A new high-tech bridge in Tennessee equipped with FRP

University of Tennessee and Luna Innovations joined a partnership to replace a damaged decades-old concrete crossing in Morgan County (Tennessee) considered structurally deficient and outdated. 

A new high-tech bridge has been planned in north-central Tennessee equipped with a fiber-reinforced polymer (FRP) composite material structure. Researchers and engineering students from Knoxville’s Fibers and Composites Manufacturing Facility, have embedded with fiber optic sensors developed by Luna Innovations.

The built-in sensors are used to monitor the composite deck system over time. The aim is to:

  1. provide critical data on performance and safety
  2. ensure a sustainable solution for obsolete infrastructures such as these

In addition, the wireless technology developed at UT monitors traffic counts and system response remotely via cloud computing.

According to the ASCE – American Society of Civil Engineers, about 8% of the more than 617,000 bridges in the US are structurally deficient and need repair. FRP composites offer:

  • low-cost
  • low-maintenance option

The new structure in rural Tennessee shows the benefits of composite materials for rural bridgework.

Dayakar Penumadu, the Fred N. Peebles Professor in UT’s Tickle College of Engineering and Characterization Fellow for Materials and Processing for IACMI:

“Lack of durability data is one of the major barriers of the adoption of novel and advanced materials including carbon-, basalt-, or glass-fiber-reinforced polymeric composites in civil infrastructure. This is a major obstacle for integrating new materials and structures quickly and thus requires successful demonstration as being done through this IACMI project. Bridge decks are the most damage-prone elements, and we are integrating smart sensors distributed throughout the composite bridge deck that will provide us valuable performance data for years to come.”

 

Subscribe now to our quarterly Compositi newsletter
to stay updated on news, technologies and activities 

 


Leggi anche

La Scuola estiva materiali compositi prenderà il via dal 15 al 17 settembre in 3 sessioni pomeridiane online attraverso la piattaforma “Compositi Live Webinar”.
La Scuola è rivolta a tecnici e progettisti, ricercatori, studenti che desiderano approfondire le proprie competenze su proprietà, tecnologie di processo, progettazione e nuove applicazioni. Qui di seguito l’abstract dell’intervento dal titolo “Sistemi compositi di nuova generazione per la mitigazione sismica del patrimonio edilizio esistente. Le applicazioni nel post sisma del Centro Italia” che terrà l’Ing. Dominica Carbotti, Mapei SpA….

Leggi tutto…

Aperte le iscrizioni per la Scuola Estiva Materiali Compositi 2020

Quest’anno la Scuola Estiva Materiali Compositi si svolgerà online e in collaborazione con Compositi Magazine e la piattaforma Compositi Live Webinar. L’evento si svolgerà in tre sessioni pomeridiane nelle giornate del 15, 16 e 17 settembre. È possibile iscriversi sia a una sola sessione, che a due o a tutte e tre. Iscriviti ad ogni sessione a cui vuoi partecipare, effettuando una singola registrazione per ciascuna. L’iscrizione verrà ritenuta valida una volta ricevuta la contabile del bonifico….

Leggi tutto…

La Purdue University (West Lafayette, Ind., USA) ha annunciato che i suoi ricercatori hanno sviluppato un metodo a basso costo, sostenibile ed ecologico per la produzione di pannelli compositi, un metodo che l’Università afferma sta già vedendo un crescente interesse e supporto da parte dei principali attori del settore …

Leggi tutto…

3D printed FRP footbridge

Il parco di Kralingse Bos, il cuore verde di Rotterdam, avrà presto una passerella pedonale realizzata in polimeri fibrorinforzati (FRP) tramite la stampa 3D. Questa passerella dovrebbe rappresentare l’inizio di una transizione verso la prossima generazione di ponti, che offriranno alte prestazioni come leggerezza, estrema versatilità, circolarità e sostenibilità…

Leggi tutto…

ECOXY Project develops bio-based epoxy resin and fibre-reinforcements

Partito a giugno 2017 con termine previsto per novembre 2020, il progetto europeo ECOXY punta a sviluppare resine epossidiche innovative a base biologica e rinforzi in fibra per produrre nuovi compositi termoindurenti (FRTC) sostenibili e competitivi sia a livello di prestazioni che di costi, con l’obiettivo di raggiungere funzionalità avanzate. Questi nuovi compositi potranno trovare applicazione nel settore automobilistico e nell’edilizia…

Leggi tutto…