Dragonfly: l’hyperscooter elettrico con un ponte composito in fibra di carbonio

La società di veicoli ricreativi personali D-Fly (Londra, Regno Unito) ha recentemente presentato il suo hyperscooter elettrico Dragonfly che, grazie all’utilizzo di due motori da 550 watt, è in grado di raggiungere i 40 chilometri all’ora.

 

La scelta dei materiali

Per garantire la stabilità dello scooter, che ha un peso complessivo di 16,8 chilogrammi, è stato realizzato un ampio ponte in fibra di carbonio, materiale che:

  1. vanta un elevato rapporto resistenzapeso
  2. promuove una flessione naturale, pur mantenendo una rigidità ottimale.

La fabbricazione del ponte, ad opera di un’azienda partner di D-Fly specializzata in materiali compositi, ha comportato la stratificazione di fogli di fibra di carbonio 3K e l’inserimento di un nucleo in schiuma in uno strumento a doppia cavità.

 

Il processo di produzione

Prima di tutto viene introdotta la resina e il ponte viene consolidato tramite calore e pressione. Successivamente vengono progettati i canali compositi all’interno del ponte, che consentono ai cavi elettrici di fluire attraverso di esso per collegare luci posteriori e sensori. Dopo lo stampaggio, la struttura viene quindi rifilata, lucidata e completata con il suo rivestimento esterno. Infine, il nastro adesivo viene applicato sulla parte superiore del ponte, prima che questo venga assemblato con le sue parti complementari.

Oltre al ponte, anche i parafanghi dello scooter sono disponibili in fibra di carbonio.

 

Alla conquista del mercato

Attualmente Dragonfly è già presente sul mercato in due versioni:

  • la DF urbana, per una guida fluida in centri abitati o parchi cittadini
  • la DFX offroad, dotata di parafanghi e paramani più larghi per l’uso su terreni difficili.

Il settore della mobilità urbana è in piena espansione. – afferma Jez Williman, CEO di D-Fly GroupPer questo motivo ci siamo resi conto della necessità di un prodotto più avanzato e di alta qualità che inaugurasse una nuova era della mobilità elettrica. Con Dragonfly, crediamo di aver creato qualcosa che cambierà per sempre il modo in cui le persone si muovono nelle città“.

 


Leggi anche

Si chiama Aehra il nuovo Sport Utility Vehicle che vanta una potenza fino a 816 CV (550-600 kW) e un’autonomia superiore agli 800 km, grazie a soluzioni aerodinamiche all’avanguardia e a un peso inferiore alle 2 tonnellate. L’auto è realizzata in materiali compositi, scelti per la loro leggerezza e il basso impatto ambientale, ottenuto grazie all’impiego di materiali riciclabili fino a cinque cicli e alla possibilità di utilizzare compositi da riciclo….

Leggi tutto…

Prodotta tra il 1965 e il 1969 come modello entry level, la 912c originale non aveva le caratteristiche per essere considerata un’auto da corsa ad alte prestazioni. Montava, infatti, un motore 1.6 quattro cilindri da 90 CV che le consentiva un’accelerazione 0-100 km/h in 13,5 secondi. Oggi, però, questa vettura è stata rivista con una meccanica completamente diversa. …

Leggi tutto…

Le hypercar elettriche sono un prodotto di nicchia, che però si sta gradualmente diffondendo, dal momento che sono sempre di più le Case Madri (sportive e non) in procinto di lanciare il proprio modello. Un progetto di non facile realizzazione, per il quale potrebbe essere necessario affidarsi a fornitori esterni per la progettazione della piattaforma, in modo da lasciare agli ingegneri il solo compito di elaborare i motori….

Leggi tutto…

Dettagli concettuali, come l’incorporazione di materiali compositi; un design biomimetico e un focus sulla sicurezza caratterizzano il nuovo concept dell’abitacolo a cinque posti del veicolo elettrico a decollo e atterraggio verticale (eVTOL) di Supernal. Il team di ingegneri e progettisti ha utilizzato l’approccio riduttivo dell’industria automobilistica per creare una cabina leggera, in fibra di carbonio sagomata. …

Leggi tutto…

Nel mondo dei compositi ci si può trovare davanti a problematiche di fissaggio date dalla necessità di ottenere filettature su bassi spessori, o materiali teneri come fibra di carbonio o compositi in genere. Per questa tipologia di problemi Specialinsert® ha tra la sua gamma le olivette autofrenanti, che offrono un sistema di fissaggio leggero ma ad alta resistenza….

Leggi tutto…