può ridurre i costi di un terzo.


3. Gestione dei dati dei materiali
:

è un sistema unico e all’avanguardia per la gestione dei dati dei materiali. Con Material Center è possibile gestire i dati e organizzarne l’accesso in base alle necessità. Con questa soluzione si risparmiano molti costi legati a test ridondanti, si può inoltre proteggere la proprietà intellettuale dell’azienda. Trascurare le informazioni sul materiale può avere un impatto significativo sulla qualità del prodotto, sui costi e sui tempi di sviluppo. I leader del settore nell’era digitale stanno iniziando a intraprendere una strategia di digitalizzazione dei materiali per mitigare il rischio ad essi collegato.


4. Una piattaforma di scambio per i materiali
:

Digimat MX è una piattaforma che consente di collegare i fornitori di materiali con gli utenti finali. In questa piattaforma i fornitori di materiali possono sviluppare modelli di materiale molto accurati per i loro clienti e renderli disponibili in modalità criptata e protetta. I fornitori di materiali, condividendo i modelli con gli utenti finali di Digimat, stanno migliorando la comprensione dei materiali e rendendo più evidenti i vantaggi di utilizzo dei loro prodotti.


5. Il quinto elemento comprende la conformità e la sostenibilità del materiale:

oggi è essenziale assicurarsi che il prodotto sia conforme ai regolamenti e sostenibile: ci occupiamo di rispondere a questa necessità grazie alla partnership con aziende che si occupano di compliance.


6. Virtual Manufacturing
:

volta ad accelerare e ottimizzare la produzione di compositi e metalli utilizzando le tecnologie tradizionali o più le recenti tecnologie additive.


7. Modellazione accurata del materiale:

siamo in grado di offrire una simulazione del componente estremamente accurata, garantendo precisione dei dati, della modellazione del materiale e della modellazione della geometria del componente, tenendo in considerazione la microstruttura ed altri fattori che possono influenzarne il comportamento.


8. Valutazione degli effetti del processo produttivo
:

l’effetto della fabbricazione sulle prestazioni delle parti è importante per comprendere il comportamento del prodotto come effettivamente sarà una volta realizzato e non solo come progettato. L’effetto della produzione può essere simulato o misurato e quindi utilizzato nella simulazione delle prestazioni dei componenti.


9. Material intelligence

applica l’intelligenza artificiale ai materiali. Sia i test fisici che i test virtuali portano a un set di dati inestimabile. Con l’intelligenza artificiale, entrambi possono essere combinati per creare più valore. Moli di dati di grandi dimensioni possono rendere difficili le decisioni. I metodi di intelligenza artificiale incorporati in 10xICME migliorano il processo di sviluppo, selezione e utilizzo dei materiali.


10. Digital Twin:

utilizzato per modellare l’intero processo di trasformazione della materia prima in prodotto per un uso più efficace ed efficiente dei materiali. Questo “gemello digitale” incentrato sui materiali collega ogni elemento con il giusto flusso di dati per modellare la linea di produzione nella sua interezza. Dalla fase iniziale di immissione dei materiali alla fase finale di estrazione del prodotto.

 
Per approfondire i vantaggi che 10xICME può portare al vostro lavoro, visitate la pagina web: https://www.mscsoftware.com/it/10x
 


Leggi anche

Virgin PETG

Un gruppo di ricercatori della Slovak Academy of Sciences e della Slovak University of Technology hanno sviluppato una serie di nuovi materiali ibridi a basso costo per il processo di stampa 3D FFF (Fused filament fabrication). Rafforzando il filamento di PETG (polietilene tereftalato modificato con aggiunta di glicole) vergine e riciclato con grafite espansa, fibra di carbonio e combinazioni di entrambi, il gruppo è riuscito a migliorare le proprietà meccaniche e termiche delle matrici PETG …

Leggi tutto…

Il Graphene Council ha lanciato un nuovo progetto per testare le diverse caratteristiche possedute da resina standard utilizzata nella produzione di parti in composito rispetto alla stessa resina arricchita con differenti forme di grafene. Il Progetto è svolto in collaborazione con Composites One e l’Utah Advanced Materials and Manufacturing Initiative (UAMMI). Le aziende che producono o sviluppano grafene sono invitate a partecipare allo studio…

Leggi tutto…

Un team di ricercatori del Brightlands Materials Centre nei Paesi Bassi ha sviluppato parti in materiale composito stampate in 3D con funzionalità di auto-sensing. Questa caratteristica potrebbe rappresentare in futuro un’opportunità per monitorare l’integrità strutturale di componenti in composito in campi come quello aerospaziale, edile e sanitario…

Leggi tutto…

The European Composites Industry Association (EuCIA) ha annunciato che il suo Eco Impact Calculator, il tool disponibile online che consente alle aziende del settore compositi di calcolare l’impatto ambientale legato alla fabbricazione dei propri prodotti, è stato ulteriormente arricchito e migliorato con nuovi dati relativi alle fibre di vetro…

Leggi tutto…

TÜV SÜD ha investito più di 300.000 sterline nei suoi impianti di test ambientali. Le innovazioni apportate consentiranno di aumentare la capacità dei test climatici di TÜV SÜD e di velocizzare i tempi di test e immissione dei prodotti sul mercato per i produttori di apparecchiature aerospaziali e di difesa…

Leggi tutto…