Dare una forma all’acqua

Gli istituti del CNR di Scienze applicate e sistemi intelligenti (ISASI-CNR) e di Polimeri compositi e biomateriali (IPCB-CNR) hanno collaborato con il Centro per i biomateriali avanzati per la salute dell’IIT (CABHC-IIT) per realizzare il processo che permette di ottenere una pellicola di polimeri in grado di rivestire volumi di acqua.

Il processo avviene istantaneamente e in modo spontaneo, a partire dalla goccia di una soluzione polimerica messa in contatto con la superficie del liquido da confezionare.

Pubblicato sulla rivista Science Advances e nato dalla collaborazione fra Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) e Istituto Italiano di Tecnologia (IIT), il risultato apre le porte ad applicazioni in campo agroalimentare, farmaceutico e biomedicale.

Le prime applicazioni saranno probabilmente nel campo biomedicale, ma secondo i ricercatori “riuscire a manipolare piccoli volumi d’acqua e, soprattutto, creare dei rivestimenti che si adattino alle complesse forme che il liquido può assumere è un vantaggio notevole per molti processi nei quali su diverse scale, dal centimetro fino a dimensioni del nanometro (miliardesimo di metro), sono importanti la manipolazione, ingegnerizzazione e funzionalizzazione dei materiali”.

Lo stesso processo osserva il coordinatore del centro IIT di Napoli, Paolo Netti, può essere utilizzato per rivestire altri materiali ricchi d’acqua, come gel e tessuti biologici “di una qualsiasi forma quali sfere, cubi, protesi, organi complessi, per trasporto, preservazione e protezione da agenti esterni”.

In ultimo “Con questo processo possiamo creare vestiti su misura a prescindere dalla forma assunta dall’acqua”, dicono Sara Coppola e Pietro Ferraro, del ISASI-CNR.


Leggi anche

Inaugurato il centro da 8.9 milioni di sterline che dovrà sviluppare materiali più leggeri ed efficienti per l’industria ad alto valore aggiunto, inclusa quella dell’automotive e aerospaziale….

Leggi tutto…

Il Ministero dell’istruzione e della ricerca tedesco ha finanziato con 6,5 milioni di euro il Green Carbon Project della Technical University of Munich (TUM), con lo scopo di progettare materiali compositi con applicazioni tecnologiche innovative e un’alta sostenibilità ambientale. Secondo i ricercatori del TUM, infatti, è possibile produrre nuovi materiali combinando granito allo stato nativo e altre rocce dure con fibre di carbonio di origine vegetale, e ridurre l’emissione di CO2….

Leggi tutto…

Two School of Civil Engineering researchers won 2 Gold medals at the International Invention, Innovation and Technology Exhibition (ITEX) 2019. …

Leggi tutto…

Il leader mondiale dei trasporti sfrutterà la stampante 3D F900 per accelerare la produzione dei treni, riducendo al contempo le esigenze di stoccaggio di pezzi di ricambio…

Leggi tutto…