Da Hexagon lo scanner modulare per laser tracker e bracci di misura portatili

L’Absolute Scanner AS1 è costruito su un’architettura hardware modulare innovativa che gli permette di funzionare come sensore 3D sia per un laser tracker che per un braccio di misura portatile, entrambi i quali possono agire come sistema di riferimento per i dati di scansione che l’AS1 acquisisce.

L’Absolute Arm è un sistema collaudato di riferimento che è ampiamente riconosciuto per la sua misura ad alta precisione in volumi di misura fino a 4,5 metri di diametro. Ciò è possibile grazie agli Encoder Assoluti brevettati integrati in ogni giunto articolato del braccio, che assicurano una precisione di posizione ineguagliabile.

In alternativa, il posizionatore assoluto AP21 consente all’AS1 di funzionare abbinato a un Leica Absolute Tracker AT960. Il dispositivo è dotato di un riflettore ad alta precisione che può essere seguito con esattezza dall’AT960 a una distanza fino a 30 metri.

Grazie al giunto cinematico, l’AS1 può essere montato sia con l’AP21 che con un Absolute Arm a 7 assi, con il semplice scatto di una sola leva di bloccaggio. E non è necessario alcun riallineamento quando si passa dall’uno all’altro: si può semplicemente collegarlo e continuare a misurare.

Questo concetto modulare ha un grande potenziale in termini di risparmio di tempo e di riduzione delle esigenze di investimento. Nell’ambiente di produzione automobilistico lo stesso modulo scanner AS1 può essere utilizzato, a seconda delle necessità, da un:

  • Absolute Arm impiegato per il controllo della qualità degli interni
  • AP21
  • Absolute Tracker nell’impianto pilota per la verifica di profili e giochi (flush & gap)

 

 

In un contesto aerospaziale, lo stesso modulo AS1 può essere utilizzato alternativamente per la scansione delle nervature all’interno della struttura dell’ala con un Absolute Arm e la superficie esterna dell’ala con un AP21 e un Absolute Tracker.

 

Il pieno potenziale dell’AS1 deve ancora essere svelato del tutto, ma una cosa è certa…

il futuro è modulare!

 

 

 


Leggi anche

Il centro spagnolo di tecnologia delle materie plastiche Aimplas partecipa a un progetto per lo sviluppo di nuovi compositi termoplastici a fibra lunga con proprietà eco-compatibili che riducono il peso delle batterie dei veicoli elettrici del 50-70%….

Leggi tutto…

Per la nuova stagione 2022 gli ingegneri del Dynamis PRC hanno adottato un nuovo processo produttivo per la realizzazione delle appendici aerodinamiche che prende ispirazione dal mondo Formula 1….

Leggi tutto…

Il veicolo dimostrativo Revolution VLR – con una lunghezza di 18,5 m, una larghezza di 2,8 m e un’altezza di 3,8 m – incorpora le ultime tecnologie dei settori automobilistico e ferroviario. Il veicolo passeggeri a base composita è progettato per semplificare l’estensione delle reti ferroviarie esistenti del Regno Unito e consentire la riapertura delle linee storiche….

Leggi tutto…

Collaborazione tra le due aziende per sviluppare una nuova soluzione ibrida in plastica-composito per la produzione di una cassetta degli attrezzi per camion. La soluzione ibrida di SABIC combina la resina Stamax con inserti compositi termoformati utilizzando un nastro unidirezionale in PP rinforzato con fibra di vetro della cinese Qiyi Tech….

Leggi tutto…

Stratasys Ltd., azienda che si occupa di soluzioni di stampa 3D a base di polimeri, ha collaborato con Radford, marchio automobilistico di lusso a livello mondiale, per la realizzazione di più di 500 componenti stampati in 3D per la carrozzeria della Lotus Type 62-2. La tecnologia di stampa 3D dà infatti la possibilità di progettare senza vincoli e di creare facilmente componenti e pezzi unici personalizzabili sotto ogni singolo aspetto, rendendo ogni vettura unica, come le carrozzerie di una volta, ma con la tecnologia del XXI secolo…

Leggi tutto…