Dornier Seawings lancia Orca: la piattaforma per missioni anfibie costruita interamente con compositi

Orca si basa sullo stesso concetto di Seastar, l’aliscafo ideato per il commercio della Dornier Seawings. La cellula aerea di Orca, come quella di Seastar, è costruita con fibre di materiali compositi provenienti da carbone e vetro non corrosivi, entrambi di alta qualità e prodotti in azienda. Orca vanta le stesse qualità e vantaggi di Seastar, ma con stazioni di equipaggiamento di missione interne ed esterne opzionali.

Orca verrà utilizzata per le missioni di alto livello, come quelle di salvataggio marittimo, antipirateria, controllo dell’industria ittica, monitoraggio delle catastrofi naturali, e offre un equipaggiamento per la ricerca e sorveglianza, così da poter trasportare barelle per evacuazioni mediche. La struttura meccanica in materiali compositi rende Orca immune alla corrosione, anche in condizioni di alta salinità. La forma affusolata dell’imbarcazione garantisce una buona resistenza alle brusche tempeste in mare aperto, la sua combinazione a cinque eliche con lame e la potente turbina la rende molto efficiente e diviene il dispositivo anfibio più veloce della sua classe.

Un altro aspetto positivo che introduce Orca sta nel fatto che risulta utile nelle missioni ambientali per l’analisi sugli sprechi di plastica nell’oceano su una tabella giornaliera, cosa che la maggior parte delle imbarcazioni non sono in grado di fare. Quest’analisi dell’acqua potrebbe aiutare a definire la provenienza dello spreco e quindi progettare un giusto registratore.

Dornier Seawings dialoga con i maggiori dipartimenti di sicurezza marittima interessati all’utilizzo di orca per aumentare l’efficienza delle missioni. La compagnia ha pianificato il lancio del prodotto per il 2022.


Leggi anche

Il Ministero dell’istruzione e della ricerca tedesco ha finanziato con 6,5 milioni di euro il Green Carbon Project della Technical University of Munich (TUM), con lo scopo di progettare materiali compositi con applicazioni tecnologiche innovative e un’alta sostenibilità ambientale. Secondo i ricercatori del TUM, infatti, è possibile produrre nuovi materiali combinando granito allo stato nativo e altre rocce dure con fibre di carbonio di origine vegetale, e ridurre l’emissione di CO2….

Leggi tutto…

Two School of Civil Engineering researchers won 2 Gold medals at the International Invention, Innovation and Technology Exhibition (ITEX) 2019. …

Leggi tutto…

Il leader mondiale dei trasporti sfrutterà la stampante 3D F900 per accelerare la produzione dei treni, riducendo al contempo le esigenze di stoccaggio di pezzi di ricambio…

Leggi tutto…

Pale e turbine da rottamare costituiscono un’operazione costosa sia economicamente che nell’impatto ambientale. Ora esiste una soluzione alternativa: invece di staccare la spina è possibile allungare la vita alle turbine, cambiando solo le pale. Il progetto di rigenerazione senza ruspe è firmato da eTa Blades una ex start up di Fano, nelle Marche….

Leggi tutto…

NextGenCup Challenge è il progetto messo a punto dalle più note catene mondiali di food and beverage, Starbucks e McDonald’s, che invita grandi e piccoli imprenditori a creare i bicchieri del futuro, con cannuccia e coperchio completamente riciclabili e compostabili. Riciclo, compostaggio, riuso e riduzione dell’utilizzo di materie prime sono i cardini sui quali si fonda NextGen Consortium and Challenge…

Leggi tutto…