Il milliDelta apre nuove strade alla microchirurgia

Il milliDelta è il robot più veloce e preciso nel suo genere. Ciò che lo distingue è l’ingegneria e la genialità che vi sta dietro. I robot industriali hanno motori posizionati nei giunti, il robot Delta invece è controllato da motori in una “stazione base” centrale. Le sue braccia hanno la forma di un triangolo, sono estremamente leggere e non richiedono molta forza.

Come riportato in Science Robotics, il minirobot è stato creato dal team di Robert Wood all’Istituto Wyss di Harvard ispirato da origami e libri pop-up partendo da un approccio di microfabbricazione già sviluppato nel 2011.

Il design milliDelta incorpora una struttura in laminato composito con giunti a flessione incorporati che si avvicinano alle articolazioni più complesse presenti nei robot Delta su larga scala.

Come i suoi precedessori, il milliDelta può raccogliere le cose da un nastro trasportatore e metterle in un posto ma su un raggio di azione molto più piccolo.

Il milliDelta ha le dimensioni di un penny, misura solo 15 millimetri per 15 millimetri, misure ideali che gli permettono di lavorare e assembleare persino schede di computer.

Per via della sua alta velocità e massima precisione micrometrica, i ricercatori sostengono che tali robot potranno essere adoperati anche in operazioni mediche delicate. I ricercatori pensano che i robot specializzati potrebbero, ad esempio, essere utilizzato per annullare le oscillazioni naturali della mano del chirurgo posizionandolo all’estremità dello strumento in uso. È stato dimostrato, infatti, dal team di Wood che milliDelta può operare in uno spazio di lavoro di circa sette millimetri cubici rendendolo ideale per interventi chirurgici come la microchirurgia retinica eseguita sull’occhio umano.

  

 


Leggi anche

Progettata dallo Studio Tipic, Tulèr è una cucina responsive dall’approccio inedito, nella quale tecnologia e materiale composito sono i protagonisti di un’isola evoluta e polifunzionale. Tulèr è realizzata interamente in Quartzforms, un materiale composito realizzato attraverso un particolare processo di “vibro compattazione sottovuoto”, ovvero una miscelazione di sabbia silicea o quarzo puro con resina strutturale poliestere e pigmenti colorati stabilizzati ai raggi UV …

Leggi tutto…

Versione aggiornata e più orientata alle gare della 488, la GTO avrà cofano anteriore, fascioni, labbro posteriore e cerchioni in fibra di carbonio. Questi ultimi, si potranno avere su richiesta e peseranno il 40% in meno di quelli tradizionali in alluminio, quanto basta per rendere l’auto molto più agile e reattiva …

Leggi tutto…

Un team di Harvard, la prestigiosa Università USA, ha progettato un nuovo tipo di robot in miniatura che combina precisione micrometrica ad alta velocità. Il nuovo design integra una tecnica di micro fabbricazione ispirata agli origami con materiali compositi ad alte prestazioni che possono incorporare articolazioni e attivatori di flessione…

Leggi tutto…

European star at the CES Fair in Las Vegas, USA, Ujet electric scooter was born out of an idea of a German company based in Luxembourg and has up to 150 kilometers of autonomy. It is the result of five years of studies, and, after its production began last October 2017, it will be shortly launched in Italy (Milan), Germany (Munich), France (Paris) and Spain (Barcelona)…

Leggi tutto…

Un progetto ideato da uno scienziato italiano, con protagonista Remove DEBRIS, un piccolo satellite in fibra di carbonio il cui decollo è previsto a marzo 2018, che ci aiuterà a capire qual è il metodo migliore per fare pulizia dai detriti spaziali nell’orbita terrestre. Al momento, l’investimento economico è stato di 15 milioni di euro, finanziati per metà dalla Commissione Europea…

Leggi tutto…