L’NCC lancia un progetto industriale sulla permeabilità dei tubi in compositi termoplastici per la distribuzione dell’idrogeno

Stando alle recenti previsioni di mercato, si stima che gasdotti per la distribuzione dell’idrogeno siano destinati a crescere in modo significativo nei prossimi decenni. Le realtà industriali del Regno Unito stanno sviluppando, quindi, una catena del valore dell’idrogeno, che richiederà il trasporto e la distribuzione del gas all’interno della regione e tra le infrastrutture di generazione o di stoccaggio e l’utente finale.

 

I vantaggi dei compositi

I tubi in TCP rappresentano una valida soluzione per il collegamento dei siti di produzione dell’idrogeno direttamente con gli utenti finali o con le linee di trasmissione del gas e costituiscono un’alternativa convincente ai tubi in acciaio, dal momento che sono meno fragili, più semplici da implementare e offrono un costo totale di spesa (TOTEX) potenzialmente inferiore.

I sistemi a idrogeno, per funzionare correttamente, richiedono l’applicazione di misure di sicurezza che si basano sulla comprensione dettagliata delle prestazioni dei componenti. Attualmente, però, sono disponibili pochissimi dati comparativi sulla permeabilità all’idrogeno per i TCP, il che crea incertezza sulle prestazioni dei materiali compositi nei sistemi di tubazioni dell’idrogeno.

 

La soluzione offerta da NCC

A partire da quest’anno, il JIP affronterà la sfida del benchmarking delle prestazioni di permeabilità dei sistemi di tubazioni, attraverso la produzione di campioni di tubi standardizzati e misure di permeabilità per costruire un database di capacità di materiale di rivestimento e rinforzo.

L’aspirazione del progetto è quella di ridurre al minimo il costo del processo di implementazione della permeabilità del materiale, applicando una variabile ingegneristica che viene analizzata in fase di progettazione. I prototipi di tubi rappresentativi a livello industriale saranno realizzati utilizzando Automated Tape Winding su una macchina su misura che viene acquistata da NCC appositamente per il JIP e installata presso il National Composites Center alla fine del 2023.

 

Il trasporto e lo stoccaggio dell’idrogeno ad alte prestazioni è una delle barriere tecnologiche da superare per garantire il contenimento e la prevenzione delle perdite. – Ha affermato Matt Hocking, Head of Energy di NCCMisurare la permeabilità dell’idrogeno attraverso i compositi termoplastici è una sfida chiave che sarà affrontata nel progetto e che testimonia il nostro impegno con l’industria e la catena di fornitura per portare innovazione nei settori dell’energia, delle utilities e dei trasporti.”

 


Leggi anche

La corsa verso gli obiettivi europei di neutralità climatica e la scelta di una strategia inclusiva in materia di transizione ecologica e digitale, sono stati gli argomenti al centro dell’European SDG Summit, che si è svolto online, dal 10 al 12 ottobre scorsi, e ha visto la partecipazione di oltre cento relatori, in rappresentanza delle istituzioni europee, delle realtà industriali e della società civile. …

Leggi tutto…

I crescenti investimenti in energie rinnovabili hanno stimolato la domanda di turbine eoliche e di pale che le alimentino. Per rispondere a questa esigenza del mercato è inevitabile fare i conti con il prezzo della balsa, il legno forte e leggero che viene inserito tra GFRP per creare pale eoliche, che oggi è insostenibile. Diversi produttori hanno iniziato ad usare polietilene tereftalato (PET) e schiuma di cloruro di polivinile (PVC) nelle punte delle lame, ma per fornire modulo di taglio per la sezione della radice della lama la balsa è ancora indispensabile. …

Leggi tutto…

La passerella, lunga 6 metri e larga 2, è stata progettata da Re-Wind Network, un gruppo di ricercatori provenienti da prestigiose università europee e americane. Le travi portanti sono state realizzate utilizzando le lame di due pale eoliche dismesse. …

Leggi tutto…

Una ricerca accademica dalla Cina analizza l’impiego della fibra in basalto per energia pulita da centrali più sostenibili. Questi compositi non emettono gas serra nocivi e non presentano tossicità per l’uomo o per l’ambiente. Le proprietà meccaniche sono migliori della fibra in vetro comunemente utilizzata per le apparecchiature elettriche….

Leggi tutto…

La partnership tra la startup milanese Levante e l’azienda Advanced Composites Solutions (ACS) ha prodotto un pannello solare portatile, riciclato e rinnovabile, con scarti di fibra di carbonio dalla produzione di automobili. Il prototipo, da brevettare, è ideale per alimentare mezzi come camper e barche. Il progetto ha vinto a giugno il Best Practices Award 2022 per l’innovazione….

Leggi tutto…