Saint-Gobain PPC Italia: nuovo socio Assocompositi

La storia di Saint-Gobain ha inizio in Francia nel lontano 1665, quindi ben 354 anni fa, per volere del Re Luigi XIV, per realizzare la Galleria degli Specchi del Palazzo di Versailles a Parigi.

Ma Saint-Gobain non è solo vetro, anzi. Nel corso degli anni, grazie ad una serie di piccole e grandi acquisizioni, è diventata un riferimento importante in tutti i settori in cui opera, in particolare in quello dell’edilizia, grazie alla produzione e distribuzione di materiali innovativi progettati per il benessere di tutti noi, che si trovano ovunque negli spazi di vita e nella quotidianità: negli edifici, nei trasporti, nelle infrastrutture e in molte applicazioni industriali. 

Oggi il Gruppo Saint-Gobain vanta una presenza in 68 Paesi, occupando circa 180.000 dipendenti, con un fatturato complessivo di 41.8 miliardi di euro nel 2018.

Per il settimo anno consecutivo è tra le prime 100 aziende più innovative al mondo, secondo la classifica Top 100 Global Innovator di Clarivate Analytic.

Gli investimenti in Ricerca&Sviluppo, con ben 8 Centri nel mondo e numerose partnership con le più prestigiose Università e laboratori internazionali, infatti, consentono un continuo e proficuo percorso di sviluppo tecnologico. Traducendo in cifre questo impegno verso l’innovazione, 1 prodotto su 4 venduto oggi da Saint-Gobain non esisteva 5 anni fa e circa il 30% del fatturato deriva dai sistemi e dalle soluzioni per il risparmio energetico e per la protezione ambientale.

In Italia, dove è presente da 130 anni (1889), Saint-Gobain conta 712 Mio. € di fatturato 2018 e oltre 2.100 dipendenti.

Il ruolo più “importante” in termini numerici (circa 1/3) è ricoperto da Saint-Gobain Italia S.p.A., che annovera marchi noti nel settore dell’edilizia quali Gyproc (sistemi a secco e intonaci a base gesso), Isover (isolanti termo-acustici e impermeabilizzanti), Weber (sistemi a cappotto e soluzioni per la facciata, intonaci e rasanti a base cemento, pitture per interno, impermeabilizzanti, massetti, colle e sigillanti per piastrelle) e Ecophon (controsoffitti acustici ed estetici in lana minerale).

Saint-Gobain Italia si propone come polo tecnologico di riferimento per il mercato delle costruzioni, grazie ad un approccio integrato di sistemi e soluzioni multimateriali prodotti per il 90% in Italia, e ad un’attenzione particolare ai temi di efficienza energetica, sicurezza, comfort e design.

L’80% dei prodotti dell’offerta globale di Saint-Gobain è realizzato con materiali riciclati, fino all’80%.

Inoltre, tutti i processi industriali sono studiati per massimizzare l’efficienza energetica riducendo il più possibile l’impatto sull’ambiente: dal riutilizzo delle acque, al controllo delle emissioni dirette di anidride carbonica in atmosfera.

La presenza capillare sul territorio nazionale, con unità produttive e centri logistici, non è solo un orientamento di business, ma è in linea con la politica del Gruppo di sostenibilità ambientale per ridurre al minimo i trasporti e limitare le emissioni.

L’obiettivo di un edificio Multi Comfort è creare un ambiente che rispetti tutti i criteri di sostenibilità, performance e qualità per il benessere dei suoi abitanti.” Questa frase dell’Ing. Gaetano Terrasini, Amministratore Delegato di Saint-Gobain Italia, racchiude la mission del Gruppo, che si impegna da sempre a costruire e ristrutturare per migliorare la vita quotidiana delle persone ovunque si trovino, attraverso l’equilibrio ottimale tra comfort, sostenibilità ed efficienza energetica.

Ciò si traduce in pochi ma fondamentali concetti-chiave: godere della temperatura ideale, di una buona acustica e di una adeguata quantità di luce, con un’attenzione particolare anche verso l’estetica.

Insomma, il giusto mix tra design, tecnologia e sicurezza, in grado di creare un ambiente in cui ci sentiamo bene e siamo di conseguenza più efficienti.

Per Saint-Gobain la sostenibilità nasce dalla progettazione e dalla capacità di prevedere e gestire ogni fase di vita dell’edificio, integrando materiali e soluzioni in grado di ridurre al massimo l’impatto ambientale nel tempo e garantire alti livelli di comfort abitativo.


Leggi anche

ECOXY Project develops bio-based epoxy resin and fibre-reinforcements

Partito a giugno 2017 con termine previsto per novembre 2020, il progetto europeo ECOXY punta a sviluppare resine epossidiche innovative a base biologica e rinforzi in fibra per produrre nuovi compositi termoindurenti (FRTC) sostenibili e competitivi sia a livello di prestazioni che di costi, con l’obiettivo di raggiungere funzionalità avanzate. Questi nuovi compositi potranno trovare applicazione nel settore automobilistico e nell’edilizia…

Leggi tutto…

Carbon reinforced concrete by ITA, RWTH Aachen

La Deutsche Forschungsgemeinschaft (DFG, Fondazione tedesca per la ricerca) ha deciso di finanziare con 12 milioni di euro nei prossimi quattro anni il Centro di ricerca collaborativa (CRC)/Transregio 280 “Calcestruzzo rinforzato con fibra di carbonio” presso la Technische Universität di Dresda (TUD) e l’Università RWTH di Aquisgrana con la partecipazione dell’Institut für Textiltechnik (ITA) …

Leggi tutto…

Green construction

Un gruppo di ricercatori australiani ha scoperto un nuovo tipo di polimero per la produzione della gomma che unito a plastica riciclata, fibre da scarti vegetali o sabbia potrebbe favorire la produzione di nuove tipologie “verdi” di mattoni e materiali da costruzione…

Leggi tutto…

JEC Awards

Si è svolta mercoledì 13 maggio la cerimonia di premiazione dei JEC Composites Innovation Awards, tenutasi per la prima volta online. Undici le aziende premiate per ognuna delle undici categorie nei differenti settori dell’industria dei compositi, alle quali si aggiungono altre due aziende premiate nelle due categorie speciali. La cerimonia è stata seguita da oltre 600 persone…

Leggi tutto…

In base a una ricerca recente, si prevede che le dimensioni del mercato globale dei materiali compositi scenderanno da un totale di 90,6 miliardi di dollari del 2019 a 82,9 miliardi entro il 2021, con un tasso di crescita negativo del 4,4% rispetto al 2019. Ci si aspetta infatti che l’industria dei compositi subirà un calo dovuto all’interruzione della catena di approvvigionamento a causa della pandemia da Covid-19…

Leggi tutto…