Tecnologia di taglio perfetta per l’auto sportiva perfetta

 


 

Zonda e Huayra rappresentano l’apice della perfezione e prendono il nome dal dio del vento della mitologia sudamericana, vento che soffia sul versante orientale delle Ande nell’Argentina centrale. Stiamo parlando delle esclusive hypercars realizzate dalla casa automobilistica italiana Pagani in edizione limitata. Nel 2023 prende vita la produzione di Pagani Utopia, terzo capitolo della storia di questo Brand. Più di quattromila disegni stilistici, dieci modelli in scala, un modello per la galleria del vento, due modelli in scala 1:1 e innumerevoli idee, ricerche e sperimentazioni su otto prototipi completi per un lavoro di team durato più di sei anni. Passione, sforzo e sacrificio, nell’intento di creare qualcosa senza tempo e all’avanguardia della tecnologia.

 

ALL’AVANGUARDIA TRA ARTIGIANALITA’ E PRODUZIONE INDUSTRIALE

A San Cesario sul Panaro vicino a Modena, centro nevralgico dell’automotive italiano e sede di noti marchi tra cui Ferrari, Lamborghini e Maserati, Horacio Pagani e il suo team lavorano da oltre 25 anni per continuare a perfezionare i loro progetti. Dopo aver lavorato per Lamborghini, il giovane designer è diventato rapidamente un esperto nella realizzazione di parti in fibra di carbonio. Nel 1992 nasce Modena Design e prende forma l’idea della Zonda, nel 1998 fonda Pagani Automobili. Per il taglio dei tessuti in fibra di carbonio, l’Atelier di San Cesario si affida all’innovativa tecnologia di taglio svizzera di Zünd. Nel 2018, l’azienda ha installato il secondo sistema di taglio Zünd G3 L-2500, che ha sostituito il vecchio Zünd PN L-1200 che aveva alle spalle oltre 20 anni di onorata carriera.

Alla fine del 2015 Pagani ha realizzato il nuovo stabilimento produttivo, a due passi dalla sede storica. L’obiettivo primario era quello di guadagnare più spazio e ottimizzare le singole fasi di produzione. Efficienza, risparmio sui costi e buoni investimenti sono considerazioni palpabili in tutta l’azienda.

Le componenti in carbonio che compongono le vetture sono meticolosamente lavorate a mano, il taglio con il cutter Zünd G3 è una delle poche fasi di produzione che sono state automatizzate.

 

STRUMENTI AFFIDABILI PER MATERIALI IMPEGNATIVI

Ogni telaio Pagani è costituito da 240 componenti in materiale composito a base di carbonio. L’esatta combinazione di fibra di carbonio che viene utilizzata è un segreto aziendale gelosamente custodito. A seconda della rigidità e della resistenza richieste, vengono utilizzati quasi dieci diversi articoli.

Uno di questi combina titanio e fibra di carbonio in un composito chiamato Carbo-Titanio, sviluppato e brevettato da Pagani. È circa sei volte più leggero dell’acciaio e offre il miglior rapporto resistenza/peso nell’industria automobilistica. Il taglio della fibra di carbonio rinforzata con titanio è estremamente impegnativo.

L’Electric Oscillating Tool – EOT è molto versatile e viene utilizzato per tagliare tutti i tipi di materiali in fibra di carbonio in modo rapido ed efficiente. Pagani ha anche necessità di lavorare materiali a nido d’ape. Questi vengono tagliati sulla stessa macchina Zünd G3 utilizzando lo Pneumatic Oscillating Tool – POT, un utensile pneumatico con corsa estesa di 8 mm che fornisce la forza necessaria per lavorare in modo affidabile e produttivo questo tipo di materiale.

Il G3 di Pagani, inoltre, è dotato di Router Module – RM-A da 1kW con Automatic Router Bit ChangerARC a otto postazioni, prova tangibile della versatilità delle macchine da taglio Zünd. Il modulo fresa viene utilizzato per la lavorazione di materiali compositi polimerizzati.

 

UN RISPARMIO DI MATERIALE DI OLTRE IL 20%

I componenti in fibra di carbonio Pagani sono realizzati rigorosamente su ordinazione. La modernissima funzione di nesting di Zünd assicura che tutte le parti siano disposte in modo ottimale sul materiale. Il software calcola automaticamente il miglior posizionamento anche dei contorni di taglio più complessi e li annida insieme il più strettamente possibile. Questo processo automatizzato riduce significativamente il tempo necessario per la preparazione e l’impostazione del lavoro e massimizza la resa del materiale riducendo al minimo gli scarti.

Oltre all’enorme risparmio di manodopera, la funzione di nesting automatizzato ci ha anche aiutato a ottenere un notevole risparmio di materiale pari o superiore al 20%.”, spiega Roberto  Malmusi, R&D Composite Layup Supervisor; “I sistemi Zünd, il software e l’interfaccia utente del G3, dotato di Zünd Cut Center è molto intuitivo e rende il sistema estremamente facile da usare. Grazie alla sua versatilità, il G3 è stato facilmente integrabile nel flusso di lavoro esistente”.

 

IL MASSIMO DELLA PRESTAZIONE

Il nuovo sistema di taglio Zünd G3 è equipaggiato per gestire in maniera ottimale i rigidi requisiti richiesti per la lavorazione della fibra di carbonio. Le componenti elettroniche, ad esempio, sono protette con Carbon Fibre Protection, ovvero un sistema di schermatura fornito da Zünd che aiuta a preservare le componenti elettriche da potenziali cortocircuiti causati dai filamenti della fibra di carbonio elettricamente conduttivi e dai danni che possono causare.

Anche alcuni degli utensili sono stati sviluppati specificatamente per l’uso in applicazioni che coinvolgono i compositi, con una pressione dell’aria positiva che protegge le parti meccaniche degli utensili ad alte prestazioni dalle particelle di polvere abrasive. La decisione di Pagani di scegliere ancora la tecnologia di taglio Zünd si è basata non solo su evidenti vantaggi tecnici e prestazionali, ma anche su altri fattori.

Per l’azienda, questi erano ugualmente importanti:

Per anni abbiamo mantenuto una grande partnership con Zund Italia. Zünd ha un enorme know-how nella lavorazione dei materiali compositi ed è stato in grado di fornire una guida altamente competente e completa. Rispetto alla macchina PN che abbiamo sostituito, abbiamo registrato un aumento della produttività di oltre il 20%. Le prestazioni del nuovo sistema di taglio sono davvero sorprendenti“. Conclude MalmusiNon abbiamo alcun dubbio che, con il G3 di Zünd, la nostra azienda si sia dotata del sistema di taglio digitale più avanzato e produttivo presente sul mercato”.

 

 
 


Leggi anche

Il progetto europeo CIRCE (Circular Economy Model for Carbon Fibre Prepregs), nato dalla collaborazione di cinque aziende italiane e finanziato nell’ambito del programma LIFE (LIFE ENV/IT/00155), ha studiato come riutilizzare gli sfridi dei prepreg in fibra di carbonio per produrre componenti strutturali come parti auto, dischi freno, puntali per scarpe antinfortunistiche e non solo….

Leggi tutto…

The use of CFRP can significantly reduce CO2 emissions in transportation, including airplanes and automobiles. However, a lot of CO2s is released during the production of CFRP, and most used and waste materials end up in landfills. With the growing market of CFRP, there is a strong demand for the development of recycling technologies. Toyota Industries have developed technology that aligns recycled carbon fibers from used CFRP into a uniform, consistent yarn, adapting its well-established cotton spinning methods to carbon fiber….

Leggi tutto…

Spherecube, una startup e spinoff dell’Università Politecnica delle Marche, propone di risolvere i problemi legati alla produzione tradizionale dei materiali compositi alto performanti, grazie ad un sistema brevettato di stampa 3D per compositi a base termoindurente e rinforzo continuo, che permette di ridurre gli scarti di produzione, di eliminare i materiali consumabili, di accorciare il tempo di curing e di azzerare gli sfridi di materiale….

Leggi tutto…

BASF, Flex-N-Gate, Toyota and L&L Products were named finalists for the 2023 JEC Innovation Award in the Automobile and Road Transportation – Design Part category with the composite seatback design of the 2022 Toyota Tundra. The goal was to make the vehicle as light and efficient as possible, but also cost-effective, with flexible design and more storage space for the end user….

Leggi tutto…

La perdita di performance della Front Wing dal punto di vista strutturale, nel prototipo della stagione 2022, ha spinto il Team Dynamis PRC a realizzare analisi esplicite ad impatto con i coni delimitanti il tracciato. In questo modo, è possibile valutare come implementare sequenze di laminazione e la geometria di alcuni componenti dell’assieme dell’ala frontale….

Leggi tutto…