Compositi a matrice inorganica – Scuola Estiva Materiali Compositi


Per programma e iscrizioni Scuola Estiva Materiali Compositi: clicca qui!

 

 

“Compositi a matrice inorganica”

 

Andrea NOBILI, Professore Associato presso: Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” – Università di Modena e Reggio Emilia

 
Il grande successo dei materiali compositi a matrice organica è testimoniato dalla loro diffusione in innumerevoli campi di applicazione che attraversano l’ingegneria navale, meccanica ed aerospaziale e le strutture civili.

Paradossalmente, il loro stesso successo è alla radice della forte spinta all’innovazione che caratterizza questo settore, con la ricerca di nuove soluzioni che possano adattarsi alle situazioni in cui la matrice organica è svantaggiosa.

L’adozione di matrici organiche, infatti, è particolarmente problematica in presenza di elevate temperature, ambienti aggressivi e luce ultravioletta, umidità e cicli di fatica. Nel settore civile, inoltre, si pongono importanti questioni di compatibilità con i supporti, di applicabilità e reversibilità, salubrità degli ambienti e traspirabilità.

I compositi a matrice inorganica, al contrario, presentano interessanti proprietà di resistenza alle alte temperature, al fuoco ed agli ambienti aggressivi, nonché di traspirabilità e reversibilità, che li rendono candidati ideali per interventi di ripristino e adeguamento. Inoltre, i materiali con legante di calce e/o cemento risultano sensibilmente più affini al substrato oggetto di consolidamento, specialmente in termini di rigidezza.

Tali vantaggi, tuttavia, intervengono al prezzo di una notevole vulnerabilità alla delaminazione ed allo sfilamento, in considerazione della scarsa affinità tra la matrice ed il rinforzo.

In questo breve intervento, si illustrano alcuni risultati ottenuti nella direzione di migliorare il comportamento adesivo della matrice inorganica, pur preservando le congeniali caratteristiche in essa insite. Gli interventi che vengono illustrati, mediante trattamenti superficiali e coatings, sono molto promettenti e testimoniano la fervente attività di ricerca che sostiene lo sviluppo di materiali compositi innovativi.

Questo è uno degli interventi che si terranno in occasione della Scuola Estiva Assocompositi che si terrà dal 15 al 17 settembre con 3 sessioni pomeridiane online.

 
Per programma e iscrizioni: clicca qui!


Leggi anche

Ramsess project composite vessel

Il progetto RAMSSES (Realization and Demonstration of Advanced Material Solutions for Sustainable and Efficient Ships) ha raggiunto un traguardo chiave. I partner del progetto finanziato dall’Unione europea hanno infatti svelato la sezione dello scafo per navi realizzate con materiali compositi che hanno sviluppato negli ultimi tre anni…

Leggi tutto…

Un gruppo di ingegneri dell’Università del Delaware (USA) ha sviluppato una nuova tecnologia di stampa 3D che consente la produzione flessibile e a basso costo di componenti in compositi fibrorinforzati utilizzando fibre di carbonio continue e polimeri termoindurenti…

Leggi tutto…

Il primo robot progettato a basso costo, al pari di una televisione di ultima generazione. Il robot è stato realizzato da un team di 32 ricercatori e designer dell’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) di Genova. Al massimo entro 18 mesi auspicano la produzione in serie, presto entrerà nelle nostre case….

Leggi tutto…

Chem -Trend è in grado di fornire sistemi distaccanti a base di acqua o di solvente per processi di stampaggio RTM e per via umida, compresi primer per stampi, sigillanti, distaccanti interni ed esterni e prodotti ausiliari come i detergenti per stampi. Essi consentono ai produttori che fabbricano volumi elevati di materiali compositi per l’industria automobilistica di mantenere l’operatività degli stampi….

Leggi tutto…

Gli UAV (unmanned aerial vehicle), i veicoli aerei senza pilota, ora sono droni e la tecnologia dei droni guarda oggi ai materiali compositi. Una delle grandi promesse di utilizzo dei compositi nei droni è quella di abilitare i sistemi persistenti di lunga durata che forniscono un accesso a Internet WiFi su ampia area. Due i prototipi in volo, L’ Aquila di Facebook e il Jungle Hawk Owl prodotto dall’Istituto di tecnologia del Massachusetts

Leggi tutto…