Collaborazione tra ricerca e industria per la produzione additiva dei compositi

Grazie anche ai finanziamenti dell’Office of Naval Research (ONR), l’Università del Rhode Island sta portando avanti uno studio che mira a rinnovare le tecnologie di produzione avanzata per i sottomarini e le navi di nuova generazione militari e commerciali. Questo progetto rende l’ateneo un utente ideale della piattaforma robotica AM Orbital S.

Orbital S è un sistema di stampa 3D multi-robot che integra il know-how di Orbital Composites nella robotica collaborativa all’interno della ricerca sui materiali compositi. Questa tecnologia, che, attraverso uno sterzo a traino estremo, permette di stampare parti in composito, rinforzate con fibre continue estremamente resistenti e leggere, sembra destinata a trovare applicazione in tutti i settori, tra cui lo spazio, la difesa e l’energia.

Orbital Composites sta superando i limiti della tecnologia di stampa 3D dei compositi e, attraverso la partnership con le principali istituzioni accademiche, è in grado di promuovere l’innovazione e il progresso nel settore manifatturiero. La sua collaborazione con URI rappresenta un passo avanti nel miglioramento delle tecnologie di produzione di compositi con stampa 3D.

 
Helio Matos, assistente professore di ingegneria meccanica, industriale e dei sistemi ha affermato

In URI, stiamo sviluppando sistemi strutturali che resistono a condizioni di carico aggressive e in ambienti estremi. Le strutture composite rinforzate con fibre possono essere adattate a tali condizioni e la stampa 3D permette di portare queste strutture a un livello di performance totalmente inedito.”

 

Amolak Badesha, cofondatore e CEO di Orbital Composites ha dichiarato

La nostra piattaforma AM robotica sta ridefinendo il concetto di possibile nel settore dei compositi. Fornendo ai ricercatori e agli studenti URI questa tecnologia trasformativa, stiamo contribuendo a formare nuovi professionisti che possano eccellere nella produzione digitale.”

 

Cole Nielsen, fondatore e CTO di Orbital Composites ha aggiunto

Collaborando con le università stiamo colmando il divario tra mondo accademico e industria, promuovendo un ambiente dinamico in cui le conoscenze e le applicazioni si intersecano”.

 


Leggi anche

Analizzando le proprietà dei nuovi ritardanti di fiamma per materiali compositi, i ricercatori del laboratorio Advanced Fibers dell’Empa, centro svizzero per lo studio dei materiali avanzati, sotto la guida di Sabyasachi Gaan, hanno elaborato una tecnica che permette di rendere recuperabili le resine epossidiche, il cui limite di riutilizzo è intrinseco alla natura di materiali termoindurenti, ossia polimeri altamente reticolati che, una volta induriti, non possono essere sottoposti nuovamente a fusione senza carbonizzarsi….

Leggi tutto…

Refitech Composite Solutions innova i propri processi produttivi, installando una macchina CNC a cinque assi per la finitura di componenti compositi, che si aggiunge ai sistemi già operativi a tre assi. La nuova strumentazione consentirà di eseguire la lavorazione di forme 3D ancora più complesse in modo completamente automatico, ad alta velocità, garantendo una qualità elevata e una riproducibilità perfetta, in vista dei volumi di serie….

Leggi tutto…

Tim Young, Head of Sustainability del National Composites Centre, ha illustrato a “The Engineer” i risultati di una ricerca realizzata dall’istituto che fornisce una panoramica delle possibilità di introdurre soluzioni basate sulla chimica nella supply chain dei compositi nel Regno Unito, al fine di garantire la sostenibilità nel settore….

Leggi tutto…

Il National Composites Center (NCC) sta promuovendo un progetto industriale congiunto (JIP) che affronterà la sfida del benchmarking delle prestazioni di permeabilità dei tubi compositi termoplastici (TCP) per la distribuzione dell’idrogeno. L’obiettivo verrà raggiunto attraverso la produzione di campioni di tubi standardizzati, che costituiranno un database di misurazione della capacità del rivestimento e del materiale di rinforzo….

Leggi tutto…

L’azienda belga Umbrosa sviluppa ombrelli e ombrelloni per esterni che, essendo utilizzati anche in ambienti costieri o boschivi, devono essere in grado di sopportare l’esposizione prolungata al vento forte, all’acqua salata, alle piogge e ai raggi solari. Per migliorare le prestazioni meccaniche dei propri prodotti, Umbrosa ha scelto di affidarsi ad Exel Composites che ha progettato nervature in compositi per ombrelli….

Leggi tutto…