Germania: un nuovo test per l’analisi dei compositi


The tested component remains in the x-ray equipment during the mechanical load. As a result, the exact location in the material can be observed and analyzed throughout the entire load duration. The new process represents a huge advance regarding detail resolution and precision, as well as the retrievability of possible causes of damage. With forces in the test machine of up to 250 kilonewtons, even high-strength components made of carbon fiber like those used in aircraft construction can be examined.

Damage origin

With most modern imaging processes, cracks and damage in material can be illustrated vividly and in three dimensions, resulting in many possibilities for analysis. With the use of a micro fusion pipe, the x-ray equipment in the Fraunhofer LBF has a higher resolution capacity of just a few micrometers. In this way it is possible to detect the smallest signs of damage even as it begins to occur or determine that the slightest irregularities in the material are the point of origin for the damage. Particularly concerning fiber-reinforced plastics, the occurrence of damage on the fiber level can be studied. With this knowledge about the cause of the error and the error sequence, developers, designers, and manufacturers can now improve their materials, components, and manufacturing processes even before a crack is macroscopically visible.


Leggi anche

Molto interesse e grande affluenza al convegno Compositi 4.0 organizzato da Compositi Magazine nell’ambito della manifestazione torinese A&T….

Leggi tutto…

Una ricerca condotta presso l’Università di Twente ha fatto avanzare ulteriormente il settore dell’aviazione verso la costruzione di velivoli più leggeri. Il dottorando Yibo Su ha sviluppato un metodo per assemblare le strutture a base di compositi termoplastici con parti metalliche, con notevoli risparmi di costi e tempi. Ora resta da testare la stabilità e durata del metodo dopo diverse ore di volo, al fine di passare dalla teoria alla pratica dell’applicazione…

Leggi tutto…

I compositi avanzati si comportano in maniera differente rispetto ai materiali di costruzione tradizionali, come l’acciaio e il calcestruzzo. Utilizzando i dati registrati dai sensori posizionati su una struttura in GFRP presso il Serpentine Pavilion di Londra, i ricercatori dell’Università di Bristol hanno dimostrato che è possibile rilevare le diverse sollecitazioni ambientali e i carichi gravitazionali ai quali è sottoposta la struttura. La ricerca apre la strada all’implementazione dei parametri di sicurezza nelle costruzioni espositive…

Leggi tutto…

Ducati 1299 Superleggera 2017: la moto stradale di serie con telaio, forcellone, telaietto e ruote realizzati in fibra di carbonio. Il tutto è rivestito da una carenatura in carbonio. Nella fase di sviluppo i componenti sono stati sottoposti a severi test, simili a quelli effettuati per i componenti destinati alla MotoGP. La qualità dei componenti in fibra di carbonio è garantita da tre differenti metodi di controllo non distruttivo utilizzati in campo aerospaziale…

Leggi tutto…

I ricercatori dell’Università del Delaware stanno mettendo a punto una tecnica ad immagini per monitorare lo stato delle infrastrutture civili. Sulle parti da esaminare è stata applicata una pellicola di nanotubi di carbonio i quali, agendo da sensori e conducendo elettricità, permettono di individuare eventuali danni strutturali sulla superficie sottostante, svolgendo un’importante opera di prevenzione…

Leggi tutto…