Asfalto al grafene: arriva anche a Milano

L’additivo al grafene che consente di allungare la vita dell’asfalto

Al via la sperimentazione per il rifacimento dei tratti della SP35 Milano-Meda e della SP40 Lacchiarella con l’impiego di Gipave, supermodificante a base di grafene dell’azienda italiana Iterchimica.

Iterchimica ha realizzato l’additivo al grafene grazie al finanziamento ottenuto da un bando di Regione Lombardia (POR FESR 2014-2020/innovazione e competitività): il progetto ha coinvolto G.Eco (Gruppo A2A), l’Università degli Studi di Milano Bicocca e Directa Plus. Quest’ultima è un’azienda italiana quotata all’AIM di Londra (LON: DCTA), tra le maggiori produttrici e fornitrici mondiali di materiali a base grafenica: ha fornito il grafene usato per il nuovo supermodificante.

Stando ai risultati della sperimentazione, Gipave sembra migliorare le prestazioni delle pavimentazioni stradali. In particolare, aumenta la resilienza e diminuisce la suscettibilità termica (anche per forti escursioni di temperatura), così da raddoppiare la vita utile dell’asfalto.

Città Metropolitana di Milano adotta il nuovo asfalto 

L’accordo con Città metropolitana di Milano prevede di sperimentare Gipave nel rifacimento dei tre strati della pavimentazione stradale (base, binder, usura) di un tratto di circa 500 metri della Strada Provinciale 35 Milano-Meda, dal km 133+300 al 132+850 in direzione Milano.

Nello specifico, il lavoro consiste in 200 metri in bitume modificato “Hard” e 250 metri con asfalto contenente il supermodificante al grafene Gipave. A inizio ottobre, invece, è previsto il rifacimento di due strati della pavimentazione stradale (base e usura) di un tratto di 600 metri sulla Strada Provinciale 40 Lacchiarella, dal km 3+850 al km 4+900. Nel dettaglio: 300 metri con asfalto modificato con Gipave e 300 metri con bitume modificato “Soft”.


Leggi anche

Riunendo le leggi dell’aerodinamica e dell’idrodinamica, i foilers raggiungono oggi velocità mai viste, di oltre 50 nodi, grazie alla sola spinta del vento: questa nuova generazione di catamarani volanti ha così rivoluzionato il settore delle competizioni di yacht. Ma le alte prestazioni e velocità di queste imbarcazioni sono state raggiunte solo grazie all’uso dei materiali compositi introdotti nella loro produzione, in particolare grazie alla fibra di carbonio…

Leggi tutto…

Il primo robot progettato a basso costo, al pari di una televisione di ultima generazione. Il robot è stato realizzato da un team di 32 ricercatori e designer dell’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) di Genova. Al massimo entro 18 mesi auspicano la produzione in serie, presto entrerà nelle nostre case….

Leggi tutto…

Chem -Trend è in grado di fornire sistemi distaccanti a base di acqua o di solvente per processi di stampaggio RTM e per via umida, compresi primer per stampi, sigillanti, distaccanti interni ed esterni e prodotti ausiliari come i detergenti per stampi. Essi consentono ai produttori che fabbricano volumi elevati di materiali compositi per l’industria automobilistica di mantenere l’operatività degli stampi….

Leggi tutto…

Gli UAV (unmanned aerial vehicle), i veicoli aerei senza pilota, ora sono droni e la tecnologia dei droni guarda oggi ai materiali compositi. Una delle grandi promesse di utilizzo dei compositi nei droni è quella di abilitare i sistemi persistenti di lunga durata che forniscono un accesso a Internet WiFi su ampia area. Due i prototipi in volo, L’ Aquila di Facebook e il Jungle Hawk Owl prodotto dall’Istituto di tecnologia del Massachusetts

Leggi tutto…

Introduzione alle metodologie di calcolo e di caratterizzazione
Clicca e scopri di cosa si parlerà durante la prima giornata di corso

Leggi tutto…