Il milliDelta apre nuove strade alla microchirurgia

Il milliDelta è il robot più veloce e preciso nel suo genere. Ciò che lo distingue è l’ingegneria e la genialità che vi sta dietro. I robot industriali hanno motori posizionati nei giunti, il robot Delta invece è controllato da motori in una “stazione base” centrale. Le sue braccia hanno la forma di un triangolo, sono estremamente leggere e non richiedono molta forza.

Come riportato in Science Robotics, il minirobot è stato creato dal team di Robert Wood all’Istituto Wyss di Harvard ispirato da origami e libri pop-up partendo da un approccio di microfabbricazione già sviluppato nel 2011.

Il design milliDelta incorpora una struttura in laminato composito con giunti a flessione incorporati che si avvicinano alle articolazioni più complesse presenti nei robot Delta su larga scala.

Come i suoi precedessori, il milliDelta può raccogliere le cose da un nastro trasportatore e metterle in un posto ma su un raggio di azione molto più piccolo.

Il milliDelta ha le dimensioni di un penny, misura solo 15 millimetri per 15 millimetri, misure ideali che gli permettono di lavorare e assembleare persino schede di computer.

Per via della sua alta velocità e massima precisione micrometrica, i ricercatori sostengono che tali robot potranno essere adoperati anche in operazioni mediche delicate. I ricercatori pensano che i robot specializzati potrebbero, ad esempio, essere utilizzato per annullare le oscillazioni naturali della mano del chirurgo posizionandolo all’estremità dello strumento in uso. È stato dimostrato, infatti, dal team di Wood che milliDelta può operare in uno spazio di lavoro di circa sette millimetri cubici rendendolo ideale per interventi chirurgici come la microchirurgia retinica eseguita sull’occhio umano.

  

 


Leggi anche

Kevlar

I ricercatori dell’Università di Harvard, in collaborazione con l’Army Soldat Capabilities Development Command Soldier Center (CCDC SC) e West Point, hanno sviluppato un materiale a base di nanofibre leggero e multifunzionale in grado di proteggere chi lo indossa da temperature estreme e minacce in contesto bellico…

Leggi tutto…

Il marchio cinese TUPLUS ha realizzato una nuova valigia in fibra di carbonio nella sua linea principale. Il modello da 25 pollici, attualmente in vendita solo in Cina, è dotato di gusci anteriori e posteriori realizzati in compositi termoplastici Maezio® di Covestro, che aumentano le prestazioni d’impatto e al contempo elevano il design e lo stile. …

Leggi tutto…

3D printed FRP footbridge

Il parco di Kralingse Bos, il cuore verde di Rotterdam, avrà presto una passerella pedonale realizzata in polimeri fibrorinforzati (FRP) tramite la stampa 3D. Questa passerella dovrebbe rappresentare l’inizio di una transizione verso la prossima generazione di ponti, che offriranno alte prestazioni come leggerezza, estrema versatilità, circolarità e sostenibilità…

Leggi tutto…

Empa aerogel

I ricercatori di Empa, centro di ricerca interdisciplinare svizzero per la scienza e la tecnologia dei materiali, sono riusciti ad applicare gli aerogel alla microelettronica: hanno infatti sviluppato aerogel basati su nanofibre di cellulosa che non hanno rivali in termini di peso e che possono schermare efficacemente i campi elettromagnetici prodotti da motori elettrici e dispositivi elettronici…

Leggi tutto…

The Brainstorm project: rail vehicle frame

Sotto la spinta delle sfide del settore ferroviario per l’industria e il mondo accademico, e cioè ridurre i costi e le emissioni di carbonio e migliorare la capacità e la soddisfazione del cliente, il progetto BRAINSTORM ha sviluppato tubi in composito ultraleggeri per la produzione di vagoni ferroviari innovativi, leggeri e modulari, che riducono i costi di produzione e le emissioni di carbonio…

Leggi tutto…