E’ in vendita la prima sneakers con suola in grafene

Durante i test, le suole infuse con grafene sono durate per 1.000 miglia con una resistenza del 50% in più rispetto alle suole tradizionali. Inoltre, la gomma potenziata con il grafene può flettere e aderire su tutte le superfici in modo più efficace, senza consumarsi rapidamente, garantendo una presa affidabile e duratura.

Il grafene, isolato per primo della University of Manchester nel 2004, è il primo materiale ‘a due-dimensioni’ di un solo atomo di spessore e ha il potenziale di rivoluzionare molti settori tecnologici”. Viene prodotto dalla grafite, che è stata estratta per la prima volta dalle colline del Lake District nell’Inghilterra settentrionale oltre 450 anni fa. Basandosi sul loro lavoro rivoluzionario, il team degli scienziati inglesi ha aperto la strada a numerosi progetti dalle auto sportive, ai dispositivi medici e aerei potenziati con grafene.

A questa lista ora si aggiungono anche le calzature sportive progettate per soddisfare le diverse esigenze degli atleti. Il MUDCLAW G 260 è ideale per correre su montagne fangose e percorsi a ostacoli, TERRAULTRA G 260 per percorrere lunghe distanze su piste battute e F-LITE G 290 per crossfitters che si allenano nelle palestre. Ciascuno include suole in gomma con grafene e Kevlar sulla tomaia, un materiale già utilizzato in abbigliamento per la produzione di giubbotti antiproiettili. Le sneakers avranno da oggi un nuovo DNA in grafene, saranno comode, leggere e super-resistenti, qualità indispensabili per essere competitivi nel settore.


Leggi anche

Combo S.r.l. è una Startup innovativa con sede a Rovereto (TN) presso l’acceleratore Industrio. Combo ha messo a punto Carbit® l’unica tecnologia brevettata per lo sviluppo di prodotti in fibra di carbonio e materiali compositi atti al contatto alimentare permanente. Le applicazioni Carbit® sono molteplici: dall’oggettistica per la tavola ai componenti per le linee automatiche di trasformazione e packaging del cibo….

Leggi tutto…

Il team Nuon Solar, proveniente dall’Università di Delft, nei Paesi Bassi, alla guida della sua auto solare modello Nuna 9, ha conquistato il suo settimo titolo consecutivo nella World Solar Challenge australiana, stabilendo un vero e proprio primato. La competizione ospita squadre che gareggiano con autovetture a energia solare, partendo da Darwin e finendo, dopo circa 3000 km di corsa, ad Adelaide. La maggior parte delle auto utilizza in maniera significativa materiali compositi….

Leggi tutto…

Progettato da Toyota Motor Europe (TME) in collaborazione con lo studio ED2 di Nizza, il nuovo prototipo i-TRIL sfoggia nuove ed innovative soluzioni di guida divertenti e rispettose dell’ambiente. Per alleggerire il peso totale, aumentare le prestazioni e ridurre i consumi, la vettura è realizzata al 90% in fibra di carbonio. I vetri dell’abitacolo e delle lampade sono in plexiglass. Pianale in legno e rivestimenti in tessuto e Alcantara completano l’insieme …

Leggi tutto…

Poche auto sono in grado di passare facilmente dalla strada ai circuiti automobilistici come la 570S, ma la McLaren ha compiuto un ulteriore passo avanti, introducendo due nuove versioni ancora più leggere e più agili, pensate per i frequentatori abituali delle piste: Design Editions e Track Pack. Fra le diverse caratteristiche, le versioni si distinguono per la riduzione di peso, ottenuta grazie anche alla sostituzione dei sedili standard con strutture in fibra di carbonio, tipiche delle auto da corsa…

Leggi tutto…

Nata dalla produzione di profili per rinforzo strutturale ormai supercollaudati in tutta Europa, nel continuo sviluppo e miglioramento del prodotto, CARBONVENETA si è affermata anche in nuovi segmenti di mercato come l’automazione industriale, l’automotive, l’energia, l’ortopedia, l’agricoltura, lo sport, il design….

Leggi tutto…