Sedili ultraleggeri

DIAB Materials used for lightweight seats on CRH380A and B Projects

Originally designed for first-class passenger cabins on commercial jets, a unique aerospace seat concept sparked the imagination of Shanghai Yuantong, a components supplier specialized in various seats. Now, the company has reimagined and developed these sumptuous seats for VIP seating on selected CRH380A & B projects, which is the fastest designed speed train in China.
With a sleek and lightweight design, the seats offer comfortable and ergonomically correct seating. Although more important on an airplane, reduced weight benefits train traffic as well. Shanghai Yuantong’s seats are made of materials that provide superior comfort while reducing overall product weight. However, the design does not compromise sturdiness and durability. Protecting the passenger’s privacy, the chair shell also supports the components of the entire structure.
Having worked with DIAB for three years, Shanghai Yuantong chose 
Divinycell P for the production of the seats. The lightest PET foam available on the market, Divinycell P significantly reduces the weight of the finished product. It also offers limited resin absorption and excellent FST property, which is able to meet the regulation of the locomotive requirement (DIN5510). Together with its compatibility with RTM and outstanding tooling ability, Divinycell P was simply the natural choice for the project. The material is machined on a 3-axial CNC machine and assembled into the required 3D shape. The core is then installed into the RTM mold with fiberglass and impregnated with injected fire-resistant resin.
A result of market research and ergonomic studies, the Shanghai Yuantong seats are thoroughly tested. They combine function, comfort and durability — benefitting airplane passengers as well as train travelers.

Fonte: DIAB


Leggi anche

Sviluppato da un gruppo di pluripremiati ingegneri britannici e americani, Dragonfly è un super monopattino a quattro ruote, dotato di uno sterzo full-tilt brevettato e di sospensioni ammortizzate a doppia indipendenza. Il ponte è stato realizzato in compositi di fibra di carbonio, per offrire stabilità e controllo anche su terreni accidentati…

Leggi tutto…

Prodotta tra il 1965 e il 1969 come modello entry level, la 912c originale non aveva le caratteristiche per essere considerata un’auto da corsa ad alte prestazioni. Montava, infatti, un motore 1.6 quattro cilindri da 90 CV che le consentiva un’accelerazione 0-100 km/h in 13,5 secondi. Oggi, però, questa vettura è stata rivista con una meccanica completamente diversa. …

Leggi tutto…

Le hypercar elettriche sono un prodotto di nicchia, che però si sta gradualmente diffondendo, dal momento che sono sempre di più le Case Madri (sportive e non) in procinto di lanciare il proprio modello. Un progetto di non facile realizzazione, per il quale potrebbe essere necessario affidarsi a fornitori esterni per la progettazione della piattaforma, in modo da lasciare agli ingegneri il solo compito di elaborare i motori….

Leggi tutto…

Dettagli concettuali, come l’incorporazione di materiali compositi; un design biomimetico e un focus sulla sicurezza caratterizzano il nuovo concept dell’abitacolo a cinque posti del veicolo elettrico a decollo e atterraggio verticale (eVTOL) di Supernal. Il team di ingegneri e progettisti ha utilizzato l’approccio riduttivo dell’industria automobilistica per creare una cabina leggera, in fibra di carbonio sagomata. …

Leggi tutto…

Nel mondo dei compositi ci si può trovare davanti a problematiche di fissaggio date dalla necessità di ottenere filettature su bassi spessori, o materiali teneri come fibra di carbonio o compositi in genere. Per questa tipologia di problemi Specialinsert® ha tra la sua gamma le olivette autofrenanti, che offrono un sistema di fissaggio leggero ma ad alta resistenza….

Leggi tutto…