Ford sviluppa uno snodo a sospensione posteriore in fibra di carbonio

L’industria automobilistica mondiale sta spingendo verso obiettivi di massa più severi per soddisfare le sempre più stringenti normative sulle emissioni e la richiesta da parte del cliente di estese gamme di veicoli da alte prestazioni. Ford ha scelto di avviare il ciclo di sviluppo scegliendo un componente di sospensione più leggera in fibra di carbonio. Questa parte composita di recente sviluppo si è dimostrata appropriata per un veicolo con segmento C ad alte prestazioni. Un equilibrio delicato e perfetto ottenuto tra il materiale e la selezione del processo ha portato ad una riduzione dei tempi produzione a soli 5 minuti. Questo risultato è paragonabile, o nella maggior parte dei casi, supera i tempi di elaborazione delle tecnologie di produzione precedenti.
Un importante traguardo eseguito grazie alla sinergia tra Ford Motor Company, Gestamp, WMG, the University of Warwick e GRM Consulting. Il progetto, durato 2 anni, intitolato Composite Lightweight Automobile Suspension System (CLASS) ha visto l’evolversi della tecnologia dei materiali compositi sia all’interno del mondo accademico che nell’industria aerospaziale per raggiungere le principali pratiche di ingegneria automobilistica e compensare l’aumento di peso inerente ai veicoli elettrici e autonomi. La complessità del comportamento dei materiali compositi rimane ancora una sfida da superare per l’industria automobilistica nel suo complesso. Sebbene una grande quantità di ricerche sia stata dedicata alla comprensione dei materiali compositi sia nell’industria che nel mondo accademico, l’arte della predizione del comportamento del materiale composito è ancora agli inizi.
Inoltre, durante lo sviluppo del progetto, il design della componente composita si è evoluto a un design multi-materiale, sfidando i team di produzione e ottimizzazione. Le indagini iniziali basate su vari articoli indicavano che l’idea di un nodo leggero composito poteva essere realizzata da un singolo materiale Sheet Moulding Compound (SMC). Tuttavia, una lunga tempistica ingegneristica ha portato il team di progettazione verso un sistema multi-materiale; dove strati di prepreg davano le necessarie proprietà meccaniche planari e lo stampaggio su SMC permetteva i complicati dettagli geometrici e l’irrigidimento fuori piano. L’approccio di combinare il prepreg uni e bi-assiale con SMC ha suggerito che il componente composito potesse raggiungere gli obiettivi di resistenza meccanica, rigidità e deformazione. Altre sfide progettuali hanno comportato l’introduzione di ulteriori innovazioni, pur restando all’interno del design, senza influire sulla produzione. Il progetto è stato finalizzato solo dopo il completamento di una simulazione estesa e di un lavoro sperimentale. Ciò ha ottimizzato e perfezionato il design per soddisfare la durabilità degli OEM e gli obiettivi NVH. Il risparmio di peso finale raggiunto dal progetto è pari ad almeno il 30% con un potenziale potenzialmente eccezionale del 50%, con pari funzionalità.
Presso il Ford Research and Innovation Centre di Dearborn negli Stati Uniti è stato sviluppato il processo di produzione di stampaggio a compressione in grado di produrre in serie questo snodo di sospensione dalla forma complessa e ad alta resistenza. Questa esperienza ha aiutato il progetto a ottimizzare i parametri di processo in modo da ottenere le massime prestazioni meccaniche e la precisione geometrica.


Leggi anche

Il polo McLaren di Sheffield, centro di eccellenza della casa automobilistica inglese per la ricerca e produzione di componenti in materiali compositi rinforzati con fibra di carbonio, ha in serbo grandi progetti per il 2019. Costato oltre 50 milioni di sterline, è il secondo impianto produttivo di McLaren Automotive…

Leggi tutto…

Koenigsegg ha prodotto la prima auto al mondo in puro carbonio, non trattato. Quello che il costruttore chiama Koenigsegg Carbon Naked (KCN). Ad indossarlo è una Regera, la cui carrozzeria in fibra di carbonio non è stata trattata con nessun altro elemento. Nessuno smalto, nessuna vernice o rivestimento lasciando scoperta la superficie di carbonio grezzo…

Leggi tutto…

Williams Advanced Engineering (WAE) e il suo Team, a stagione conclusa, impiegano le proprie competenze per sviluppare nuove tecnologie sfruttando l’esperienza consolidata nella lavorazione dei materiali compositi. In particolare, WAE ha progettato e realizzato “Bodypod”, una struttura in fibra di carbonio adatta per i trasporti d’emergenza infantile…

Leggi tutto…

Stampato a pezzi, viene poi finito e assemblato a mano: questa tecnologia permette di realizzare forme impensabili prima d’ora. I processi di stampa in 3d garantiscono, alla ruota, principale componente della mobilità, inedite possibilità di sviluppo per gli anni a venire. Ne è un esempio il futuristico cerchio messo a punto da HRE, specialista californiano del settore…

Leggi tutto…

La Carbon Series è la Ford con più carbonio a vista mai prodotta: la trama del materiale composito è visibile in diverse parti dell’auto, comprese le nuove strisce che attraversano la parte superiore della carrozzeria per tutta la sua lunghezza. Il nuovo allestimento combina materiali ultraleggeri con nuove componenti per ridurre il peso della vettura di 18 kg….

Leggi tutto…