Directa Plus presenta alla NASA applicazioni del grafene made in Italy

Directa Plus è uno dei più grandi produttori e fornitori di prodotti a base grafene destinati ai mercati internazionali consumer e industriali, quotato all’AIM di Londra dal maggio 2016.
I prodotti a base grafene di Directa Plus, identificati dal brand G+ (Graphene Plus) sono naturali, chemical-free, certificati ipoallergenici, non tossici e non citotossici da un laboratorio indipendente, realizzati in modo sostenibile e su misura a partire dalle richieste specifiche dei clienti. L’azienda si focalizza principalmente in due settori, dove detiene un forte vantaggio competitivo in termini di prodotti commercializzati e leadership tecnologica: ambientale (basato sul prodotto Grafysorber®) e tessile (basato sui prodotti G+). È inoltre attiva, sempre con i prodotti G+, nel campo degli elastomeri e dei materiali compositi (tra cui pneumatici e asfalti).

L’audizione, organizzata dalla US National Graphene Association, di cui Directa Plus fa parte dallo scorso anno, ha visto alternarsi, dopo un’introduzione sul grafene e il suo potenziale innovativo, sette approfondimenti sulle applicazioni presentati dai CEO di altrettante aziende leaders del settore. Insieme a Directa Plus, erano presenti tre aziende inglesi, due americane e una australiana.
Il convegno organizzato a Capitol Hill è stato effettuato alla presenza del senatore Roger Wicker e di esponenti della NASA (National Aeronautics and Space Administration), del NIST (National Institute of Standards and Technology) del DOD (Department of Defense) e dell’EDA (Economic Development Administration).

Durante l’incontro Giulio Cesareo ha mostrato tre casi applicativi riguardanti l’uso del grafene negli asfalti, nell’ambiente e nel workwear, afferma:
“Il potenziale dirompente di questo materiale, in grado di portare un’innovazione radicale ed estremamente concreta in settori maturi come quelli delle infrastrutture e del tessile, e di permettere di risolvere con efficacia problemi ambientali rilevanti quali gli sversamenti di oli in acqua”; prosegue: “Gli esempi presentati dimostrano come l’impatto del grafene nella vita quotidiana delle persone sia già realtà. Si tratta di applicazioni di successo che siamo pronti a portare a breve anche negli Stati Uniti, anche grazie al supporto del nostro nuovo investitore americano, Patrick Soon-Shiong”.

 


Leggi anche

La casa automobilistica McLaren continua il suo storico impegno nella riduzione del peso dei veicoli. Come conferma la supercar 765LT, l’azienda punta infatti a ottimizzare efficienza e prestazioni dei suoi modelli ibridi che prevede di lanciare sul mercato nel 2025 grazie a un attento lavoro sui materiali, ricorrendo ai materiali compositi sia per le parti interne sia per quelle esterne della vettura…

Leggi tutto…

Una nuova tecnologia rivoluzionaria sviluppata dal National Composites Center (NCC) e dalla Oxford Brookes University consente ora di separare (o smantellare) le strutture in materiale composito in modo rapido ed economico utilizzando una semplice fonte di calore. Questa ricerca potrebbe trasformare la progettazione, l’uso e il riciclaggio a fine vita di un’ampia gamma di prodotti, tra cui automobili, aeromobili e turbine eoliche…

Leggi tutto…

Grazie a una collaborazione con diversi partner, l’International Lunar Exploration Working Group (ILEWG) sta affrontando una nuova sfida per lo sviluppo di tute spaziali non solo più resistenti ai danneggiamenti, ma anche dotate di un sistema di rilevamento dei danni. A questo fine è stato sviluppato un prototipo che impiega un materiale con fibre aramidiche con proprietà balistiche e di conducibilità …

Leggi tutto…

Il progetto NEMMO ha l’obiettivo di ridurre i costi di manutenzione e aumentare la resa delle turbine mareomotrici e più in generale, di migliorare l’efficacia in termini di costi dell’energia delle maree. Una delle fasi centrali del progetto è la creazione di nuovi rivestimenti e materiali per le pale delle turbine per ridurne l’usura. Proprio in quest’ottica, di recente, sono stati installati una serie di pannelli provenienti da pale per turbine mareomotrici realizzati in fibra di vetro e con un rivestimento in gel-coat che resteranno immersi per sei mesi per determinare il livello di biofouling sulla superficie…

Leggi tutto…

Sebbene siano una classe di composti chimici ideale per lo sviluppo di materiali avanzati, i liquidi ionici hanno ricevuto la dovuta attenzione solo negli ultimi due decenni. Di recente, uno studio congiunto spagnolo e portoghese ha sviluppato compositi a base di liquidi ionici e polimeri, che sembrano aprire ampie prospettive di impiego per la produzione di nuovi materiali intelligenti…

Leggi tutto…