Tulèr, la prima cucina responsive in materiale composito


Le caratteristiche del Quartzforms sono descritte da Tommaso Corà e Paolo Festa, fondatori di Tipic. «Abbiamo lavorato con i compositi in diversi progetti. Il loro utilizzo in tutti i campi è molto diffuso perché garantiscono performance, prezzo, customizzazione e affidabilità ineguagliabili dai materiali naturali. I quarzi hanno delle proprietà tecniche incredibili, sia a livello meccanico sia chimico. Ora che è possibile ottenere superfici più materiche stanno diventando davvero competitivi rispetto ai materiali naturali, anche per quanto riguarda la tattilità». Per il progetto Tulèr sono stati messi a punto delle soluzioni speciali: «I materiali utilizzati per Tulèr sono unici e fanno parte di Vulcans, una serie di 5 miscele di composito a base di quarzo che non imita alcun prodotto naturale ma propone dei colori a sé, dei materiali che abbiano dignità e valore propri come compositi. Una sorta di “pietra impossibile”. Le miscele, oltre a fare tesoro della ricerca tecnica di Marmo Arredo, propongono una serie di colori studiati sulle tendenze di interior per i prossimi anni e sono pensati per essere abbinati con gli altri materiali del mondo del progetto (legni, tessuti, ecc). Il nome Vulcans per l’appunto suggerisce questo: “il luogo dove la natura miscela la materia”. Tulèr ha portato al limite le lavorazioni del materiale con il suo bordo poligonale concavo e convesso e l’integrazione delle funzioni tecnologiche. E il quarzo era il materiale ideale per gestire queste criticità». Proprio la customizzazione tecnica ed estetica è una delle caratteristiche che stanno decretando il successo di questi materiali e anche nel progetto Tulèr queste potenzialità sono state sfruttate al meglio: «Il materiale ha risposto benissimo alle lavorazioni automatizzate a fresa, spessori diversi e incollaggi. Col quarzo è possibile gestire tutto ciò con grande sicurezza. Dal punto di vista della personalizzazione estetica esistono ancora dei limiti dovuti alla struttura delle linee di produzione. Ma la serie Vulcans è un timido inizio che dimostra quanto questi materiali possano non solo restituire le sensazioni dei materiali naturali, ma prendere una loro strada espressiva autonoma».


Leggi anche

Gli scienziati della Corea del Sud hanno sviluppato delle batterie agli ioni di litio estensibili che potranno alimentare la prossima generazione di dispositivi indossabili. Utilizzando il composito ibrido carbonio/polimero (HCP) come un collettore di corrente estensibile, il team di ricerca ha sviluppato una batteria ricaricabile altamente estensibile basata sugli elettroliti…

Leggi tutto…

Versione aggiornata e più orientata alle gare della 488, la GTO avrà cofano anteriore, fascioni, labbro posteriore e cerchioni in fibra di carbonio. Questi ultimi, si potranno avere su richiesta e peseranno il 40% in meno di quelli tradizionali in alluminio, quanto basta per rendere l’auto molto più agile e reattiva …

Leggi tutto…

Un team di Harvard, la prestigiosa Università USA, ha progettato un nuovo tipo di robot in miniatura che combina precisione micrometrica ad alta velocità. Il nuovo design integra una tecnica di micro fabbricazione ispirata agli origami con materiali compositi ad alte prestazioni che possono incorporare articolazioni e attivatori di flessione…

Leggi tutto…

European star at the CES Fair in Las Vegas, USA, Ujet electric scooter was born out of an idea of a German company based in Luxembourg and has up to 150 kilometers of autonomy. It is the result of five years of studies, and, after its production began last October 2017, it will be shortly launched in Italy (Milan), Germany (Munich), France (Paris) and Spain (Barcelona)…

Leggi tutto…

Un progetto ideato da uno scienziato italiano, con protagonista Remove DEBRIS, un piccolo satellite in fibra di carbonio il cui decollo è previsto a marzo 2018, che ci aiuterà a capire qual è il metodo migliore per fare pulizia dai detriti spaziali nell’orbita terrestre. Al momento, l’investimento economico è stato di 15 milioni di euro, finanziati per metà dalla Commissione Europea…

Leggi tutto…