Chiusino composito: leggero e sostenibile

Nei tombini stradali di vecchia produzione il chiusino era quasi sempre in ghisa, un materiale pesante e difficile da spostare. Negli ultimi anni, tuttavia, in questo settore vi sono stati importanti cambiamenti. Le norme che definiscono i dispositivi di chiusura e coronamento dei pozzi stradali, infatti, hanno introdotto dal 2017 la possibilità di utilizzare materiali diversi. Dall’entrata in vigore della UNI EN 124-1, sul mercato si sono fatti strada particolari chiusini in materiale composito. Questi nuovi chiusini sono capaci di offrire innumerevoli benefici a livello di versatilità e sostenibilità.

 

I vantaggi in termini di leggerezza

Con un peso del 70% inferiore rispetto a quelli realizzati in altri materiali, ma al tempo stesso estremamente resistenti. I chiusini in materiale composito rinforzato con fibre lunghe distribuite all’interno di una matrice in resina termoindurente, possono essere utilizzati per ogni esigenza di chiusura dei pozzetti stradali, anche in aree ad elevato traffico.

Vantano un ciclo di vita quintuplicato rispetto ai materiali tradizionali e garantiscono un risparmio notevole per quanto riguarda i costi di trasporto e di messa in opera in tutte le fasi di utilizzo, dalla prima installazione alle manutenzioni periodiche.

Contribuiscono inoltre a ridurre la rumorosità del passaggio dei veicoli e, non essendo conduttori di elettricità, proteggono le persone dai rischi di dispersioni di tensione.

 

Una maggiore attenzione all’ambiente

I chiusini in materiale composito limitano la dispersione di C02 nell’atmosfera durante tutto il loro ciclo di vita. Inizialmente, infatti, vengono prodotti utilizzando processi industriali meno impattanti rispetto a quelli dell’industria siderurgica. Successivamente, grazie al loro peso ridotto, semplificano le operazioni di trasporto, con un conseguente risparmio di carburante. Infine, sono realizzati con materiali che derivano in parte dal recupero dei rifiuti e, contrariamente a quelli usa e getta diffusi nel consumo di massa, possono a loro volta essere riciclati, utilizzando procedure a basso impatto ambientale.

 

Benefici anche per le amministrazioni comunali

L’ultimo, ma non meno importante, vantaggio dei chiusini in materiali compositi risiede nel fatto che disincentivano i furti e gli atti di vandalismo tipici dei chiusini tradizionali.

Possono essere realizzati in diverse forme e colori ed è possibile personalizzare anche il tipo di incisioni. Un aspetto, questo, che li rende la soluzione ideale sia per le pubbliche amministrazioni che per le strutture di chiusura private.

Il chiusino in materiali compositi è un esempio di edilizia sostenibile che può facilmente trovare spazio in tutte le città, nell’ottica di dare un contributo quotidiano al miglioramento della qualità dell’ambiente.

 


Leggi anche

A seguito del successo delle precedenti Call for Papers, questa volta abbiamo deciso di focalizzarci su un’altra area specifica di applicazione. È il turno, infatti, dell’industria edilizia che troverà spazio sul numero di giugno che – come da piano editoriale – avrà infatti lo stesso focus….

Leggi tutto…

Fibrolux, pioniere nello sviluppo e nella produzione di compositi pultrusi con sede a Hofheim, in Germania, ha completato il suo più grande progetto di ingegneria civile fino ad oggi: la fornitura di oltre 16 km di una pultrusione personalizzata in fibra di vetro su larga scala che ha consentito la ristrutturazione del ponte Marshal Jozef Pilsudski di 1 km a Torun, in Polonia, con percorsi pedonali e ciclabili a doppia larghezza…

Leggi tutto…

Sicomin ha supportato Fiberglass Industries, con i suoi gelcoat e resine a base biologica per la produzione di oltre 200 pannelli a doppia curvatura per l’interno della hall d’ingresso del Museum of the Future di Dubai….

Leggi tutto…

Negli ultimi anni, oltre alle tradizionali fibre di vetro e di carbonio utilizzate per il consolidamento strutturale di edifici in c.a. e muratura, è cresciuto sempre più l’utilizzo dei compositi in fibra di aramide AFRP grazie alle elevate caratteristiche fisico meccaniche di tale fibra. La fibra aramidica è l’unica fibra caratterizzata da una resistenza propria al taglio e tranciamento che la rende indispensabile in numerose applicazioni di rinforzo, oltre ad essere caratterizzata da un’elevata resistenza alle alte temperature….

Leggi tutto…

Dalla cognizione dell’insieme alla radice dell’idea: un consolidamento “organico” per il “Cubicolo di Leone”, nelle catacombe di Commodilla a Roma. Leggi il progetto che ha partecipato alla nostra prima call for papers!…

Leggi tutto…