Saertex partner di Terre de Lin per compositi bio in lino

L’azienda tedesca Saertex, specializzata in rinforzi tessili con fibre di vetro e carbonio, e la cooperativa francese Terre de Lin, leader nelle forniture di lino, hanno presentato al JEC World 2022 di Parigi la partnership per ridurre l’impronta CO2 nei compositi.
La collaborazione interesserà la produzione di Non-crimps fabrics (NCFs). Questi prodotti tessili semifiniti in fibre di vetro, carbonio e in fibre aramidiche sono applicati nei compositi soprattutto nei segmenti nautico, sportivo e per il tempo libero.

 

Non-Crimps Fabric (NCF) con fibre rinnovabili

Dopo il basalto, il lino è la seconda fibra a base biologica usata nei materiali tessili di rinforzo. Il lino in particolare è una fibra rinnovabile con un impatto ambientale minimo nella lavorazione, molto più sostenibile del vetro e del carbonio.

La partnership tra i due gruppi è iniziata a marzo e combina l’esperienza di Saertex, che ha uno stabilimento anche in Francia, nei materiali di rinforzo con la grande disponibilità di lino di Terre de Lin.

La cooperativa con sede in Normandia è tra i maggiori fornitori al mondo della fibra naturale. Copre il 15% della produzione globale di lino di qualità. Tra i suoi target ha rafforzato la qualità, puntando molto sull’innovazione e sul rispetto dell’ambiente. Terre di Lin punta sul “sostegno a catene di fornitura sostenibili, tracciabili e di qualità, in modo da creare valore aggiunto attraverso i filati e i tessuti in lino”. I focus sono:

  • mantenere un know-how specifico
  • migliorare la produzione
  • migliorare il rispetto dell’ambiente
  • Rafforzare la responsabilità sociale

 

Le applicazioni delle NCF bio nella nautica

Il contributo per ridurre l’impatto ambientale dei rinforzi compositi (NCFs) di Saertex viene presentato come significativo. Al JEC World 2022 le due società hanno esibito una pala di timone, parte dei componenti di una barca a vela costruita con tessuti NCFs in fibre di lino nel cantiere navale francese IDB Marine.

Alla fiera i due partner hanno presentato altri prodotti sostenibili, realizzati con le applicazioni naturali rinforzate. Saertex considera il settore marittimo tra le aree di maggiore applicazione, un mercato dove la richiesta di NCFs di lino è già crescente.

 

Nicolas Vernin, regional sales manager at Saetex dichiara

“In Terre de Lin troviamo un partner forte per un obiettivo comune: dare ai nostri clienti soluzioni su misura, che siano anche sostenibili per le loro applicazioni. Siamo convinti che Terre de Lin sia il fornitore ottimale di fibre per materiali di rinforzo affidabili a base di lino, riproducibili e di alta qualità. Le elevate capacità di produzione dell’azienda garantiscono la massima disponibilità per i nostri clienti, che desiderano migliorare le caratteristiche e le prestazioni ambientali dei loro compositi”.

Terre de Lin gestisce la coltura del lino e anche la trasformazione dai semi in fibre. Fondata nel 1940, conta 220 impiegati e circa 600 agricoltori aderenti che coltivano lino in Normandia. Attraverso la controllata TDL Technique, accanto al mercato tessile è inoltre impegnata da 10 anni nello sviluppo di fibre di lino per applicazioni tecniche e composite del comparto dei NCFs.

 

Thierry Goujon, direttore generale di Terre de Lin, spiega

“Con le fibre di lino abbiamo aperto la strada ai compositi sostenibili. Abbiamo passato l’ultimo decennio a sviluppare fibre di lino di avanguardia per compositi. Il nostro obiettivo è oggi garantire la loro fornitura ai nostri partner industriali del settore, principalmente ai produttori di rinforzi. La partnership tecnica e commerciale con Saertex ci consentirà di indirizzare le applicazioni dei tessuti NCFs in lino in mercati dove queste fibre faranno davvero la differenza. Aumentando le soluzioni composite sostenibili”.

 


Leggi anche

Con la domanda globale di fibra vergine destinata a superare l’offerta entro il 2025, il National Composites Centre (NCC, Bristol, Regno Unito) ha deciso di lanciare un programma triennale di innovazione per perfezionare e scalare i processi industriali necessari a creare un mercato commerciale per la fibra di carbonio continua rigenerata. Uno degli obiettivi del progetto è alleviare la pressione sulle catene di fornitura e vedere il Regno Unito assumere un ruolo di primo piano nella definizione di una nuova era per i compositi….

Leggi tutto…

Meccanismi innovativi per azionare e posizionare i pannelli solari, un adattatore universale in materiali compositi e il miglioramento dell’elettronica di rete centrale sono le novità che caratterizzano i razzi delle tre missioni Artemis: il rivoluzionario programma della NASA, che, dopo cinquant’anni, segna il ritorno dell’uomo sulla Luna. …

Leggi tutto…

I crescenti investimenti in energie rinnovabili hanno stimolato la domanda di turbine eoliche e di pale che le alimentino. Per rispondere a questa esigenza del mercato è inevitabile fare i conti con il prezzo della balsa, il legno forte e leggero che viene inserito tra GFRP per creare pale eoliche, che oggi è insostenibile. Diversi produttori hanno iniziato ad usare polietilene tereftalato (PET) e schiuma di cloruro di polivinile (PVC) nelle punte delle lame, ma per fornire modulo di taglio per la sezione della radice della lama la balsa è ancora indispensabile. …

Leggi tutto…

Si chiama Marlic (Marche applied research for innovative composites) il progetto di economia circolare, co-finanziato dalla Regione Marche attraverso fondi europei, che prevede di ridare nuova vita a materiali compositi di scarto, creando il nuovo da qualcosa che altrimenti andrebbe buttato e disperso nell’ambiente. …

Leggi tutto…

Un recente progetto ha visto la realizzazione e l’approvazione di una sovrapposizione del pannello strumenti in un elicottero Airbus H125. L’intero procedimento doveva far sì che l’abitacolo venisse modernizzato, come richiesto dal cliente, ma senza dover aspettare i tempi e sostenere i costi necessari per rifare completamente il pannello….

Leggi tutto…