Combo S.r.l. crea Carbit®

Nuovo Socio assocompositi Logo__trasp

Combo S.r.l. è in grado di progettare e realizzare manufatti in fibra di carbonio e materiali compositi e affini, in particolare ha sviluppato un procedimento che li rende adatti al contatto alimentare permanente.

combo-srl

La missione aziendale di Combo è duplice: essere un laboratorio di idee che genera IP o Intellectual Property (come Carbit® e altri brevetti già depositati) e generare profitti tramite la realizzazione di soluzioni e prodotti innovativi costruiti in materiali compositi o il licensing della tecnologia Carbit®.

L’opportunità identificata da Combo consiste nel fatto che i materiali compositi sono leggeri, resistenti, esteticamente belli e personalizzabili, possono sostituire materiali tradizionali ma, rilasciando potenzialmente fibre e resine epossidiche, non sono adatti ad entrare in contatto con cibi e bevande. La risposta di Combo è lo sviluppo di Carbit®, una tecnologia brevettata che vetrifica la superficie delle fibre composite (fibra di carbonio, CFRP, ecc.), di modo che possono entrare in contatto con acqua, bevande e alimenti senza rilasciare fibre o resine. La messa a punto del procedimento (brevetto italiano n°102015000080291) è il risultato di anni di Ricerca e Sviluppo.

Carbit® oltre a consentire il contatto alimentare, protegge la fibra di carbonio sottostante e ne conserva l’elasticità in modo eccellente (vedi Figura 1).

La finitura superficiale si presenta lucida o opaca a seconda del rivestimento scelto, con aspetto vetroso, una elevata resistenza agli urti e ai graffi. Il rivestimento è certificato per contatto permanente con acqua potabile, certificato ai sensi del D.M. 21/03/73, ed è resistente al lavaggio in lavastoviglie a temperature non superiori a 65-70°C.

Grazie ad una filiera completa e di alto livello Combo S.r.l. è in grado di fornire prodotti finiti in serie, tutti rigorosamente Made in Italy, oppure di affiancarsi al Cliente per progettare congiuntamente nuovi prodotti e renderli “food contact proof” tramite la tecnologia Carbit®.

I settori di applicazione sono molteplici, i principali sono i seguenti:

Dinnerware – Disegno e realizzazione, anche su disegno cliente, di oggetti realizzati in fibra carbonio atti all’uso alimentare come bottiglie, bicchieri, vassoi, piatti, ecc. (vedi Figura 2).

Industrial – Disegno e realizzazione di componenti per linee automatiche di trasformazione e packaging del cibo (vedi Figura 3) in sostituzione dei componenti in acciaio inossidabile usati oggi per motivi d’igiene e di contatto con gli alimenti.

L’utilizzo della fibra di carbonio, che pesa circa un quinto dell’acciaio inossidabile, per la costruzione degli organi in movimento di una macchina / linea presenta un vantaggio crescente:

  • All’aumentare della velocità della macchina.
  • All’aumentare del rapporto tra peso degli elementi di presa/trasporto e carico utile.

I vantaggi sono importanti e vale la pena di citare i seguenti:

  • Utilizzo di minore energia e di conseguenza:
    1. minore potenza del motore con riduzione del costo di acquisto e/o riduzione del costo dell’energia;
    2. maggiore intervallo di tempo tra una manutenzione e l’altra o maggiore durata a parità di potenza del motore.
  • Minore massa in movimento e di conseguenza:
    1. riduzione di tutte le perdite legate all’inerzia e ai giochi della macchina;
    2. necessità di minori manutenzioni e regolazioni;
    3. ramp-up di avvio e/o di cambio tipo più rapido o meno oneroso;
    4. minore impatto sugli encoder.
  • La possibilità di avere un materiale sostitutivo rispetto all’acciaio inossidabile:
    1. equivalenza del contatto di tipo alimentare (soprattutto se viscosità / abrasione sono bassi);
    2. Sostituzione delle lavorazioni meccaniche con un processo di stampaggio che può essere almeno in parte industrializzato.

Retrofit – Utilizzo della tecnologia Carbit® su prodotti in carbonio esistenti per acquisire nuove funzionalità e proprietà. Combo ad esempio ha recentemente presentato alla fiera Cosmobike Show di Verona un concept di bicicletta in carbonio senza borraccia: il contenitore per i liquidi è ricavato direttamente dal carbonio del telaio o quello del manubrio grazie a Carbit®.

Licensing – Combo è disponibile a dare in licenza la tecnologia Carbit® per specifiche applicazioni e settori. Questo consentirà ai nostri Clienti di aprire nuovi mercati e prodotti / applicazioni totalmente innovativi.

 

figura1
Figura 1: Alcuni esempi di prodotti Combo realizzati tramite tecnologia Carbit

figura2 
Figura 2: il trattamento mantiene l’elasticità della fibra di carbonio

figura-3 
Figura 3: un componente in carbonio per linea di packaging alimentare


Leggi anche

Apodius GmbH, azienda del gruppo Hexagon Manufacturing Intelligence (MI), produce sistemi di misura per l’assicurazione qualità nella produzione di componenti compositi rinforzati con fibre. Con l’acquisizione di Apodius GmbH, Hexagon MI estende le proprie competenze al campo dei materiali compositi in carbonio (CFK)….

Leggi tutto…

Il primo robot progettato a basso costo, al pari di una televisione di ultima generazione. Il robot è stato realizzato da un team di 32 ricercatori e designer dell’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) di Genova. Al massimo entro 18 mesi auspicano la produzione in serie, presto entrerà nelle nostre case….

Leggi tutto…

Il materiale dell’elettronica moderna imita il grafene, si prospetta un futuro sorprendente per la fotonica. Il silicio può assumere una struttura atomica bidimensionale, analoga a quella del grafene, che potrà rivoluzionare il futuro della fotonica. Il Cnr-Imm presenta soluzioni ottiche mai raggiunte prima…

Leggi tutto…

Il 6 Febbraio 2019 presso il Dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica, Ambientale dell’Università di Bologna si svolgerà un’interessante giornata organizzata da ABCS Srl e OSTEC in cui verranno affrontati temi come la spettroscopia Raman e la presentazione delle nuove tecnologie. …

Leggi tutto…

Linea Guida per la identificazione, la qualificazione ed il controllo di accettazione di compositi fibrorinforzati a matrice inorganica (FRCM) da utilizzarsi per il consolidamento strutturale di costruzioni esistenti…

Leggi tutto…