Il milliDelta apre nuove strade alla microchirurgia

Il milliDelta è il robot più veloce e preciso nel suo genere. Ciò che lo distingue è l’ingegneria e la genialità che vi sta dietro. I robot industriali hanno motori posizionati nei giunti, il robot Delta invece è controllato da motori in una “stazione base” centrale. Le sue braccia hanno la forma di un triangolo, sono estremamente leggere e non richiedono molta forza.

Come riportato in Science Robotics, il minirobot è stato creato dal team di Robert Wood all’Istituto Wyss di Harvard ispirato da origami e libri pop-up partendo da un approccio di microfabbricazione già sviluppato nel 2011.

Il design milliDelta incorpora una struttura in laminato composito con giunti a flessione incorporati che si avvicinano alle articolazioni più complesse presenti nei robot Delta su larga scala.

Come i suoi precedessori, il milliDelta può raccogliere le cose da un nastro trasportatore e metterle in un posto ma su un raggio di azione molto più piccolo.

Il milliDelta ha le dimensioni di un penny, misura solo 15 millimetri per 15 millimetri, misure ideali che gli permettono di lavorare e assembleare persino schede di computer.

Per via della sua alta velocità e massima precisione micrometrica, i ricercatori sostengono che tali robot potranno essere adoperati anche in operazioni mediche delicate. I ricercatori pensano che i robot specializzati potrebbero, ad esempio, essere utilizzato per annullare le oscillazioni naturali della mano del chirurgo posizionandolo all’estremità dello strumento in uso. È stato dimostrato, infatti, dal team di Wood che milliDelta può operare in uno spazio di lavoro di circa sette millimetri cubici rendendolo ideale per interventi chirurgici come la microchirurgia retinica eseguita sull’occhio umano.

  

 


Leggi anche

Covestro parteciperà a K 2019, la più grande fiera delle materie plastiche, e presenterà allo stand A75 nel padiglione 6 soluzioni innovative per l’industria automobilistica, edilizia ed elettronica, della salute, dell’arredamento, dello sport e del tempo libero. La conferenza stampa si terrà si terrà il 15 ottobre, giorno precedente l’apertura, alle ore 15 presso lo stand Covestro. …

Leggi tutto…

I veicoli elettrici a celle a combustibile (Fuel Cell Electric Vehicle), alimentati a idrogeno, superano le automobili a batteria sotto diversi aspetti. Ma la tecnologia è ancora giovane e necessita di essere messa a punto. In particolare, bisogna lavorare sul serbatoio di stoccaggio dell’idrogeno: una soluzione arriva dal mondo dei materiali compositi…

Leggi tutto…

Il primo prototipo di ponte progettato con una nuova tecnologia di stampa 3D per stampare componenti estese in FRP (Fiber Reinforced Polymers) potrebbe rivoluzionare rivoluzionando i sistemi di fabbricazione e costruzione dei ponti nelle nostre città. Dalla partnership di Royal HaskoningDHV, CEAD e DSM nasce il primo prototipo di passerella pedonale stampata 3D prodotta con un materiale composito innovativo versatile e sostenibile…

Leggi tutto…

Emilia 4 LT è la nuova versione dell’auto solare a quattro posti dell’Università di Bologna. Il team Onda Solare l’ha presentata mercoledì 31 luglio 2019 ai Musei Ferrai di Maranello. Il nuovo design, con innovazioni nei materiali e nella meccanica, le consentirà di affrontare la World Solar Challenge (13-20 ottobre): un tracciato di 3000 km nel deserto australiano da Darwin ad Adelaide….

Leggi tutto…

Composite Cluster Singapore (CSS) ha annunciato che sta lavorando con Eviation Aircraft of Israel, azienda israeliana che si occupa di aviazione elettrica, allo sviluppo di “Alice”, un velivolo totalmente elettrico costruito per il 95% con materiali compositi, controllato da un sistema fly-by-wire e azionato da tre eliche, alle estremità alari e sulla fusoliera posteriore. CSS si sta occupando della progettazione delle ali per il velivolo presentato al 53° Salon International de l’aéronautique et de l’espace tenutosi a Le Bourget, in Francia, dal 17 al 23 giugno….

Leggi tutto…