Emilia4, l’auto del futuro in materiale composito sfida l’American Solar Challange

Nella sfida – che vedrà impegnati 38 prototipi realizzati dai laboratori universitari di tutto il mondo, tra cui il Mit di Boston e l’Università californiana di Berkeley – Emilia4 è l’unica auto partecipante europea. Il prototipo è realizzato da Onda Solare, il team nato all’interno dell’Università di Bologna, dipartimento di ingegneria, in collaborazione con un gruppo di aziende specializzate del territorio, istituti tecnici e gli altri atenei della Regione che già l’anno scorso hanno lanciato il progetto (Motorvehicle University of Emilia-Romagna).

Claudio Rossi, alla guida il progetto Emilia4 ha realizzato un veicolo vero (4,6 metri di lunghezza, 1,80 di larghezza) che dovrà trasportare quattro passeggeri per 3 mila chilometri dal Nebraska all’Oregon. Tutto il telaio, le sospensioni, la trasmissione le ruote e le parti non elettriche dei quattro motori integrati alle ruote sono in materiali compositi a base di carbonio. La struttura ricorda quella di un catamarano.

Emilia4 pesa a vuoto 130 chili a cui vanno aggiunti i 67 chili del pacco batterie da 16 kWh realizzato grazie a una serie di brevetti che consentono il collegamento senza cavi delle 1.800 celle, ciascuna monitorata per evitare il surriscaldamento.
Il regolamento limita a 5 metri quadrati la superficie dedicata alle celle fotovoltaiche, il che riduce la disponibilità di energia e costringe i team a contenere i pesi al limite e ottimizzare l’aerodinamica. Per questo motivo la scelta di usare i materiali compositi si rivelerà vincente ai test che Emilia4 è chiamata a superare all’American Solar Challange.


Leggi anche

European star at the CES Fair in Las Vegas, USA, Ujet electric scooter was born out of an idea of a German company based in Luxembourg and has up to 150 kilometers of autonomy. It is the result of five years of studies, and, after its production began last October 2017, it will be shortly launched in Italy (Milan), Germany (Munich), France (Paris) and Spain (Barcelona)…

Leggi tutto…

Un progetto ideato da uno scienziato italiano, con protagonista Remove DEBRIS, un piccolo satellite in fibra di carbonio il cui decollo è previsto a marzo 2018, che ci aiuterà a capire qual è il metodo migliore per fare pulizia dai detriti spaziali nell’orbita terrestre. Al momento, l’investimento economico è stato di 15 milioni di euro, finanziati per metà dalla Commissione Europea…

Leggi tutto…

Il marchio Locman ha presentato al pubblico il nuovo orologio frutto dell’accordo chiuso a inizio 2017 con Ducati. L’orologio è stato disegnato e prodotto secondo un progetto costruttivo innovativo, che unisce movimenti di qualità a materiali come il titanio, la fibra di carbonio, l’acciaio AISI 316L e il silicone, noti per le loro performance di assoluta leggerezza e resistenza all’urto e allo stesso tempo per la piacevolezza delle loro texture…

Leggi tutto…

I MacBook non sono notebook economici e, come avviene con gli iPhone, andrebbero protetti dalle cadute e dai graffi, soprattutto durante il loro trasporto. A tal proposito una startup della Repubblica Slovacca ha creato una custodia utile per il trasporto dei MacBook. Coperta dalla fibra di carbonio, la C6shell è una sorta di capsula rigida, in cui inserire il pc portatile. All’ interno, una struttura morbida, imitata dagli zaini, consente di attutire i colpi e non graffiare il computer. …

Leggi tutto…

Alfa Romeo ha presentato la prima “Quadrifoglio” che è anche un SUV: si tratta di Stelvio Quadrifoglio, il nuovo modello che vanta numerosi primati nella sua categoria. La fibra è stata utilizzata per l’albero di trasmissione, per gli interni, e a richiesta ci saranno i dischi freno carbo-ceramici ad alte prestazioni…

Leggi tutto…