Dispositivi Covid-19

Impresa SIcura: il bando di Invitalia rimborsa le aziende per le spese di acquisto dei DPI

In un momento di difficoltà per le imprese italiane come quello attuale, il decreto Cura Italia (DL 18/2020, articolo 43, comma 1) ha previsto la misura Impresa SIcura, un bando pubblicato da Invitalia per sostenere la continuità dei processi produttivi e la loro ripresa in piena sicurezza. Tutte le aziende che operano sul territorio nazionale, indipendentemente dalla loro dimensione, potranno ottenere il rimborso delle spese per l’acquisto di dispositivi e altri strumenti di protezione individuale (DPI) per il contenimento e il contrasto dell’emergenza sanitaria Covid-19, fino al 100% delle spese ammissibili e fino a esaurimento della dotazione finanziaria disponibile.

In base al bando, l’importo massimo rimborsabile è di 500 euro per ciascun addetto dell’impresa a cui sono destinati i DPI, con un rimborso massimo di 150mila euro per ciascuna azienda. Mentre l’importo minimo non può essere inferiore a 500 euro. Il bando mette a disposizione risorse per 50 milioni di euro.

DPIRiguardo al periodo di rimborso coperto, le imprese hanno diritto a richiedere il rimborso delle spese sostenute tra il 17 marzo 2020 e la data di invio della domanda. Il bando rimborsa l’acquisto di:

  • mascherine filtranti, chirurgiche, FFP1, FFP2 e FFP3;
  • guanti in lattice, in vinile e in nitrile;
  • dispositivi per protezione oculare;
  • indumenti di protezione quali tute e/o camici;
  • calzari e/o sovrascarpe;
  • cuffie e/o copricapi;
  • dispositivi per la rilevazione della temperatura corporea;
  • detergenti e soluzioni disinfettanti/antisettici.

Tutte le imprese possono presentare domanda di rimborso, indipendentemente da dimensione, forma giuridica e settore economico in cui operano. Unica condizione è che alla data di presentazione della domanda non siano in liquidazione.

Come funziona

Impresa SIcura prevede tre fasi:

1 – Prenotazione del rimborso

Le imprese possono inviare la prenotazione del rimborso dall’11 al 18 maggio 2020, dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 18.00, attraverso uno sportello informatico dedicato.

2 – Pubblicazione dell’elenco delle prenotazioni

Invitalia pubblicherà l’elenco di tutte le imprese che hanno inoltrato la prenotazione, in ordine cronologico, comunicando le prenotazioni ammesse a presentare domanda di rimborso e quelle risultate non ammissibili.

3 – Presentazione della domanda di rimborso

Le imprese ammesse avranno tempo per compilare la domanda dalle ore 10.00 del 26 maggio 2020 alle ore 17.00 dell’11 giugno 2020 attraverso la procedura informatica che sarà attivata sul sito web dell’Agenzia.

Erogazione rimborsi

Subito dopo la conclusione della fase di compilazione, Invitalia avvierà le attività per l’erogazione dei rimborsi. I versamenti avverranno entro il mese di giugno 2020.

 

Per maggiori informazioni visita il sito di Invitalia.

Leggi qui il bando completo.


Leggi anche

Da una collaborazione tra diversi paesi e università europee, capeggiata da un’azienda olandese, è stato sviluppato SUREbridge (SURE sta per Sustainable Refurbishment or Existing Bridges): un esempio di edilizia sostenibile. Il progetto prevede che una struttura in materiale composito fibrorinforzato sia posizionata su un ponte in cemento esistente…

Leggi tutto…

Il National Composites Centre (NCC) del Regno Unito ha avviato l’ultima fase dei lavori per il completamento di un avanzato impianto di produzione dei materiali compositi. In parte laboratorio, in parte fabbrica, la sede aggiuntiva di 9.948 m2 è il risultato di un programma di ricerca e sviluppo di due anni da 36,7 milioni di sterline per sfruttare le potenzialità delle nuove tecnologie digitali…

Leggi tutto…

TÜV SÜD ha investito più di 300.000 sterline nei suoi impianti di test ambientali. Le innovazioni apportate consentiranno di aumentare la capacità dei test climatici di TÜV SÜD e di velocizzare i tempi di test e immissione dei prodotti sul mercato per i produttori di apparecchiature aerospaziali e di difesa…

Leggi tutto…

Le soluzioni di dati in cloud in fase di sperimentazione presso l’Advanced Manufacturing Research Centre (AMRC) dell’Università di Sheffield potrebbero fornire un modo sicuro ed economico per le aziende di piccole e medie dimensioni per aumentare la loro produttività tramite le tecnologie di machine learning e Industria 4.0…

Leggi tutto…

The resin - hardened under water

TU Wien ha brevettato una speciale formula di resina epossidica che consente di trasformare il materiale dallo stato liquido a quello solido se una parte di esso è irradiata da una luce appropriata. Il processo è stato eseguito anche sott’acqua, questo permetterà di impiegare la resina anche in interventi difficili da realizzare fino a oggi: per esempio, il riempimento di fessure subacquee in pilastri o dighe o la riparazione di tubi durante le operazioni in corso …

Leggi tutto…