Smartwatch, gli scienziati sviluppano nuove batterie elastiche con compositi ibridi


Le fonti di energia flessibili ed estensibili potrebbero rappresentare una tecnologia chiave per la realizzazione di dispositivi elettronici indossabili. Questo perché molte aziende hanno lavorato allo sviluppo di batterie flessibili con resistenza meccanica. Ora, gli scienziati della Corea del Sud sembrano aver trovato il giusto compromesso. “I nostri risultati dovrebbero espandere il numero di nanocomposti estensibili con proprietà elettrochimiche e meccaniche disponibili per un’ampia varietà di applicazioni”, sono le parole rilasciate da Kwanyong Seo, professore presso l’Istituto Nazionale di Scienza e Tecnologia di Ulsan (UNIST). La ricerca condotta dal professor Soojin Park dell’UNIST ha risolto tali problemi utilizzando un composito polimerico conduttivo. Questo è formato da riempitivi di carbonio ibridi contenenti nanotubi di carbonio e nerofumo in un semplice processo di soluzione. Il team di ricerca ha osservato che il composito HCP è in grado di mantenere efficacemente la sua conduttività elettrica, anche in caso di elevate sollecitazioni. Questo lo rende adatto per l’uso in batterie agli ioni di litio altamente estensibili, secondo quanto riportato dallo studio.


Leggi anche

Philipp Aduatz, il designer austriaco conosciuto nel mondo del design per la creazione di oggetti altamente scultorei e realizzati con materiali e tecnologie di fabbricazione innovativi, grazie alla tecnologia di stampa 3D presenta l’avveniristica ““Chaiselongue digitale” che sarà esposta, insieme ad altre opere futuristiche, a Ventura Future – Ventura Projects…

Leggi tutto…

Horacio Pagani, fondatore del marchio Pagani Automobili e padre delle supercar che portano il suo nome, è esperto nella lavorazione del carbonio, alla base dello sviluppo delle auto da competizione e dei più disparati oggetti dove leggerezza e robustezza devono andare a braccetto…

Leggi tutto…

Gli avventori del nuovo centro commerciale Halls Heads appena ristrutturato saranno accolti da un nastro a spirale in composito di 3,5 x 2,5 m rappresentante il logo di uno dei proprietari del centro. Il nastro è costituito da una matrice in Divinycell IPN con una resina in vinilestere e pesa 155 kg in tutto…

Leggi tutto…

Progettata dallo Studio Tipic, Tulèr è una cucina responsive dall’approccio inedito, nella quale tecnologia e materiale composito sono i protagonisti di un’isola evoluta e polifunzionale. Tulèr è realizzata interamente in Quartzforms, un materiale composito realizzato attraverso un particolare processo di “vibro compattazione sottovuoto”, ovvero una miscelazione di sabbia silicea o quarzo puro con resina strutturale poliestere e pigmenti colorati stabilizzati ai raggi UV …

Leggi tutto…

Versione aggiornata e più orientata alle gare della 488, la GTO avrà cofano anteriore, fascioni, labbro posteriore e cerchioni in fibra di carbonio. Questi ultimi, si potranno avere su richiesta e peseranno il 40% in meno di quelli tradizionali in alluminio, quanto basta per rendere l’auto molto più agile e reattiva …

Leggi tutto…