Saertex partner di Terre de Lin per compositi bio in lino

L’azienda tedesca Saertex, specializzata in rinforzi tessili con fibre di vetro e carbonio, e la cooperativa francese Terre de Lin, leader nelle forniture di lino, hanno presentato al JEC World 2022 di Parigi la partnership per ridurre l’impronta CO2 nei compositi.
La collaborazione interesserà la produzione di Non-crimps fabrics (NCFs). Questi prodotti tessili semifiniti in fibre di vetro, carbonio e in fibre aramidiche sono applicati nei compositi soprattutto nei segmenti nautico, sportivo e per il tempo libero.

 

Non-Crimps Fabric (NCF) con fibre rinnovabili

Dopo il basalto, il lino è la seconda fibra a base biologica usata nei materiali tessili di rinforzo. Il lino in particolare è una fibra rinnovabile con un impatto ambientale minimo nella lavorazione, molto più sostenibile del vetro e del carbonio.

La partnership tra i due gruppi è iniziata a marzo e combina l’esperienza di Saertex, che ha uno stabilimento anche in Francia, nei materiali di rinforzo con la grande disponibilità di lino di Terre de Lin.

La cooperativa con sede in Normandia è tra i maggiori fornitori al mondo della fibra naturale. Copre il 15% della produzione globale di lino di qualità. Tra i suoi target ha rafforzato la qualità, puntando molto sull’innovazione e sul rispetto dell’ambiente. Terre di Lin punta sul “sostegno a catene di fornitura sostenibili, tracciabili e di qualità, in modo da creare valore aggiunto attraverso i filati e i tessuti in lino”. I focus sono:

  • mantenere un know-how specifico
  • migliorare la produzione
  • migliorare il rispetto dell’ambiente
  • Rafforzare la responsabilità sociale

 

Le applicazioni delle NCF bio nella nautica

Il contributo per ridurre l’impatto ambientale dei rinforzi compositi (NCFs) di Saertex viene presentato come significativo. Al JEC World 2022 le due società hanno esibito una pala di timone, parte dei componenti di una barca a vela costruita con tessuti NCFs in fibre di lino nel cantiere navale francese IDB Marine.

Alla fiera i due partner hanno presentato altri prodotti sostenibili, realizzati con le applicazioni naturali rinforzate. Saertex considera il settore marittimo tra le aree di maggiore applicazione, un mercato dove la richiesta di NCFs di lino è già crescente.

 

Nicolas Vernin, regional sales manager at Saetex dichiara

“In Terre de Lin troviamo un partner forte per un obiettivo comune: dare ai nostri clienti soluzioni su misura, che siano anche sostenibili per le loro applicazioni. Siamo convinti che Terre de Lin sia il fornitore ottimale di fibre per materiali di rinforzo affidabili a base di lino, riproducibili e di alta qualità. Le elevate capacità di produzione dell’azienda garantiscono la massima disponibilità per i nostri clienti, che desiderano migliorare le caratteristiche e le prestazioni ambientali dei loro compositi”.

Terre de Lin gestisce la coltura del lino e anche la trasformazione dai semi in fibre. Fondata nel 1940, conta 220 impiegati e circa 600 agricoltori aderenti che coltivano lino in Normandia. Attraverso la controllata TDL Technique, accanto al mercato tessile è inoltre impegnata da 10 anni nello sviluppo di fibre di lino per applicazioni tecniche e composite del comparto dei NCFs.

 

Thierry Goujon, direttore generale di Terre de Lin, spiega

“Con le fibre di lino abbiamo aperto la strada ai compositi sostenibili. Abbiamo passato l’ultimo decennio a sviluppare fibre di lino di avanguardia per compositi. Il nostro obiettivo è oggi garantire la loro fornitura ai nostri partner industriali del settore, principalmente ai produttori di rinforzi. La partnership tecnica e commerciale con Saertex ci consentirà di indirizzare le applicazioni dei tessuti NCFs in lino in mercati dove queste fibre faranno davvero la differenza. Aumentando le soluzioni composite sostenibili”.

 


Leggi anche

Grazie alla loro leggerezza e resistenza, i polimeri a base di fibra di carbonio stanno gradualmente sostituendo i metalli in numerose applicazioni, dagli articoli sportivi ai componenti in ambito aerospaziale, passando per le turbine eoliche. Ma resta un problema da affrontare: una volta danneggiati questi materiali sono quasi impossibili da aggiustare o riciclare….

Leggi tutto…

Gli ingegneri del team di compositi dell’Advanced Manufacturing Research Centre (AMRC) dell’Università di Sheffield stanno lavorando allo sviluppo di sensori wireless integrati in materiali compositi e incorporati in componenti aerospaziali, per monitorare le condizioni delle parti, dalla creazione al riciclaggio, con l’obiettivo di estenderne la durata, migliorarne la qualità e ridurne i costi di produzione….

Leggi tutto…

La prima serie di monoposto da gara in Giappone utilizzerà pannelli ibridi di lino al 70% e fibra di carbonio al 30%. Il progetto, finalista del World Motorsport Symposium Green Tech Award 2022, fa parte del piano Next 50 della Super Formula, che prevede, tra le altre cose, l’uso di materiali eco-compatibili nella realizzazione delle vetture. Oltre a garantire una riduzione del 90% delle emissioni di materiale, i compositi di lino vantano anche una maggiore resistenza agli urti rispetto alla fibra di carbonio….

Leggi tutto…

Gli affreschi delle Grotte di Ellora, in India, si sono conservati intatti per 1500 anni grazie ad un intonaco in canapa, calce e argilla. Studiando le caratteristiche di questo complesso archeologico è possibile scoprire alcuni segreti dell’edilizia sostenibile e durevole, quella che fa uso di materiali senza tempo, da far tornare in auge anche per le costruzioni moderne…

Leggi tutto…

Modificare i materiali compositi, partendo da una base biologica, come il lino o la canapa, comporterebbe una diminuzione delle emissioni inquinanti, dal momento che ci sarebbe meno bisogno di energia per il processo produttivo. Inoltre, la coltivazione della canapa e del lino determina un significativo assorbimento di CO2 dall’atmosfera….

Leggi tutto…