Il Gruppo Reglass

I prodotti tubolari in fibra di carbonio
per lo sport e l’industria

La società è leader nel settore sportivo con la produzione di canne da pesca e alberi da windsurf in fibra di carbonio, realizzati con tecnologie esclusive, studiate per ottenere le migliori performance. Numerosi sono stati i premi vinti in competizioni sportive di livello internazionale grazie all’utilizzo proprio di questi tubi e alle loro straordinarie caratteristiche. Per la nautica Reglass progetta e costruisce accessori specifici.

Dalla fibra di carbonio alla realizzazione di canne da pesca ad alte prestazioni

 

Nella produzione industriale eccelle con la realizzazione di rulli in fibra di carbonio per l’industria della stampa, del converting e del packaging. Di rilievo le sue soluzioni in carbonio per la produzione ed il converting della carta tissue, il converting del tessuto non tessuto e la lavorazione del film plastico. I rulli Reglass si basano su tubi in composito di carbonio altamente performanti, realizzati mediante tecnologia Sheet wrapping. Per dimensioni e caratteristiche tecniche, rispondono alla necessità delle aziende di realizzare impianti diversificati e competitivi.

Rulli in fibra di carbonio di diverse dimensioni

 

Automotive e aerospazio

Numerose le produzioni in altri settori realizzate su progetto e in partnership con aziende di rilevo internazionale. Ad esempio: Lamborghini per l’automotive, e Thales Alenia per il settore aerospaziale.

Reglass aderisce al cluster emiliano romagnolo IR4I, Innovation & research for industry che oggi conta 27 aziende ed è nato con l’obiettivo di portare nel mondo aeronautico e aerospaziale le esperienze legate alla motor valley. Le aziende del cluster sono specializzate in diversi settori: motorsport, F1, motoristica automotive, ma anche packaging e meccanica avanzata e promuovono la ricerca e lo sviluppo del settore aerospaziale aeronautico. Reglass utilizza laboratori specifici e realizza parti di satellite e antenne in fibra di carbonio. Tra gli incarichi di maggior importanza, la sua partecipazione alla missione ESA per l’esplorazione delle Lune di Giove. In materiale composito di fibra di carbonio, diversi componenti, realizzati dall’azienda, dell’antenna satellitare progettata da Thales Alenia Space Italia – joint venture ThalesLeonardo – nell’ambito del programma spaziale, JUpiter ICy moons Explorer (JUICE). Il lancio della missione è previsto nel 2023. Obiettivo: l’esplorazione delle tre lune ghiacciate di Giove: Ganimede, Europa e Callisto.

Satellite per la missione JUpiter ICy moons Explorer (JUICE)

 

Reglass e la sismica

In seguito al terremoto del 2012 in Emilia Romagna, che ha causato gravi danni alle attività produttive con ricadute pesanti sull’economia del territorio e dell’intera nazione, l’azienda ha progettato e sviluppato in collaborazione con l’Università di Bologna, Sismocell, un sistema antisismico in acciaio e fibra di carbonio che realizza collegamenti dissipativi non rigidi, trave-pilastro; trave-elementi di copertura per la messa in sicurezza dei capannoni prefabbricati. È l’esordio dell’azienda nel settore edilizio.

Celle cilindriche in acciaio e fibra di carbonio che compongono il sistema Sismocell

 

Ricerca e sviluppo Reglass

Circa l’8% del fatturato di produzione viene reinvestito in ricerca e sviluppo che si svolge in laboratori aziendali dedicati, in collaborazione con Università e centri di ricerca. L’azienda ha sviluppato, molti materiali compositi con diversi tipi di fibre e resine e svolge una continua attività di studio per migliorare qualità, funzioni e range di applicazioni con l’utilizzo di nanomateriali, nanocoatings, rivestimenti ceramici e metallici, nuovi tipi di fibre, giunzioni metallo-composito e molte altre innovazioni.

Sezione al microscopio della fibra di carbonio

 

Nel complesso delle sue produzioni e invenzioni, la società ha depositato 22 brevetti ed è compresa nell’elenco dei laboratori di ricerca certificati dal Miur (Ministero dell’Università e della Ricerca Italiano).

 

Settori applicativi

  1. Attrezzature sportive: alberi da windsurf di alta gamma, canne da pesca high end.
  2. Tubi e rulli industriali: per le industrie della stampa, del packaging, della carta e del tissue.
  3. Alberi di trasmissione: per automotive, torri di raffreddamento e macchinari.
  4. Componenti strutturali: per strutture civili ed industriali.
  5. Parti ed accessori: per nautica da competizione ed auto supersportive.
  6. Parti ed accessori: per aeronautica ed aerospazio, componenti di satelliti.
  7. Dispositivi antisismici: per il settore edilizio e progettazioni ad hoc

 

 


Leggi anche

Plataine, fornitore di soluzioni di AI e Industrial IIoT per l’ottimizzazione della produzione, ha intrapreso una collaborazione con l’Advanced Technologies Lab for Aerospace Systems (ATLAS), parte del National Institute for Aviation Research (NIAR) della Wichita State University, per esplorare le possibilità di evoluzione digitale dei processi di produzione di compositi avanzati, grazie all’analisi dei dati….

Leggi tutto…

Un consorzio composto dalle PMI ÉireComposites e Plasma Bound e dall’Università tecnologica di Dublino ha ottenuto un finanziamento governativo di 2,5 milioni di euro per il progetto Ad Astra, che ha l’obiettivo di promuovere l’adozione di materiali compositi leggeri in diverse fasi del processo produttivo dell’industria aerospaziale. Il lavoro sarà sostenuto nell’ambito del DTIF (DISRUPTIVE TECHNOLOGIES INNOVATION FUND) Call 5, guidato dal governo irlandese e da Enterprise Ireland….

Leggi tutto…

AIMPLAS e TNO hanno concluso il progetto ELIOT, che prevede una revisione completa delle tecnologie di riciclaggio per compositi e biocompositi. Durante i test sono stati valutati dodici metodi applicati a sei diversi materiali. La solvolisi e la pirolisi sono risultate le alternative più promettenti per la produzione su larga scala. La pirolisi, tuttavia, ha dimostrato di avere costi economici ed ambientali maggiori rispetto alla solvolisi, dal momento che genera il 17% in più di anidride carbonica e sviluppa il doppio del calore….

Leggi tutto…

In occasione dell’evento JEC Forum ITALY – organizzato da JEC Group in collaborazione con Assocompositi – del prossimo 6-7 giugno 2023 a Bologna, Leonardo Spa terrà un intervento all’interno della sessione “Nuovi modelli per l’innovazione e nuove tecnologie”. Disponibile ora l’abstract dello speech!…

Leggi tutto…

Nell’ottica di rendere più sostenibile l’industria aerospaziale, i compositi a sandwich possono sostituire i termoindurenti tradizionali nella creazione di parti strutturali degli aerei, senza rinunciare alla resistenza in ambienti estremi o in situazioni di carico imprevisto. EconCore sta lavorando con Airbus, Fraunhofer e il Politecnico della Danimarca (DTU) alla realizzazione di un timone sostenibile per un aeromobile in compositi a nido d’ape….

Leggi tutto…