Saint-Gobain PPC Italia: nuovo socio Assocompositi

La storia di Saint-Gobain ha inizio in Francia nel lontano 1665, quindi ben 354 anni fa, per volere del Re Luigi XIV, per realizzare la Galleria degli Specchi del Palazzo di Versailles a Parigi.

Ma Saint-Gobain non è solo vetro, anzi. Nel corso degli anni, grazie ad una serie di piccole e grandi acquisizioni, è diventata un riferimento importante in tutti i settori in cui opera, in particolare in quello dell’edilizia, grazie alla produzione e distribuzione di materiali innovativi progettati per il benessere di tutti noi, che si trovano ovunque negli spazi di vita e nella quotidianità: negli edifici, nei trasporti, nelle infrastrutture e in molte applicazioni industriali. 

Oggi il Gruppo Saint-Gobain vanta una presenza in 68 Paesi, occupando circa 180.000 dipendenti, con un fatturato complessivo di 41.8 miliardi di euro nel 2018.

Per il settimo anno consecutivo è tra le prime 100 aziende più innovative al mondo, secondo la classifica Top 100 Global Innovator di Clarivate Analytic.

Gli investimenti in Ricerca&Sviluppo, con ben 8 Centri nel mondo e numerose partnership con le più prestigiose Università e laboratori internazionali, infatti, consentono un continuo e proficuo percorso di sviluppo tecnologico. Traducendo in cifre questo impegno verso l’innovazione, 1 prodotto su 4 venduto oggi da Saint-Gobain non esisteva 5 anni fa e circa il 30% del fatturato deriva dai sistemi e dalle soluzioni per il risparmio energetico e per la protezione ambientale.

In Italia, dove è presente da 130 anni (1889), Saint-Gobain conta 712 Mio. € di fatturato 2018 e oltre 2.100 dipendenti.

Il ruolo più “importante” in termini numerici (circa 1/3) è ricoperto da Saint-Gobain Italia S.p.A., che annovera marchi noti nel settore dell’edilizia quali Gyproc (sistemi a secco e intonaci a base gesso), Isover (isolanti termo-acustici e impermeabilizzanti), Weber (sistemi a cappotto e soluzioni per la facciata, intonaci e rasanti a base cemento, pitture per interno, impermeabilizzanti, massetti, colle e sigillanti per piastrelle) e Ecophon (controsoffitti acustici ed estetici in lana minerale).

Saint-Gobain Italia si propone come polo tecnologico di riferimento per il mercato delle costruzioni, grazie ad un approccio integrato di sistemi e soluzioni multimateriali prodotti per il 90% in Italia, e ad un’attenzione particolare ai temi di efficienza energetica, sicurezza, comfort e design.

L’80% dei prodotti dell’offerta globale di Saint-Gobain è realizzato con materiali riciclati, fino all’80%.

Inoltre, tutti i processi industriali sono studiati per massimizzare l’efficienza energetica riducendo il più possibile l’impatto sull’ambiente: dal riutilizzo delle acque, al controllo delle emissioni dirette di anidride carbonica in atmosfera.

La presenza capillare sul territorio nazionale, con unità produttive e centri logistici, non è solo un orientamento di business, ma è in linea con la politica del Gruppo di sostenibilità ambientale per ridurre al minimo i trasporti e limitare le emissioni.

L’obiettivo di un edificio Multi Comfort è creare un ambiente che rispetti tutti i criteri di sostenibilità, performance e qualità per il benessere dei suoi abitanti.” Questa frase dell’Ing. Gaetano Terrasini, Amministratore Delegato di Saint-Gobain Italia, racchiude la mission del Gruppo, che si impegna da sempre a costruire e ristrutturare per migliorare la vita quotidiana delle persone ovunque si trovino, attraverso l’equilibrio ottimale tra comfort, sostenibilità ed efficienza energetica.

Ciò si traduce in pochi ma fondamentali concetti-chiave: godere della temperatura ideale, di una buona acustica e di una adeguata quantità di luce, con un’attenzione particolare anche verso l’estetica.

Insomma, il giusto mix tra design, tecnologia e sicurezza, in grado di creare un ambiente in cui ci sentiamo bene e siamo di conseguenza più efficienti.

Per Saint-Gobain la sostenibilità nasce dalla progettazione e dalla capacità di prevedere e gestire ogni fase di vita dell’edificio, integrando materiali e soluzioni in grado di ridurre al massimo l’impatto ambientale nel tempo e garantire alti livelli di comfort abitativo.


Leggi anche

Un gruppo di ricercatori della George Washington University di Washington hanno dimostrato che è possibile produrre nanotubi in carbonio tramite un processo a basso rilascio di anidride carbonica. I nanotubi potranno essere impiegati nei materiali edilizi per ridurne le elevate emissioni di gas serra…

Leggi tutto…

Prorogato di altri 12 mesi il periodo transitorio che ammette l’impiego di materiali compositi FRCM per il consolidamento di costruzioni esistenti, al termine del quale potranno essere impiegati solo materiali qualificati in possesso di Certificato di Valutazione Tecnica rilasciato dal Servizio tecnico centrale del Consiglio superiore dei Lavori pubblici…

Leggi tutto…

Covestro è impegnata da diversi anni nello sviluppo di soluzioni di materiali compositi ed è oggi uno dei principali fornitori. L’ampia gamma di prodotti spazia dal policarbonato e poliuretano (PU) ai film. …

Leggi tutto…

Covestro parteciperà a K 2019, la più grande fiera delle materie plastiche, e presenterà allo stand A75 nel padiglione 6 soluzioni innovative per l’industria automobilistica, edilizia ed elettronica, della salute, dell’arredamento, dello sport e del tempo libero. La conferenza stampa si terrà si terrà il 15 ottobre, giorno precedente l’apertura, alle ore 15 presso lo stand Covestro. …

Leggi tutto…

Il primo prototipo di ponte progettato con una nuova tecnologia di stampa 3D per stampare componenti estese in FRP (Fiber Reinforced Polymers) potrebbe rivoluzionare rivoluzionando i sistemi di fabbricazione e costruzione dei ponti nelle nostre città. Dalla partnership di Royal HaskoningDHV, CEAD e DSM nasce il primo prototipo di passerella pedonale stampata 3D prodotta con un materiale composito innovativo versatile e sostenibile…

Leggi tutto…