È in compositi la barca 100% italiana di Ambrogio Beccaria

Concepita partendo dall’esperienza di Ambrogio e del progettista, l’imbarcazione è stata costruita nei Cantieri Sangiorgio Marine di Genova ed è il frutto di una serie di studi e simulazioni che l’hanno resa facile da governare, anche in situazioni difficili.

 

La potenza è nulla senza controllo

In linea con il claim di Pirelli, i tecnici hanno dato vita ad un’imbarcazione maneggevole, da spingere al massimo, anche con 30 nodi.

Esperienza e metodo ingegneristico hanno portato a valutare più di quaranta tipi di scafi e a sceglierne uno con un centro di gravità molto a poppa, in modo che la prua non fenda le onde ma ci rimbalzi.

AllaGrande vanta inoltre alcune peculiarità che la rendono unica, come una prua molto larga e corta, i timoni basculanti ad ala di gabbiano e il bompresso mobile.

«Fare una barca con queste caratteristiche è un rischio – ha detto lo skipper – tutti gli altri hanno il bompresso fisso, ma noi avevamo un obiettivo diverso: a me interessa avere più controllo che velocità».

 

Sostenibilità e made in Italy

La struttura di AllaGrande è realizzata, per quanto consentito dai regolamenti, in materiali compositi amici dell’ambiente, come le fibre di lino e le resine naturali.

L’imbarcazione è dotata pannelli solari, che generano il 50% dell’energia necessaria per la navigazione e alimentano un dissalatore che produce acqua potabile.

«Il fatto che AllaGrande sia una barca 100% made in Italy e made in Genoa è per noi un punto d’orgoglio. – ha affermato Edoardo Bianchi, fondatore e Ceo di Sangiorgio Marine – Finalmente siamo in grado di affermarci in un mercato da sempre dominato dai cantieri francesi».

 


Leggi anche

Si chiama Marlic (Marche applied research for innovative composites) il progetto di economia circolare, co-finanziato dalla Regione Marche attraverso fondi europei, che prevede di ridare nuova vita a materiali compositi di scarto, creando il nuovo da qualcosa che altrimenti andrebbe buttato e disperso nell’ambiente. …

Leggi tutto…

Un recente progetto ha visto la realizzazione e l’approvazione di una sovrapposizione del pannello strumenti in un elicottero Airbus H125. L’intero procedimento doveva far sì che l’abitacolo venisse modernizzato, come richiesto dal cliente, ma senza dover aspettare i tempi e sostenere i costi necessari per rifare completamente il pannello….

Leggi tutto…

Strumenti costosi e di dimensioni importanti, le turbine eoliche sono macchine che devono funzionare il più efficacemente possibile e con tempi di fermo estremamente ridotti. Questo fa sì che non si possano commettere errori durante le operazioni di produzione e installazione. …

Leggi tutto…

Il progetto, finanziato da un contratto Australian Government Defence Innovation Hub, ha visto la progettazione di una ruota in fibra di carbonio con una capacità di carico di 9.000 kg e un peso del 35% inferiore rispetto a quelle attualmente utilizzate sul velivolo. La ruota concettuale garantisce, inoltre, una maggiore durata e rappresenta un punto di partenza per altre applicazioni aerospaziali e militari con sollevamento verticale….

Leggi tutto…

Il lancio della fibra di carbonio colorata nei settori dello sport, dell’automotive e dell’elettronica è un progetto ambizioso che oggi attrae nuovi investimenti e porta alla nascita di numerose partnership aziendali. Le applicazioni spaziano dall’elettronica di consumo, all’industria aerospaziale, dalla nautica da diporto ai prodotti lifestyle, fino ad arrivare alla Formula Uno. …

Leggi tutto…