La fibra di carbonio può immagazzinare energia nel telaio di un veicolo

I ricercatori dell’ateneo svedese hanno studiato le molteplici tipologie di fibre di carbonio presenti in commercio e selezionato quelle che hanno delle microstrutture di cristalli dalle buone proprietà elettrochimiche, capaci di funzionare come elettrodi in batterie agli ioni di litio. In particolare, si sono accorti che le fibre composte da cristalli più piccoli e poco orientati, nonostante siano meno rigidi, permettono una buona conduzione dell’energia elettrica. Al contrario, le microstrutture con cristalli più grandi e fortemente orientati hanno sì grandi livelli di rigidità, ma sono al contempo poco adatti al passaggio della corrente elettrica.
La sfida, dunque, è di trovare il giusto compromesso fra rigidità e capacità di conduzione. Grazie a questo studio si potrebbero aprire scenari interessanti per il mondo dell’automobilismo elettrico e anche per quello dell’aviazione a zero emissioni. In un prossimo futuro si potrebbero avere aerei o automobili elettrici alimentati dal loro stesso telaio in fibra di carbonio. Il che significa un notevole risparmio di peso e, quindi, una maggiore autonomia energetica.
Il veicolo, dotato di un telaio in fibra di carbonio, non sarebbe quindi semplicemente un elemento portante, ma fungerà anche da batteria. Sarà anche possibile utilizzare la fibra di carbonio per altri scopi, come la raccolta di energia cinetica, la realizzazione di sensori e conduttori di energia e dati: se tutte queste funzioni fossero parte di un’auto o di un velivolo, potrebbero contribuire a una riduzione del peso del 50%.

Per maggiori approfondimenti visita il sito:
https://www.chalmers.se/en/departments/ims/news/Pages/carbon-fibre-can-store-energy.aspx


Leggi anche

VELOX GmbH, uno dei principali fornitori di materie plastiche e materiali compositi in Europa e il suo partner c-m-p GmbH, specializzato nello sviluppo e produzione di carbonio e alte fibre preimpregnati ad alte prestazioni, presentano una nuova tecnologia di impregnazione senza solventi adatti a tutti i settori industriali…

Leggi tutto…

Il futuro e lo sviluppo produttivo dei settori Aerospaziale, Aeronautico, Motorsport, Automotive&Luxury cars, Eolico e Nautico è orientato verso la ricerca e l’innovazione dei materiali compositi in particolare quelli a matrice polimerica o FRP, Fiber Reinforced Polymer e le fibre di carbonio. Professionisti, ingegneri e tecnici, che ne conoscono caratteristiche e potenzialità e sanno sfruttarne e guidarne al meglio la performance, sono oggi alcune delle figure più ricercate da tutte le principali realtà industriali e produttive….

Leggi tutto…

Magna – società tecnologica americana e uno dei maggiori fornitori automobilistici del mondo – con il suo nuovo centro di eccellenza a Esslingen, in Germania, fornirà al mercato europeo competenza e soluzioni innovative in materia di compositi per aiutare le case automobilistiche ad adottare strutture sempre più leggere e componenti esterni realizzati con materiali compositi …

Leggi tutto…

Cuore pulsante del nuovo reparto è l’imponente pressa di stampaggio compositi da 4 mila tonnellate, il secondo macchinario di questo tipo installato in Italia e tra le più grandi in Europa. L’investimento, pari a circa 2 milioni di euro, indica la volontà di Ranger Compositi di svilupparsi sul territorio italiano…

Leggi tutto…

Utilizzando un prototipo virtuale ad alta fedeltà, gli ingegneri possono valutare con precisione le prestazioni del prodotto. Il software consente infatti agli ingegneri di testare il loro prototipo e di eseguire crash test virtuali di forza, durata o vibrazione

Leggi tutto…