Extreme light insulator system application

ELISA: Sistema di costampaggio di assorbitori acustici e termici su un manufatto realizzato in LWRT – Light Weight Reinforced Thermoplastics

ELISA

Esempio applicazione ELISA: (20) pannello LWRT – (assorbitore costampato) [Domanda di brevetto BS2014A000120]

L‘applicazione viene definita light in quanto non necessita di una modifica strutturale dello stampo, rispetto ad una soluzione senza assorbitore, e permette al contempo la massima flessibilità di progettazione e realizzazione.
Le eventuali modifiche alla geometria dell‘assorbitore in corso di progetto non necessitano di grossi investimenti in modifiche alle attrezzature.
Inoltre si facilita la fase di sviluppo e test del particolare: con lo stesso stampo si possono realizzare diverse versioni di un singolo stampato combinando diversi tipi di assorbitori acustici e termici in base alle esigenze del progettista e del cliente.

VANTAGGI

COSTAMPAGGIO
Vengono eliminate tutte le operazioni manuali di montaggio successive come la saldatura o l’incollaggio.
Notevole risparmio di manodopera.

Si rende superfluo l’utilizzo di ulteriori componenti come colla e inserti di fissaggio.
Risparmio in componentistica.

Si rendono superflue attrezzature dedicate come posaggi di incollaggio o attrezzature di saldatura e incollaggio.
Riduzione degli investimenti.

Ciclo lean.
Riduzione WIP e costi di magazzino.

FLESSIBILITÀ DI REALIZZAZIONE
Con lo stesso stampo possono essere realizzati diversi particolari posizionando diversi tipi di assorbitori o modificando la loro posizione. Non è necessario modificare lo stampo ma solo le cornici di applicazione.
Riduzione investimenti e flessibilità realizzativa.

Nella fase di sviluppo prodotto possono essere testate diverse soluzioni.
Flessibilità di progettazione e sviluppo prodotto.

Anche nella fase prototipale possono essere utilizzate le attrezzature di serie.
Riduzione investimenti in prototipi.

 

AUTORI:
Gariboldi Gianpietro, Cioni Gianni, Antonioli Andrea, Marcello Agrati

GLOBAL SYSTEM INTERNATIONAL S.P.A.
VIA ENRICO FERMI, 57
24020 SCANZOROSCIATE (BG)


Leggi anche

Un materiale che non manca mai su una pista, il filamento CF-PA12, e che ora supera di gran lunga il suo tradizionale impiego. Arricchito con la fibra di carbonio è stato adoperato nella stampa 3D. La gara ufficiale di Formula Student è stato lo scenario perfetto per sperimentare il neonato collettore di aspirazione stampato dalla società polacca Omni3D….

Leggi tutto…

Per aumentare la sicurezza dei caschi indossati dai piloti del motorsport a 4 ruote la Federazione Internazionale dell’Automobile ha introdotto a partire da quest’anno un nuovo regolamento, più rigido e restrittivo. Le specifiche tecniche da rispettare per ottenere l’approvazione riguardano la conformazione e la struttura dei caschi così da limitare danni e incidenti alla testa, la zona più delicata e al tempo stesso più esposta del conducente….

Leggi tutto…

Con grandi progressi tecnologici lungo la catena, l’industria dei compositi riesce ad automatizzare e ridurre i tempi dei processi di produzione. Questi sviluppi sono stati di grande rilevanza per COMPOSITES EUROPE 2018 che si è svolto per la tredicesima volta dal 6 all’8 Novembre. Le prospettive per l’intera industria dei Compositi sono decisamente buone e con enormi potenziali….

Leggi tutto…

Il polo McLaren di Sheffield, centro di eccellenza della casa automobilistica inglese per la ricerca e produzione di componenti in materiali compositi rinforzati con fibra di carbonio, ha in serbo grandi progetti per il 2019. Costato oltre 50 milioni di sterline, è il secondo impianto produttivo di McLaren Automotive…

Leggi tutto…

Koenigsegg ha prodotto la prima auto al mondo in puro carbonio, non trattato. Quello che il costruttore chiama Koenigsegg Carbon Naked (KCN). Ad indossarlo è una Regera, la cui carrozzeria in fibra di carbonio non è stata trattata con nessun altro elemento. Nessuno smalto, nessuna vernice o rivestimento lasciando scoperta la superficie di carbonio grezzo…

Leggi tutto…