Call 2018 M-era.Net: Regione Calabria partecipa per il terzo anno consecutivo


I progetti di quest’anno ricadono in sei specifiche aree tematiche: modellazione multiscala di superfici innovative, materiali compositi, materiali funzionalizzati, nuove strategie per lo sviluppo di applicazioni nel campo salute e materiali per la additive manufacturing.
Sono 166 le proposte preliminari presentate ad oggi, con un budget totale richiesto di circa 150 Milioni di euro. Delle proposte progettuali preliminari, di cui si è appena conclusa la fase di valutazione, il 57% ha avuto un esito positivo consentendo l’accesso alla fase successiva e la conseguente presentazione del full proposal.
I progetti coinvolgono un totale di 52 partner, inclusi quelli stranieri. La Calabria partecipa con le Università, gli Enti di Ricerca e le PMI. Rispetto allo scorso anno, si registra un aumento nel numero di progetti con partner calabresi: 14 proposte hanno richiesto il co-finanziamento alla Regione Calabria, di cui 12 sono state valutate positivamente per la partecipazione alla fase successiva.
Per coloro che hanno superato la prima fase, lo step successivo consiste nel presentare il full proposal entro le ore 12:00 dell’8 novembre 2018.
Il link per sottoporre il Full- proposal e per avere ulteriori informazioni è:
https://m-era.net/submission/submission/call-2018


Leggi anche

Partendo dalla struttura dei tessuti, i ricercatori dell’Università svedese di Linkoping hanno realizzato delle “fibre muscolari”: un tessuto in cellulosa è stato ricoperto con un polimero speciale reattivo agli stimoli elettrici. Il nuovo materiale tessile è in grado di funzionare come le fibre muscolari ma, allo stesso tempo, risulta leggero e flessibile. Per aumentarne l’efficienza, i ricercatori stanno ipotizzando l’utilizzo di altri materiali, quali i metalli e la fibra di carbonio. L’obiettivo è quello di realizzare degli esoscheletri da indossare sotto l’abbigliamento quotidiano, ossia una specie di protesi hi-tech per aiutare i disabili o gli anziani a camminare…

Leggi tutto…

I ricercatori di Delft University of Technology in Olanda hanno scoperto una nuova tecnologia che, in futuro, potrebbe essere adottata per gli schermi: si tratta di bolle di grafene che cambiano colore quando si contraggono e si espandono. Gli studiosi affermano che questi pixel meccanici aprirebbero la strada alla realizzazione di schermi più flessibili, duraturi e con una maggiore efficienza energetica rispetto ai Led tradizionali. Il condizionale in questo caso è d’obbligo, dato che la ricerca è ancora allo stadio iniziale…

Leggi tutto…

È firmato dal gruppo modenese Crp il primo satellite stampato interamente in 3D. Il suo nome è TuPod ed è stato realizzato dalla società statunitense che fa parte del gruppo dei fratelli Cevolini. Protagonista un composito a base poliammidica, caricato con fibre di carbonio, vetro e alluminio a seconda del suo impiego…

Leggi tutto…

Ogni componente del ponte superiore e dello scafo di Lexus Sport Yacht – legato alla struttura interna senza soluzione di continuità – è realizzato in plastica rinforzata con fibra di carbonio. Il CFRP viene abitualmente utilizzato nella struttura delle auto da corsa e nelle supercar, come la Lexus LFA, nella realizzazione di aeroplani militari e civili ad elevate prestazioni, nel ciclismo, nello sci e nello sport velico di altissimo livello. Comparato a uno scafo simile in vetroresina, l’utilizzo del CFRP ha permesso una notevole riduzione di peso …

Leggi tutto…

Più sofisticato di un walkaround, più elegante di un center consolle, più spazioso di un day cruiser: l’Azimut Verve 40, presentato in anteprima al Newport International Boat Show 2016 e al FLIBS, segna di fatto l’entrata da parte di Azimut Yachts nel segmento walkaround sportivi tipici del mercato americano. Particolari i contenuti tecnici in composito per garantire massima resistenza e peso ridotto…

Leggi tutto…