Prevenire è meglio


University of Delaware researchers are developing an imaging technique to better monitor the structural health of aging civil infrastructure.
Erik Thostenson is an associate professor in mechanical engineering at the University of Delaware’s Center for Composite Materials. He’s also co-author of a study that looks at finding and localizing damage in structures.
“I think just on a broader scale, the infrastructure in the country is aging and I think one of the things is with limited budgets you need to put resources where they’re needed and that’s why there’s this whole broader interest in monitoring of structural health,” Thostenson said.
In the study, Thostenson, Hongbo Dai, Gerard J. Gallo and Thomas Schumacher placed a skin composed of a carbon nanotube composite on the outside of a structure to find underlying damage.
“The carbon nanotubes act as a distributed sensor that we can apply to structures and based on the response from the carbon nanotube-based sensors that we’re manufacturing, we can tell if something has changed.” Thostenson said.
Carbon nanotubes are essentially very tiny carbon fibers that conduct electricity. If they are formed correctly into a composite they can create a nerve-like network in the material. Thostenson said researchers can use that network to find deformation or damage by measuring changes in the electrical conductivity of a structure.
“You know, if a bridge starts to fail, if damage or cracks, if (it has) damage or cracks, this is an early warning system, potentially,” Thostenson said.
Thostenson and his fellow researchers’ work detecting early onset of damage in a large structure was outlined in a paper published in the Journal of Nondestructive Evaluation.
Though they can find damage with the carbon nanotube sensing skins using electrical impedance tomography which generates an electrical conductivity map, Thostenson said their ongoing research is looking at new methods to better localize and detect damage size.

Caption: Erik Thostenson (left) and Thomas Schumacher are part of a research effort to detect structural damage using electrical impedance tomography.


Leggi anche

ICME (Ingegneria computazionale integrata dei materiali) è un acronimo utilizzato in tutto il mondo per definire un approccio alla progettazione dei prodotti, dei materiali che li compongono e dei metodi produzione. L’attenzione si concentra sui materiali, per comprendere come i processi producono determinate strutture materiali, come tali strutture danno origine alle proprietà dei materiali e come selezionare i materiali per una determinata applicazione. …

Leggi tutto…

I compositi fibrorinforzati sono ampiamente utilizzati nell’industria aerospaziale e in altre industrie ad alta tecnologia. Comprendere in che modo la loro microstruttura e la forza dell’interfaccia fibra/matrice influenzano le loro proprietà di rottura può aiutare a produrre materiali più resistenti. Un recente studio dell’Università dell’Illinois propone un modello per identificare le sensibilità alla fessurazione (cracking) trasversale, uno dei processi chiave di fallimento dei laminati compositi, nella microstruttura composita…

Leggi tutto…

Virgin PETG

Un gruppo di ricercatori della Slovak Academy of Sciences e della Slovak University of Technology hanno sviluppato una serie di nuovi materiali ibridi a basso costo per il processo di stampa 3D FFF (Fused filament fabrication). Rafforzando il filamento di PETG (polietilene tereftalato modificato con aggiunta di glicole) vergine e riciclato con grafite espansa, fibra di carbonio e combinazioni di entrambi, il gruppo è riuscito a migliorare le proprietà meccaniche e termiche delle matrici PETG …

Leggi tutto…

Il Graphene Council ha lanciato un nuovo progetto per testare le diverse caratteristiche possedute da resina standard utilizzata nella produzione di parti in composito rispetto alla stessa resina arricchita con differenti forme di grafene. Il Progetto è svolto in collaborazione con Composites One e l’Utah Advanced Materials and Manufacturing Initiative (UAMMI). Le aziende che producono o sviluppano grafene sono invitate a partecipare allo studio…

Leggi tutto…

Un team di ricercatori del Brightlands Materials Centre nei Paesi Bassi ha sviluppato parti in materiale composito stampate in 3D con funzionalità di auto-sensing. Questa caratteristica potrebbe rappresentare in futuro un’opportunità per monitorare l’integrità strutturale di componenti in composito in campi come quello aerospaziale, edile e sanitario…

Leggi tutto…