La tecnologia di stampa 3D protagonista della Milano Design Week

Inizia oggi l’atteso appuntamento della Milano Design Week e a Ventura Future saranno presentate le esposizioni di designer che hanno una relazione forte con il concetto di “futuro”, sia nei loro progetti, che nel loro modo di pensare. Lo conferma la presenza di noti designer tra i quali l’austriaco Philipp Aduatz, conosciuto nel mondo del design per la creazione di oggetti scultorei innovativi.
A questa edizione il designer ha scelto la tecnologia di stampa 3D per realizzare l’avveniristica ““Chaiselongue digitale”. L’innovativo processo di fabbricazione della sedia ha richiesto diverse fasi. In primo luogo, lo stampo negativo è stato stampato in 3D dal calcestruzzo. Ciò ha permesso di ottenere un alto livello di dettaglio e precisione nella struttura, che è stato poi impostato sul posto estraendo la miscela di calcestruzzo sul modello. Al termine dello stampo, il tempo di stampa totale è durato meno di un’ora. Le fibre di carbonio sono state utilizzate anche per rinforzare il calcestruzzo in certe aree, garantendo la stabilità e la resistenza alla trazione della struttura di forma non convenzionale nelle sue parti più sensibili.
Dopo aver stampato la sedia, è stato aggiunto un rivestimento in poliuretano resistente ai raggi UV. Quest’ultima fase è stata eseguita utilizzando un buon artigianato vecchio stile, mostrando le potenzialità di progetti di design innovativi come questo per riunire diverse forme di esperienza, con lavoro manuale creativo e automazione digitale che lavorano in armonia.
Questa combinazione di diversi elementi, contesti e metodi di lavoro è già stata utilizzata da Aduatz. Un’altra sedia nota come “sedia a gradiente” è stata interamente realizzata con oggetti da costruzione trovati durante la ristrutturazione del suo studio. Il telaio della sedia è stato utilizzato in legno, rivestito con un tessuto di mattoni e poi completamente coperto da intonaco, rinforzato con un tessuto in fibra di vetro. Un altro pezzo noto come “sedia nuvola” è stato realizzato in legno, filo metallico, schiuma di poliuretano, resina epossidica e poliuretanica, fibra di vetro e vernice.
La tecnologia di stampa 3D in calcestruzzo è qualcosa che viene sempre più utilizzata nei cantieri per unire rapidamente edifici. Oggi, grazie a Aduatz, la stampa 3D entra nel campo del design per la stampa 3D di mobili e altre sculture funzionali, presto disponibili su larga scala.


Leggi anche

Emilia4 è il prototipo, in fase di montaggio, dal telaio interamente in carbonio e con il motore solare. L’auto del futuro sarà pronta per la presentazione ufficiale prevista per il 14 giugno presso il Museo Ferrari di Maranello. Poi verrà inviata negli Stati Uniti dove, dal 14 al 22 luglio, parteciperà al più probante dei test: l’American Solar Challange, nella categoria Cruiser

Leggi tutto…

L’americana Kreysler & Associates – specializzata nell’impiego di materiali compositi in edilizia dal 1982 e riconosciuta a livello internazionale per la sua innovazione, creatività e abilità – presenta opere d’architettura in materiali compositi con metodi di produzione FRP. Questa visione del futuro deve essere uno stimolo per gli architetti nell’adottare soluzioni innovative che si confermano essere anche economiche per una vasta gamma di applicazioni architettoniche, scultoree e industriali

Leggi tutto…

Horacio Pagani, fondatore del marchio Pagani Automobili e padre delle supercar che portano il suo nome, è esperto nella lavorazione del carbonio, alla base dello sviluppo delle auto da competizione e dei più disparati oggetti dove leggerezza e robustezza devono andare a braccetto…

Leggi tutto…

Gli avventori del nuovo centro commerciale Halls Heads appena ristrutturato saranno accolti da un nastro a spirale in composito di 3,5 x 2,5 m rappresentante il logo di uno dei proprietari del centro. Il nastro è costituito da una matrice in Divinycell IPN con una resina in vinilestere e pesa 155 kg in tutto…

Leggi tutto…

Gli scienziati della Corea del Sud hanno sviluppato delle batterie agli ioni di litio estensibili che potranno alimentare la prossima generazione di dispositivi indossabili. Utilizzando il composito ibrido carbonio/polimero (HCP) come un collettore di corrente estensibile, il team di ricerca ha sviluppato una batteria ricaricabile altamente estensibile basata sugli elettroliti…

Leggi tutto…