Dornier Seawings lancia Orca: la piattaforma per missioni anfibie costruita interamente con compositi

Orca si basa sullo stesso concetto di Seastar, l’aliscafo ideato per il commercio della Dornier Seawings. La cellula aerea di Orca, come quella di Seastar, è costruita con fibre di materiali compositi provenienti da carbone e vetro non corrosivi, entrambi di alta qualità e prodotti in azienda. Orca vanta le stesse qualità e vantaggi di Seastar, ma con stazioni di equipaggiamento di missione interne ed esterne opzionali.

Orca verrà utilizzata per le missioni di alto livello, come quelle di salvataggio marittimo, antipirateria, controllo dell’industria ittica, monitoraggio delle catastrofi naturali, e offre un equipaggiamento per la ricerca e sorveglianza, così da poter trasportare barelle per evacuazioni mediche. La struttura meccanica in materiali compositi rende Orca immune alla corrosione, anche in condizioni di alta salinità. La forma affusolata dell’imbarcazione garantisce una buona resistenza alle brusche tempeste in mare aperto, la sua combinazione a cinque eliche con lame e la potente turbina la rende molto efficiente e diviene il dispositivo anfibio più veloce della sua classe.

Un altro aspetto positivo che introduce Orca sta nel fatto che risulta utile nelle missioni ambientali per l’analisi sugli sprechi di plastica nell’oceano su una tabella giornaliera, cosa che la maggior parte delle imbarcazioni non sono in grado di fare. Quest’analisi dell’acqua potrebbe aiutare a definire la provenienza dello spreco e quindi progettare un giusto registratore.

Dornier Seawings dialoga con i maggiori dipartimenti di sicurezza marittima interessati all’utilizzo di orca per aumentare l’efficienza delle missioni. La compagnia ha pianificato il lancio del prodotto per il 2022.


Leggi anche

Composite camshaft module

Nonostante la ricerca continua di materiali più leggeri per l’automotive, le vetture in commercio hanno ancora gli alberi a camme, componente chiave dei propulsori, in alluminio. Un gruppo di ricerca dell’Istituto Fraunhofer per le tecnologie chimiche ICT, insieme ad alcuni partner, ha prodotto un albero a camme da polimeri termoindurenti fibrorinforzati. Questo componente leggero, al momento disponibile solo come dimostratore, aiuterà a ridurre il peso del motore e i costi di assemblaggio…

Leggi tutto…

Green construction

Un gruppo di ricercatori australiani ha scoperto un nuovo tipo di polimero per la produzione della gomma che unito a plastica riciclata, fibre da scarti vegetali o sabbia potrebbe favorire la produzione di nuove tipologie “verdi” di mattoni e materiali da costruzione…

Leggi tutto…

Graphene-reinforced carbon fibre

Un gruppo di ricercatori alla Penn State University in Pennsylvania ha scoperto che l’aggiunta di una piccola percentuale di grafene nel processo produttivo della fibra di carbonio non solo rende la fibra più resistente, ma può anche aiutare ad abbattere i costi di produzione. La scoperta potrebbe avvantaggiare il settore automobilistico, garantendo materiali più sicuri e meno costosi…

Leggi tutto…

Hyundai

Una innovativa tecnologia ha permesso di ridurre del 20% il peso del bagagliaio della Hyundai Creta. Si tratta di un composito termoplastico che combina un pannello sandwich a nido d’ape in PP e pelle composita GMT…

Leggi tutto…

Un gruppo di ricercatori del College of Science del Virginia Tech (USA) hanno sviluppato un materiale formato da fibre di carbonio porose con una capacità di dissalazione di piccoli lotti di acqua fino a 40 volte più veloce rispetto ad altri materiali disponibili oggi. Questo tipo di fibre potrebbe trovare applicazione nell’industria automobilistica, dove materiali simili, ma meno efficienti, sono già utilizzati come gusci esterni di alcune auto di lusso. Ultimamente, i ricercatori prevedono anche una nuova applicazione nell’ambito della desalinizzazione capacitiva…

Leggi tutto…