Automazione con la stampa 3D: in dieci anni un mercato miliardario


SmarTech Markets ha rilasciato un rapporto sul mercato dell’automazione della produzione con stampa 3D, che secondo le stime avrà un valore di 11,2 miliardi di dollari entro 10 anni. Nel rapporto “Markets for Automated 3D Printing 2016 – 2027” si ritiene infatti che l’automazione della stampa 3D diventerà uno dei segmenti di fatturato più importanti nel prossimo decennio. In tale contesto SmarTech si aspetta che l’automazione costituisca un mercato che crescerà complessivamente del 36% rispetto al livello dei quest’anno (518 milioni di dollari). Il report individua nei sistemi di workflow, robotica, elettronica e software le tecnologie richieste per implementare fabbriche che fanno uso di automazione della stampa 3D.
Le previsioni riguardano le stampanti 3D a polimeri e metalli automatizzate, sistemi di post-elaborazione e dispositivi robotici. Negli ultimi due anni la stampa 3D ha cominciato a passare da un processo utilizzato per la prototipazione a uno per la produzione e la customizzazione, ritenendo verosimile il raggiungimento, da parte del mercato dei sistemi automatizzati a polimeri, di 3,18 miliardi di dollari entro il 2027. In futuro le aziende saranno concentrate sulla collaborazione applicativa fra umani e macchine, con un maggiore accento sui sistemi robotici, che potrannno essere commercializzati a prezzi favorevoli.


Leggi anche

I ricercatori del gruppo della Dott.ssa Stefania Grecea della University of Amsterdam’s Research Priority Sustainable Chemistry hanno presentato un design ispirato alle strutture porose delle foglie del pioppo nero per migliorare le caratteristiche assorbenti dei materiali MOFs. Obiettivo: rendere più efficiente il processo di separazione selettiva di acqua e alcol nel bioetanolo in modo da poterlo impiegare come combustibile ecologico. Ma si prevedono possibili applicazioni dei nuovi compositi MOF anche in altri settori industriali…

Leggi tutto…

Composite Cluster Singapore (CSS) ha annunciato che sta lavorando con Eviation Aircraft of Israel, azienda israeliana che si occupa di aviazione elettrica, allo sviluppo di “Alice”, un velivolo totalmente elettrico costruito per il 95% con materiali compositi, controllato da un sistema fly-by-wire e azionato da tre eliche, alle estremità alari e sulla fusoliera posteriore. CSS si sta occupando della progettazione delle ali per il velivolo presentato al 53° Salon International de l’aéronautique et de l’espace tenutosi a Le Bourget, in Francia, dal 17 al 23 giugno….

Leggi tutto…

AVK, realtà tedesca di Francoforte, membro fondatore di Composites Germany e di EuCIA – Associazione europea dell’industria dei materiali compositi – sarà promotore, anche quest’anno, dell’Innovation Award 2019. Saranno premiate le innovazioni nel settore materiali fibrorinforzati (FRP) che costituiscono una vasta gamma di materiali compositi. E’ possibile inviare le domande di partecipazione entro il 29 marzo 2019…

Leggi tutto…

La call 2018 M-era.Net – la rete finanziata dall’UE che è stata istituita per sostenere e aumentare il coordinamento dei programmi di ricerca europei e dei relativi finanziamenti in scienza dei materiali e ingegneria – ha l’obiettivo di sostenere e incrementare il coordinamento dei programmi di ricerca europei nell’ambito della scienza e ingegneria dei materiali, al fine di contribuire alla ristrutturazione dello Spazio Europeo della Ricerca (SER)…

Leggi tutto…

Sarà possibile generare organi-modello specifici del paziente, in vitro, grazie alla bio-stampa tridimensionale in grado di sperimentare terapie innovative e su misura, senza ricorrere a test farmacologici sugli animali o a indagini invasive su pazienti affetti da mutazioni genetiche. Questo il primo step di uno studio condotto da Ibcn-Cnr, Campus Biomedico di Roma e Fondazione Giovanni Paolo II di Campobasso…

Leggi tutto…