Coated yarns: soluzioni per l’industria

Coated Yarns Industrial è la nostra gamma di filati rivestiti dedicata al mondo tecnico-industriale: filati appositamente studiati per soddisfare le crescenti esigenze di una realtà industriale in continua evoluzione.

I nostri tecnici operano in questa realtà dinamica anticipando in innovazione le più recenti richieste di mercato. La filiera di Coatyarn è orgogliosamente italiana ed europea, con fornitori pienamente certificati. I prodotti della gamma Coated Yarns Industrial sono disponibili in un’ampia varietà di titoli (da 300 dtex a 15.000 dtex), adattabili alle specifiche del Cliente e ad applicazioni finali molto diversificate.

La combinazione di vari tipi di anima “core” e rivestimento “coat” consente di personalizzare soluzioni ad alte prestazioni e con caratteristiche uniche, come resistenza a:

  • alcali
  • acqua di mare
  • raggi UV
  • Flame retardant

…e molto altro.

La gamma Coated Yarns Industrial rappresenta dunque la nostra risposta tecnica alla maggior parte dei requisiti richiesti ai filati industriali. I filati che produciamo sono composti da diverse tipologie di core. Il rivestimento a base di materiali polimerici termoplastici ne migliora le proprietà funzionali rendendo il prodotto finale adatto ad una varietà di applicazioni, tra cui si annoverano:

  1. mondo dei Compositi
  2. produzione di Cavi
  3. Reti
  4. Corde
  5. Abbigliamento da Lavoro
  6. Tessuti per il rinforzo strutturale di edifici ed infrastrutture
  7. settore Militare, dei Trasporti e delle Telecomunicazioni

Esempi di cores che possiamo rivestire con polimeri termoplastici di altissima qualità includono, tra gli altri:

Fibra di vetro, acciaio inox, fibra di carbonio, fibra aramidica, basalto, poliammide, poliestere ad alta tenacità. Questi vengono ricoperti in estrusione mediante coating con diversi materiali termoplastici:

  • Co-poliammide low melt, nota per il suo alto potere adesivo e largamente utilizzata per la stabilizzazione dei tessuti, è anche compatibile con le resine epossidiche. La nostra Co-pa low melt deriva da fonti bio e rinnovabili, in linea con la nostra “scelta green” di rispetto per l’ambiente
  • Poliestere low melt, dal basso punto di fusione ed altissima tenacità
  • Poliammide 12, con alta resistenza all’abrasione ed agli agenti chimici
  • Peek, un superpolimero con temperature di fusione superiori a 300°C, utilizzato nel mondo dei compositi grazie alle sue proprietà meccaniche uniche
  • Polipropilene, per l’ottima compatibilità con la gomma
  • EVA, ampiamente utilizzata in virtù del bassissimo punto di fusione e delle eccellenti proprietà adesive
  • TPU, altamente resistente ad abrasione, oli e grassi, agenti atmosferici, usura, luce, solventi, risulta la scelta ottimale per un ampio numero di applicazioni.
Produzione “zero waste”

Il Team Tecnico Coatyarn è sempre a disposizione per la progettazione e lo sviluppo di soluzioni personalizzate, accompagnando il cliente dalla fase di ideazione alla realizzazione del prodotto. Tutta la produzione è volta al rispetto delle risorse ambientali, ragione per cui cerchiamo di rendere i nostri prodotti il più sostenibili possibile e continuiamo nel nostro percorso improntato alla sostenibilità con l’obiettivo di una produzione “zero waste”.

La selezione di polimeri di Coatyarn è fortemente orientata verso varietà il cui processo produttivo mira a preservare le risorse naturali: la Co-poliammide che utilizziamo, ad esempio, è derivata da fonti bio e rinnovabili. Il nostro poliuretano termoplastico è completamente privo di solventi, atossico e sicuro sia per l’uomo che per l’ambiente. L’assenza di solventi nella gamma Coated Yarns Industrial contribuisce quindi al rispetto della qualità delle falde acquifere e dell’aria che respiriamo.

Grazie alla ricerca interna, la scelta degli additivi di Coatyarn comprende alternative di origine biologica: crediamo in ogni piccolo passo che nel tempo può cambiare il mondo e migliorare la qualità di vita delle generazioni future. In quest’ottica si inserisce uno dei nostri ultimi progetti, volto alla realizzazione di una “geostuoia”, una rete prodotta con tecnica knitting a maglie variabili, interamente biodegradabile in acqua marina e ideata per il ripopolamento della Posidonia marina, in collaborazione con l’Università di Pisa e l’Acquario di Livorno.


Tecnologia Water free

La tecnologia water free con cui il filo viene estruso e colorato è un altro caposaldo della nostra realtà, il cui vantaggio è la totale assenza di acqua nel processo produttivo e quindi di inquinanti smaltiti in falda. Zero waste è il motto della nostra produzione, perfezionato al punto da sfruttare appieno le materie prime ed eliminare gli sprechi. La volontà di perfezionarci, unitamente all’utilizzo di risorse pulite, ha portato ad un miglioramento dell’efficienza produttiva con conseguente produzione a basso impatto energetico: tutto questo contribuisce attivamente alla riduzione delle emissioni inquinanti.

 


Leggi anche

La corsa verso gli obiettivi europei di neutralità climatica e la scelta di una strategia inclusiva in materia di transizione ecologica e digitale, sono stati gli argomenti al centro dell’European SDG Summit, che si è svolto online, dal 10 al 12 ottobre scorsi, e ha visto la partecipazione di oltre cento relatori, in rappresentanza delle istituzioni europee, delle realtà industriali e della società civile. …

Leggi tutto…

In conformità con gli obiettivi europei di contrasto ai cambiamenti climatici e di transizione verso un’economia circolare, l’Istituto di Studi Avanzati in Scienza dei Materiali di Madrid (IMDEA Materials Institute) sta lavorando alla creazione di compositi innovativi con struttura sandwich. Questi materiali, ignifughi e facilmente riciclabili, potranno essere utilizzati nei settori aerospaziale, automobilistico, navale e ferroviario….

Leggi tutto…

Approda in Australia e in Nuova Zelanda un prodotto per pavimenti e passerelle in GRP, che garantisce un miglior rapporto tra prestazioni e peso. È fino al 35% più leggero rispetto ad altri grigliati in vetroresina e circa il 45% più leggero di un equivalente grigliato in acciaio….

Leggi tutto…

Obiettivo del progetto, che unisce ricerca e industria, è quello di definire un nuovo standard di accessibilità per la produzione di parti composite strutturali stampate in 3D. Queste potranno quindi essere realizzate con la stessa facilità delle alternative metalliche, grazie agli innovativi strumenti di workflow Additive Fusion Technology. …

Leggi tutto…

AIM3D GmbH, società spin-off dell’Università di Rostock, ha presentato Voxelfill, un processo in attesa di brevetto, attraverso il quale è possibile superare i problemi di resistenza disomogenei dei polimeri inerenti ai processi di costruzione 3D basati su strati. Questi, infatti, vengono stampati in 3D tramite riempimento a strati incrociati, procedimento che rafforza la debolezza della direzione Z dei compositi rinforzati con fibre. …

Leggi tutto…