Finestre intelligenti grazie ai materiali compositi


Secondo i dati di partenza di questo studio, infatti, in estate una parte significativa del calore all’interno di un edificio proviene dalle finestre, sotto forma di luce solare. Più esattamente, per ogni metro quadrato di finestre, entra nell’ambiente l’equivalente di circa 500 Watt di energia sotto forma di calore generato dalla luce del sole, spiega Nicholas Fang, professore di ingegneria meccanica al MIT. Ha quindi senso studiare una soluzione che agisca sulle finestre.
Per combattere il caldo, si ricorre spesso e in maniera massiccia all’aria condizionata con un notevole impatto sull’ambiente e sulla bolletta. Ma grazie alla nuova invenzione del MIT si potrebbero abbattere i costi e ridurre al minimo la necessità del condizionatore. Si tratta di una speciale pellicola trasparente da applicare sulle finestre e in grado di respingere il 70% del calore solare in ingresso. Al suo interno sono nascoste microparticelle fatte di materiale “a cambiamento di fase”. Significa che, al raggiungimento di una determinata temperatura, le microparticelle cambiano stato. Quando la temperatura sulla finestra raggiunge i 29 gradi, le sfere “spremono” tutta la loro acqua e si restringono in fasci di fibre di vetro che riflettono la luce. All’atto pratico, la finestra non è più trasparente, assume l’aspetto del vetro satinato.
Gli scienziati hanno stimato che se si ricoprissero tutte le finestre degli edifici in questo modo, l’aria condizionata e i costi energetici diminuirebbero almeno del 10%.
“Le smart windows attualmente sul mercato non sono molto efficienti nel rifiutare il calore dal sole, o, come alcune finestre elettrocromiche, potrebbero aver bisogno di più energia” ha detto Fang, “Abbiamo calcolato che per ogni metro quadrato, vengono introdotti dalla luce del sole attraverso una finestra circa 500 watt di energia sotto forma di calore”.
La speranza è che soluzioni simili possano diffondersi in tutto il mondo per ridurre al minimo il ricorso alle fonti fossili.


Leggi anche

Con grandi progressi tecnologici lungo la catena, l’industria dei compositi riesce ad automatizzare e ridurre i tempi dei processi di produzione. Questi sviluppi sono stati di grande rilevanza per COMPOSITES EUROPE 2018 che si è svolto per la tredicesima volta dal 6 all’8 Novembre. Le prospettive per l’intera industria dei Compositi sono decisamente buone e con enormi potenziali….

Leggi tutto…

Gli scienziati dell’Università di Manchester ritengono che i compositi in fibra di juta naturale rinforzati con grafene potrebbero rivelarsi una combinazione vincente. I dati dimostrano come il grafene potrebbe essere fondamentale nella creazione di un’alternativa più economica e più ecocompatibile ai compositi sintetici per usi finali nelle principali aree produttive come l’industria automobilistica, la costruzione navale, le pale eoliche durevoli e le basse costo delle abitazioni…

Leggi tutto…

La startup Moi, nata all’interno di + Lab del Politecnico di Milano, ha sviluppato e brevettato una tecnologia di stampa 3D in grado di realizzare prodotti ad elevate prestazioni in materiale composito guadagnandosi la vittoria del Pin, Premio Nazionale Innovazione 2018, il concorso legato a idee e business plan del mondo universitario…

Leggi tutto…

Lo sviluppo congiunto cliente – bigHead favorisce alcune applicazioni migliorandone il disegno finale, aumentando le prestazioni e riducendo i costi. Un esempio è stato l’utilizzo di materiali compositi da parte di Siemens per le navicelle usate sulle nuove turbine eoliche offshore 6MW. È stato sostituito un pannello in acciaio – per la manutenzione e relativo fissaggio con bulloni – con uno in composito e bigHead….

Leggi tutto…

Venerdì 30 novembre dalle ore 14:00, presso il Politecnico di Milano, Assocompositi organizza un incontro di presentazione aperto a tutti gli operatori del settore del documento tecnico CNR DT 215/2018 sulle ”Istruzioni per la Progettazione, l’Esecuzione ed il Controllo di Interventi di Consolidamento Statico mediante l’utilizzo di Compositi Fibrorinforzati a matrice inorganica”, sottoposto ad inchiesta pubblica fino al 31 gennaio 2019…

Leggi tutto…