Aperte le iscrizioni per la Scuola Estiva Materiali Compositi 2020


La Scuola estiva materiali compositi è la scuola biennale di Assocompositi rivolta a tecnici e progettisti, ricercatori, studenti che desiderano approfondire le proprie competenze su proprietà, tecnologie di processo, progettazione e nuove applicazioni. 
Quest’anno l’evento si svolgerà in collaborazione con Compositi Magazine e sarà suddiviso in tre sessioni pomeridiane online.

Iscriviti ad ogni sessione a cui vuoi partecipare, effettuando una singola registrazione per ciascuna.

 

 

 

IL PROGRAMMA PRELIMINARE DELLE TRE SESSIONI
 

Martedì 15 settembre – Sessione costruzioni

16:30-16:35 – benvenuto ai partecipanti e presentazione sessione
16:35-17:15 – aggiornamenti normative e Linee Guida CA con barre FRP
                        (Luigi Ascione, Università di Salerno)
17:30-18:00 – Compositi a matrice inorganica (Andrea Nobili, Università di Modena e Reggio Emilia)
18:00-18:15 – case history a cura di Mapei
18:20-18:35 – Ricostruzione post sisma a Norcia: l’intervento di miglioramento sismico
                       dello stabilimento alimentare Renzini (Stefano Agnetti, Kimia SpA)
18:40-18:45 – considerazioni conclusive e chiusura dei lavori
 

 
 

Mercoledì 16 settembre – Sessione materiali e tecnologie

16:30-16:35 – benvenuto ai partecipanti e presentazione sessione
16:35-17:00 – Thermoplastic Composites: current production end new developments
                        (Arnt Offringa, Fokker Aerostructures)
17:10-17:40 – Bringing structural composites into series production using additive manufacturing
                      (Giovanni Cavolina, 9TLabs)
17:50-18:20 – Intervento sulle tecnologie per l’automotive (HP Composites)
18:30-18:45 – considerazioni conclusive e chiusura dei lavori
 

 
 

Giovedì 17 settembre – Sessione sostenibilità

16:30-16:35 – benvenuto ai partecipanti e presentazione sessione
16:35-17:00 – compositi e economia circolare – aggiornamenti attività europee e
                       Tavolo di lavoro sostenibilità (Roberto Frassine, Politecnico di Milano)
17:00-17:30 – La strategia di Automobili Lamborghini per la sostenibilità ambientale:
                       il riciclo del carbonio (Roberto Cicalò, Automobili Lamborghini)
17:40-18:10 – Le fibre di carbonio da riciclo per i materiali compositi: limiti e opportunità
                       (Luigia Longo, CETMA)
18:15-18:30 – Tecnologie per il riciclo della fibra di vetro (OCV Italia)
18:30-18:45 – considerazioni conclusive e chiusura dei lavori
 

 


Leggi anche

Clean Sky 2 NEWCORT project

All’interno del programma Clean Sky 2 finanziato con fondi Horizon 2020, di recente sono stati presentati due progetti che rientrano negli obiettivi generali del programma, ovvero ridurre CO2, emissioni di gas e livelli di rumore prodotti dagli aerei. I due progetti hanno sviluppato rispettivamente una tecnologia per consentire migliori riparazioni per strutture complesse e un prototipo di un sistema di misurazione per monitorare le condizioni degli aeromobili…

Leggi tutto…

Le ali sono una delle cause del rumore degli aerei. Quando i dispositivi di alta portanza e le superfici di controllo incontrano l’ala, c’è una brusca transizione tra questi profili alari e l’aria che li circonda verso la parte fissa dell’ala. Studi aerodinamici hanno dimostrato che tali transizioni sono tra le cause del rumore. Una superficie flessibile tra l’ala e le superfici mobili può ridurre il rumore in quest’area? I ricercatori del Centro aerospaziale tedesco (DLR) insieme ad altri enti ha lavorato al progetto FlexMat, che prova a rispondere a questa domanda…

Leggi tutto…

I compositi fibrorinforzati sono ampiamente utilizzati nell’industria aerospaziale e in altre industrie ad alta tecnologia. Comprendere in che modo la loro microstruttura e la forza dell’interfaccia fibra/matrice influenzano le loro proprietà di rottura può aiutare a produrre materiali più resistenti. Un recente studio dell’Università dell’Illinois propone un modello per identificare le sensibilità alla fessurazione (cracking) trasversale, uno dei processi chiave di fallimento dei laminati compositi, nella microstruttura composita…

Leggi tutto…

La tecnologia CFIP (Continuous Fibre Injection Process) è stata sviluppata e brevettata da Eurecat Centro Tecnológico de Catalunya e consente di rinforzare parti in plastica, metalli o ceramica prodotte con stampa 3D con fibre continue in carbonio, aumentandone la resistenza e riducendo il peso…

Leggi tutto…

Volt

I ricercatori del KTH Royal Institute of Technology in Svezia hanno dimostrato in uno studio pubblicato di recente la possibilità per un nuovo materiale composito in fibra di carbonio di cambiare forma con l’aiuto di impulsi elettronici. Il materiale potrebbe trovare applicazione per esempio nella produzione di aeroplani e pale eoliche…

Leggi tutto…