AVK Innovation Award 2019: come partecipare al prestigioso Premio

AVK, Industrievereinigung Verstärkte Kunststoffe e.V, anche per il 2019 invita tutte le istituzioni, le aziende e i partner coinvolti a presentare le eccezionali innovazioni nel settore dei compositi rinforzati con fibre. Tre le categorie per le quali è possibile inviare le domande:
1. Prodotti e applicazioni innovative
2. Processi innovativi
3. Ricerca e Scienza

Con il riconoscimento di questi 3 prestigiosi premi, AVK ha lo scopo di promuovere nuovi prodotti / componenti o applicazioni di materie plastiche rinforzate con fibre (FRP), nuovi metodi e processi per la preparazione di questi prodotti FRP e di premiare l’eccezionale lavoro scientifico in ricerca e scienza svolto da Università, College e Istituti.
Quest’anno, in particolare, in tutte le categorie si pone l’accento sul tema della “sostenibilità”. Un obiettivo importante volto a mettere in luce le innovazioni, le persone e le aziende coinvolte, rendendo così pubbliche le potenzialità di sviluppo dell’intera industria dei compositi.
La scadenza per la presentazione delle domande è il 29 marzo 2019. La cerimonia di premiazione si svolgerà durante il Composites Europe a Stoccarda dal 10 al 12 Settembre 2019.
Per maggiori informazioni e criteri di valutazione cliccare qui


Leggi anche

Per raggiungere gli ambiziosi obiettivi di riduzione delle emissioni di CO2, Toyota Motor Corporation (Toyota) e Hino Motors, Ltd. (Hino) hanno stretto una partnership per sviluppare congiuntamente camion alimentati a celle a combustibile per il trasporto pesante, con serbatoi per lo stoccaggio dell’idrogeno in materiale composito…

Leggi tutto…

I ricercatori della North Carolina State University hanno dimostrato che le schiume di metallo composito (CMF) possono superare i cosiddetti “test simulati di incendi da pozza” a pieni voti, aprendo al materiale la strada per l’utilizzo in applicazioni come l’imballaggio e il trasporto di materiali pericolosi. Inoltre, i ricercatori hanno impiegato questi dati sperimentali per sviluppare un modello per prevedere in che modo le variazioni del CMF influirebbero sulle sue prestazioni…

Leggi tutto…

Un nuovo processo introdotto alla Rice University riesce a trasformare grandi quantità di qualsiasi fonte di carbonio in preziose scaglie di grafene usando uno scoppio di calore e luce. Questo “grafene flash” unito a plastica, metalli, compensato, cemento e altri materiali da costruzione potrebbe trovare applicazioni nella produzione di compositi destinati a numerosi settori differenti…

Leggi tutto…

Gli scienziati della Northwestern University hanno combinato con successo un nanomateriale efficace nella distruzione di agenti nervosi tossici con fibre tessili. Il materiale, una struttura metallo-organica a base di zirconio (MOF), degrada in pochi minuti alcuni degli agenti chimici più tossici conosciuti dall’umanità: VX e soman (GD), un parente più tossico di sarin. Questo nuovo materiale composito potrebbe essere integrato in tute protettive e maschere facciali a uso di coloro che operano in condizioni di estremo pericolo, come la guerra chimica…

Leggi tutto…

I compositi realizzati con materiali inorganici autoassemblanti sono apprezzati per la loro forza unica e per le proprietà termiche, ottiche e magnetiche. Tuttavia, l’autoassemblaggio può essere difficile da controllare e le strutture formate fortemente disordinate, con conseguenti difetti durante la produzione su larga scala. Un gruppo di ricercatori dell’Università dell’Illinois e dell’Università del Michigan ha sviluppato una tecnica di modellazione che garantisce maggiore ordine e dà luogo a nuove strutture 3-D in una classe speciale di materiali, chiamati eutettici, per formare nuovi materiali ad alte prestazioni…

Leggi tutto…