Cicloparaphenylene complessato con il cromo

Alla Nagoya University una squadra di chimici ha sintetizzato il Cycloparaphenylene con un complessato di cromo. Per la prima volta, il CCPs, potrà avere una monofunzionalizzazione selettiva spalancando le porte alla costruzione di un nanocarburo senza precedenti.

Leggi tutto…

Un materiale repulsivo

Scienziati del Riken (Centro di Materie Scientifiche Emergenti giapponese) insieme ai colleghi dell’Istituto Nazionale di Materie Scientifiche dell’Università di Tokyo, hanno sviluppato un nuovo idrogel le cui proprietà sono caratterizzate da repulsione idrostatica, al posto di interazioni attrattive. Materiali di questo tipo potrebbero in futuro essere applicati in diverse aree, dalla medicina rigenerativa all’ingegneria meccanica.

Leggi tutto…

Con le nanostrutture compatibilità fra metalli e tessuti ossei umani

Diversi progetti scientifici portati avanti dal Centro di Ricerche per Materiali Avanzati (Cimav) di Monterrey (Messico) stanno studiando nuovi materiali, sistemi protettivi e specifiche proprietà da utilizzare nella lavorazione degli impianti di anche e ginocchia. L’obiettivo principale è la biocompatibilità, ossia far sì che il materiale venuto a contatto con l’essere vivente non produca effetti collaterali.

Leggi tutto…

Materiali che si auto-riparano per impianti ad alta tensione sottomarini

La ricerca dei guasti, per impianti ad alta tensione sottomarini, oltre che molto costosa è anche di difficile individuazione. Per questo motivo i ricercatori ritengono che la risposta giusta si possa trovare nei materiali compositi in grado di auto-ripararsi. Un concetto promettente sul quale si sta applicando la ricerca, ma su cui, a detta degli esperti, ci sarà ancora molto da lavorare per ottenere risultati affidabili.

Leggi tutto…

Convegno Nazionale Assocompositi 2015 – Call for papers

Si terrà il 6 e il 7 maggio 2015 il 4° Convegno Nazionale Assocompositi, presso la Fiera Milano-Rho, nell’ambito di PLAST 2015. Si svolgerà il 4 sessioni parallele, permettendo ai partecipanti di visitare sia il salone PLAST che EXPO Milano 2015. Gli abstract dovranno essere presentati entro il 27 febbraio 2015

Leggi tutto…

Il LCA degli aeroplani in composito salva le emissioni a lungo termine

Universities of Sheffield, Cambridge e University College London, effettuano per la prima volta una valutazione del ciclo di vita complessivo (LCA) di un aeroplano realizzato in materiali compositi, come il Boeing Dreamliner 787 o l’Airubus 350. I risultati mostrano che una flotta di aerei compositi potrebbe ridurre le emissioni di carbonio fino al 15 %.

Leggi tutto…

Realizzato un nuovo studio sui polimeri a base bio

Nova Institute ha sviluppato, in collaborazione con esperti internazionali dopo 2 anni dalla prima pubblicazione nel 2013, un nuovo studio che ha osservato tutti i tipi di polimeri a base bio prodotti da più di 200 aziende in 350 stabilimenti di tutto il mondo di cui stima che la crescita della capacità produttiva passerà dai 5.2 milioni di tonnelate del 2013 a quasi 17 milioni di tonnelate nel 2020.

Leggi tutto…

La fabbrica del “diamante high-tech”

L’Istituto italiano di tecnologia di Genova, con un investimento iniziale di 30 ricercatori dedicati e 3,6 milioni, ha realizzato uno dei laboratori più avanzati a livello mondiale per la produzione di grafene e degli altri cristalli bidimensionali. Il progetto prevede investimenti crescenti nei prossimi 9 anni e dovrebbe portare alla creazione di una vera e propria start up entro 12 mesi.

Leggi tutto…

Il grafene apre la strada all’idrogeno

I fogli di grafene, il materiale più sottile del mondo, hanno lo spessore di un atomo e possono essere usati per migliorare le celle a combustibile che trasformano l’idrogeno e che hanno il vantaggio di produrre come scarto del processo semplicemente acqua. Andre Geim, premio Nobel per la scoperta di alcune caratteristiche del grafene, dimostra che il materiale si comporta anche come una membrana che fa passare in modo selettivo gli ioni di idrogeno. Tale proprietà non genera restistenza elettrica e rende la vita delle membrane fatte con questo materiale più lunga rispetto ai materiali tradizionali.

Leggi tutto…

Compositi in nanocellulosa per auto

Nuova partrnership tra American Process Inc. (Atlanta, GA) e Futuris Automotive (Melbourne, Australia) con i ricercatori della Georgia Institute of Technology, Clark Atlanta University, Swinburne University of Technology e USDA’s Forest Products Laboratory, per sviluppare componenti derivanti dalla cellulosa ultra-forti e leggeri, al fine di sostituire le pesanti strutture in acciaio delle auto

Leggi tutto…