Institut für Textiltechnik - Automated Repair Patch Production

From an international cooperation, the “Automated Repair Patch Production” project

In the publicly funded cooperation project “Automated Repair Patch Production – ARP2”, the Institut für Textiltechnik (ITA) in Aachen, is developing a process chain for the automated production of repair patches for Fiber-Reinforced Plastic (FRP) components in cooperation with the Sabanci University (Istanbul).

Aim of repair is to restore the mechanical properties of a damaged component. Thereby the aspects power flow, reliability and economy are in part clearly contradictory. Various repair strategies have been established in the past. However, the basic repair procedure remains the same. Thus, each repair process starts with the damage detection. It is examined whether the damaged component can be repaired or whether a replacement is necessary, this often depends on the construction (integral or differential design method). If a repair takes place, the repair method is selected and carried out in the next step. However, the industrially established repair process is characterized by a high amount of manual work in all process steps.

The available results of the ARP2 project prove that it is possible to partially automate the repair process of FRP components on a demonstrator geometry. The placement of the repair patch is still done manually even with the newly developed repair process. The precision in stacking the individual textile layers is defined by the industrial robot used and the process dynamics. The developed packaging enables the transport of flat repair patches and protects them from enviroment and mechanical influences.

The project is funded by the BMBF and DLR and it develops in partnership with Sabanci University, Turkey.

 

Featured image: A process chain for the automated production of repair patches for FRP components – Source: ITA

Source: Institut für Textiltechnik


Leggi anche

ICN2 spray-drying

Il gruppo di ricerca Supramolecular NanoChemistry and Materials dell’ICN2 (Spagnaha ampliato il campo di applicazione della tecnica dello spry-drying, la tecnica di essicamento a spruzzo delle sospensioni liquide, dimostrando anche che è un metodo adatto per produrre strutture metallo-organiche (MOF) e strutture organiche covalenti (COF), nonché i loro composti…

Leggi tutto…

Method to produce spoke wheels in FRP

Un gruppo di ricercatori dell’Università Tecnica di Kaiserslautern ha sviluppato un metodo di produzione automatizzata più efficiente di quelli in uso per la produzione di ruote a raggi in plastica fibrorinforzata. Il nuovo metodo non solo è più economico, ma anche a basso impatto ambientale, in quanto non produce scarti…

Leggi tutto…

Aperte le iscrizioni per la Scuola Estiva Materiali Compositi 2020

Quest’anno la Scuola Estiva Materiali Compositi si svolgerà online e in collaborazione con Compositi Magazine e la piattaforma Compositi Live Webinar. L’evento si svolgerà in tre sessioni pomeridiane nelle giornate del 15, 16 e 17 settembre. È possibile iscriversi sia a una sola sessione, che a due o a tutte e tre. Iscriviti ad ogni sessione a cui vuoi partecipare, effettuando una singola registrazione per ciascuna. L’iscrizione verrà ritenuta valida una volta ricevuta la contabile del bonifico….

Leggi tutto…

La Purdue University (West Lafayette, Ind., USA) ha annunciato che i suoi ricercatori hanno sviluppato un metodo a basso costo, sostenibile ed ecologico per la produzione di pannelli compositi, un metodo che l’Università afferma sta già vedendo un crescente interesse e supporto da parte dei principali attori del settore …

Leggi tutto…

Sustainable Composites logo

Una nuova iniziativa per affrontare il problema del riutilizzo e del riciclo dei materiali compositi alla fine del loro ciclo di vita prende il via nel Regno Unito, sotto la guida del National Composites Centre (NCC) e del Center for Process Innovation (CPI).
Da questa iniziativa, denominata Sustainable Composites, dovrebbe nascere la prossima generazione di materiali compositi eco-compatibili, grazie a una partnership tra industria, mondo accademico e governo che sfrutterà la ricerca e lo sviluppo tecnologico dei compositi nel Regno Unito …

Leggi tutto…