AIMPLAS aderisce al progetto ECOXY, un programma per sviluppare materiali compositi ecocompatibili

AIMPLAS, Plastics Technology Centre, offers solutions to companies of the plastics industry: R&D projects, analysis and testing, technical assistance, competitive intelligence and training.
The Plastics Technology Centre, announced it is taking part in the project ECOXY, coordinated by CIDETEC – an organization for applied research that integrates three international reference institutes in the fields of energy storage, surface engineering and nanomedicine – to develop reinforced composites meeting the strict requirements of the construction and the automotive sectors, with the advantage that they are repairable, reprocessable and recyclable.
Fibre-reinforced composites are materials of great interest to the construction and the automotive industries because of their low weight and the excellent mechanical properties. But there are some disadvantages related to the high cost and the environmental impact. Many are not repairable or recyclable and most of the polymers and reinforcements used in their manufacturing come from non-renewable sources or require a very significant energy expenditure.
A goal of project ECOXY is to develop new epoxy resins and reinforcements for the construction and the automotive sectors that are more environmentally-friendly and more economically competitive. For that purpose, new resin formulations are being used that are dynamic, allow the repair, the reprocessing and recycling of materials.
13 partners from eight different countries are taking part in the project which began last June and will be completed in November 2020. ECOXY has been funded by the Joint Technology Initiative on Biobased Industries within the EU H2020 research and innovation programme.


Leggi anche

Stampato a pezzi, viene poi finito e assemblato a mano: questa tecnologia permette di realizzare forme impensabili prima d’ora. I processi di stampa in 3d garantiscono, alla ruota, principale componente della mobilità, inedite possibilità di sviluppo per gli anni a venire. Ne è un esempio il futuristico cerchio messo a punto da HRE, specialista californiano del settore…

Leggi tutto…

La Carbon Series è la Ford con più carbonio a vista mai prodotta: la trama del materiale composito è visibile in diverse parti dell’auto, comprese le nuove strisce che attraversano la parte superiore della carrozzeria per tutta la sua lunghezza. Il nuovo allestimento combina materiali ultraleggeri con nuove componenti per ridurre il peso della vettura di 18 kg….

Leggi tutto…

Riduce da ore a minuti i tempi di preparazione degli attrezzi nello stampaggio di materiali compositi nell’industria aerospaziale e risulta particolarmente efficace per componenti in prepreg epossidico di fibra di carbonio realizzati sottovuoto e con stampaggio in autoclave….

Leggi tutto…

Polestar ha condotto il primo di una serie di crash test interni nell’ambito dello sviluppo dell’elettrica Polestar 1. Si tratta della prima volta che il Gruppo Volvo, attraverso il suo nuovo brand dedicato alla gamma a zero emissioni, valuta la resistenza della struttura in fibra di carbonio rinforzato da polimeri in una situazione che ricrea le condizioni di un incidente reale…

Leggi tutto…

Auto elettriche senza batterie, alimentate dall’energia immagazzinata nei telai in fibra di carbonio. Questo lo scenario possibile, frutto di uno studio condotto alla Chalmers University of Technology di Goteborg, in Svezia che ha dimostrato come le fibre di carbonio siano in grado di funzionare come gli elettrodi delle batterie tradizionali…

Leggi tutto…