Tecnologia dei compositi in carbonio per rendere i satelliti più leggeri

Il progetto iLAuNCH Trailblazer, nato dalla collaborazione tra l’Australian National University e il partner industriale New Frontier Technologies, mira a ridurre il peso dei satelliti attraverso la produzione additiva di strutture composite in fibra di carbonio, leggere e termicamente stabili, che consentiranno di risparmiare sui costi di accesso allo spazio.

I pericoli dell’orbita terrestre bassa

In LEO, i veicoli spaziali sono esposti a una serie di rischi ambientali, come i raggi UV, l’ossigeno atomico, le particelle ad alta energia e i detriti spaziali, che possono danneggiarne l’integrità strutturale. Questi fenomeni causano erosione superficiale, fessurazioni e delaminazione dei compositi, portando a una riduzione delle proprietà meccaniche del materiale e compromettendo il corretto funzionamento del veicolo spaziale.

La soluzione di iLAuNCH Trailblazer

Il progetto sfrutterà la capacità di ricerca sui materiali della Research School of Physics dell’Australian National University per sviluppare rivestimenti protettivi per componenti compositi in grado di fornire una migliore schermatura dalle radiazioni e resistenza alla degradazione dell’ossigeno atomico. Le parti in fibra di carbonio/termoplastica dotate di tali protezioni verranno validate per l’uso a lungo termine in ambienti spaziali. Le applicazioni target saranno per lo più strutture satellitari come montanti, bracci e riflettori.

L’impiego della tecnologia dei nanomateriali

I metodi che verranno utilizzati per l’applicazione del rivestimento saranno compatibili con la produzione automatizzata di compositi. Le caratteristiche tecniche dei rivestimenti saranno ottenute grazie alla tecnologia dei nanomateriali sviluppata a partire dall’esperienza dell’ANU. Questa iniziativa sarà un trampolino di lancio per nuovi progetti mirati ad una produzione rapida e precisa di componenti satellitari con un enorme vantaggio in termini di costi dovuti alla riduzione del peso.


Leggi anche

L’Università del Queensland ha installato nei propri laboratori una fornace in grado di riscaldare i materiali fino a quasi 3000 gradi Celsius, allo scopo di sviluppare componenti per la fiorente industria spaziale australiana. Il forno, primo del suo genere in Australia, consentirà ai ricercatori di realizzare la prossima generazione di materiali compositi ad altissima temperatura per il volo ipersonico….

Leggi tutto…

Axiom Space, ideatore della prima stazione orbitale commerciale, ha annunciato una collaborazione con Prada, luxury brand milanese fondato nel 1913, per la creazione delle tute destinate agli astronauti della missione Artemis III della NASA. Sarà il primo sbarco sulla Luna con equipaggio dai tempi dell’Apollo 17, che risale al 1972….

Leggi tutto…

Con l’obiettivo di promuovere l’adozione di tecnologie verdi nel settore aeronautico, riducendo conseguentemente, le emissioni di carbonio. La NASA ha deciso di stanziare cinquanta milioni di dollari per finanziare quattordici organizzazioni che si occuperanno dello sviluppo di processi di produzione e materiali compositi avanzati per le strutture degli aerei…

Leggi tutto…

Il Fraunhofer Institute for Manufacturing Technology and Advanced Materials IFAM di Stade (Germania) sta sperimentando nuovi materiali e soluzioni di automazione per produrre velivoli più leggeri ed efficienti. Queste tecnologie rappresentano un passo decisivo sulla strada della sostenibilità, dato che ogni chilogrammo di peso risparmiato in un aereo passeggeri comporta una diminuzione del consumo di cherosene fino a 120 kg all’anno….

Leggi tutto…

La supply chain dell’Additive Manufacturing in scena dal 28 al 29 settembre 2023 nella cornice del Museo Alfa Romeo per la XI edizione del Convegno/Exhibition RM FORUM…

Leggi tutto…